Connect with us

Attualità

Truffa in concorso ai danni dello Stato: arrestato noto medico avezzanese

Pubblicato

on

Marsica. Invalida al 100%, costretta su una sedia a rotelle, incapace di parlare e muovere un braccio.. ma solo davanti alla commissione medico-legale, perché in realtà stava benissimo.

S.S., classe 1973, vittima di un ictus cerebro-vascolare nel 2014, aveva sfruttato la patologia per simulare gravissime conseguenze e ottenerne così, dal novembre 2014, ben due assegni mensili di 279 e 512 euro, rispettivamente per invalidità civile e accompagnamento.

La donna, ufficialmente costretta su una sedia a rotelle, inibita nel linguaggio e con un braccio paralizzato, non ha però convinto gli investigatori del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Avezzano i quali, a seguito di un mirato e duraturo servizio di osservazione e pedinamento, completato da attività di tipo tecnico, hanno fatto la sorprendente scoperta: la donna parla perfettamente, cammina, guida la propria auto, sale le scale, insomma sta bene e svolge autonomamente le attività della vita quotidiana. A fronte della scoperta l’Arma ha mirato la propria attività a capire come la S.S. potesse aver ingannato la Commissione preposta (ASL e INPS) al suo giudizio medico. Da qui un ulteriore sviluppo: la donna non agiva da sola ma in collaborazione con il proprio medico il quale, consapevole del reale positivo quadro clinico, recitava con la stessa in una spregevole e lucrativa messa in scena.

I servizi di osservazione, compiuti tra l’altro per due volte in occasione delle visite collegiali alle quali l’indagata veniva sottoposta dall’INPS, palesavano che la carrozzella utilizzata per la sceneggiata dalla donna, era spinta proprio dal consapevole medico di base R.F., classe 1960, il quale incontrata la donna iniziava la recita, la faceva accomodare cominciando a comunicare con lei a gesti, la presentava alla Commissione come visibilmente disabile, per poi risalutarla, a debita distanza dalla struttura previdenziale, nuovamente sulle sue gambe, in grado di parlare e di stringere la mano con quell’arto che poco prima fingeva paralizzato.

L’attenzione degli investigatori sull’operato del medico permetteva di accertare che la collaborazione nella recita della S.S. verosimilmente non era la sola alla quale l’uomo avesse partecipato. Il dottore risultava da subito molto aperto e disponibile nel distribuire consigli su come comportarsi di fronte a commissioni mediche, e molto “leggero” sulla dispensazione di certificazioni mediche idonee all’esenzione dal lavoro, come emerso dalle attività tecniche condotte dagli investigatori: “… dobbiamo scendere in campo forti… tu devi stare male e io altrettanto insieme a te devo dire che stai proprio male…

La simulazione posta in essere da consumati attori veniva giudicata dal G.I.P. del Tribunale di Avezzano “umanamente offensiva per chi realmente soffre di gravi patologie e vede, spesso, negata e disattesa l’aspettativa ad una pubblica assistenza”. Le reiterate recite e la compartecipazione di un sanitario che appariva avvezzo a simili traffici, facevano ipotizzare che l’indagata possa avere illecitamente retribuito lo stesso ed anche ulteriori soggetti.

Il protrarsi nel tempo delle condotte facevano inoltre ritenere elevata la propensione a delinquere degli indagati, uno dei quali, il medico, è venuto meno al giuramento proprio di una così nobile professione che chiede dedizione al prossimo, al malato e non al profitto. Proprio tali considerazioni hanno portato il GIP del Tribunale  di Avezzano, D.ssa Francesca Proietti, ad accogliere le richieste cautelari avanzate dal pubblico Ministero della Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Avezzano Dott. Maurizio Maria Cerrato, e ad emettere per entrambi la misura degli arresti domiciliari che questa mattina è stata eseguita a carico del medico da parte dei militari del NOR della Compagnia di Avezzano.

La “falsa invalida” S.S. verrà raggiunta dalla medesima misura quanto prima, trovandosi la stessa fuori dal territorio italiano.

Continua a leggere
1 Comment

1 Comment

  1. franca cabras

    2 febbraio 2017 at 15:42

    mia madre, 86 anni affetta da morbo di Parkinson. riconosciuta invalida al 100%
    riconosciuto il diritto alla 104, per tre volte non ha avuto il riconoscimento
    dell’accompagno!!!!!!!!!!!!! è giusto?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Auto parcheggiate nella piste ciclabile, ancora un episodio in città

Pubblicato

on

Avezzano – Due auto, una fiat panda bianca e una nissan micra nera, sono state parcheggiate in piena pista ciclabile. E’ l’ennesima violazione segnalata in città di auto in sosta lungo il neonato percorso del centro cittadino riservato ai ciclisti.  In questo caso, documentato da una foto denuncia, le auto ferme sulle pista ciclabile sono ben due. L’episodio si è consumato ieri pomeriggio a piazza Torlonia proprio davanti al palazzo comunale. Seppur inverosimile che i ciclisti possano fruire della pista ciclabile in caso di pioggia, comunque la violazione resta.

Continua a leggere

Attualità

Gregge di pecore tratto in salvo dallo spazzaneve, accade in Abruzzo

Pubblicato

on

Campo Imperatore – Un gregge di pecore viene colto di sorpresa dall’improvvisa nevica e resta bloccato. E’ stato provvidenziale l’intervento di un mezzo spazzaneve intervenuto per trarlo in salvo. E’ accaduto in Abruzzo tra le montagne di Campo Imperatore. La foto del gregge seguito dal mezzo spazzaneve stanno facendo il giro del web.

Continua a leggere

Attualità

Rischio idrogeologico, a Venere dei Marsi messa in sicurezza della parete rocciosa sopra l’abitato

Pubblicato

on

Venere dei Marsi – L’Amministrazione comunale comunica che sono in corso di ultimazione i lavori di completamento delle opere finalizzate alla mitigazione del rischio idrogeologico nel territorio di Venere dei Marsi (AQ), in un’area a rischio molto elevato, classificata come R4. Gli interventi hanno interessato 3 zone sovrastanti l’abitato dove sono state installate barriere paramassi e reti metalliche ad alta resistenza per la messa in sicurezza di alcuni pendii rocciosi potenzialmente pericolosi. Sono stati imbragati ed ancorati, inoltre, alcuni massi instabili e perlustrata e bonificata l’intera area oggetto dei lavori.

“Riteniamo che la prevenzione del rischio sia la miglior cura per ridurre al minimo le nefaste conseguenze dovute ai disastri naturali ed in questa direzione quotidianamente lavoriamo. Quest’opera, così come l’azione amministrativa intrapresa sul tema della messa in sicurezza degli edifici scolastici ne sono testimonianza. Vogliamo condividere, infine, questo risultato con l’intera comunità e ringraziare la Regione Abruzzo, ed in particolar modo il Consigliere regionale Maurizio Di Nicola, per aver accolto la nostra richiesta di finanziamento mettendo a disposizione dell’Ente una dotazione finanziaria pari ad euro 400.000,00″.

Continua a leggere

Attualità

Il Centro riabilitazione di Avezzano intitolato alla memoria di Nilo Fracassi

Pubblicato

on

Avezzano – Il “Centro di Riabilitazione” di Avezzano (lato Tre Conche) intitolato alla memoria di “Nilo Fracassi”. L’intitolazione, in programma per questa mattina, al compianto geometra Nilo Fracassi, funzionario tecnico dell’Ente Fucino ed assessore comunale, trova fondamento nel suo impegno politico e sociale degli anni ’60, grazie al quale l’ex Centro Polio iniziò a svilupparsi, tanto da potersi definire di fatto promotore di quello che oggi è il “Centro di Riabilitazione di Avezzano”.

Alla cerimonia di intitolazione parteciperanno, il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, il figlio di Nilo Fracassi, Enzo Fracassi, il Vescovo dei Marsi, monsignor Pietro Santoro, il Direttore Generale della Asl, Rinaldo Tordera e  autorità civili, militari e religiose.

Continua a leggere

Attualità

Autostrade, Toninelli: stop ai tir su A24 e A25. Procura apre inchiesta e il Gran Sasso chiude per verifiche

Pubblicato

on

Avezzano Toninelli: Stop ai tir su A24 e A25 “Stop il prima possibile ai tir pesanti sull’autostrada A24-A25 così da evitare un’altra tragedia come quella di Genova – Lo ha ribadito il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, – Noi invitiamo, segnaliamo, diamo direttive. E lo stiamo facendo dopo anni di totale inerzia poi le azioni concrete, le ordinanze di regolazione del traffico spettano al concessionario. Qui serve, dicono i miei tecnici, una disciplina rigorosa per i mezzi pesanti – E insiste – Non c’e’ tempo da perdere. Intanto, abbiamo subito sbloccato i fondi nel decreto emergenze”.
Nessun aumenti tariffe
Alla domanda se il suo intervento per la messa in sicurezza comportera’ l’aumento dei pedaggi, Toninelli risponde che “non c’e’ alcuna correlazione. Intanto in quest’ultimo trimestre siamo riusciti ad abbassare le tariffe ai livelli del 2017 – sottolinea – per il resto, c’e’ un Piano economico finanziario in discussione che vogliamo definire per sbloccare una situazione ferma da troppo tempo”.

Stop alla concessione a Strada dei Parchi
Per quanto riguarda la concessione alla Società Strada dei Parchi, “non c’e’ sul tavolo alcuna proroga – prosegue il ministro – si tratta di un meccanismo che non ci piace. Attraverso il Piano finanziario si rivedono i termini delle concessioni e noi vogliamo privilegiare l’interesse pubblico rispetto a quello che fino a oggi era il prevalente interesse del privato. Ricordo ancora una volta che la societa’ Strade dei Parchi non sottoscrive un nuovo Piano economico finanziario dal 2013″. E osserva: “Non possiamo permetterci un’altra Genova. Il Paese ha bisogno di un grande piano di manutenzione: e questa e’ la piu’ grande opera che serve all’Italia.

A24: Procura L’Aquila apre inchiesta dopo caduta calcinacci
Intanto la Procura della Repubblica dell’Aquila ha aperto un’inchiesta sullo stato dei viadotti dopo la caduta di calcestruzzo in particolare dai viadotti dell’A24 (Roma-Teramo) che attraversano la frazione aquilana di San Giacomo, avvenuto il 10 settembre. A causa del cedimento venne disposta la chiusura momentanea della strada sottostante il viadotto. A presentare un esposto gli uffici competenti della Regione Abruzzo. Nei giorni scorsi i carabinieri hanno sequestrato documenti in varie sedi istituzionali. Nel fascicolo compare anche la relazione dei vigili del fuoco intervenuti per rimuovere i pezzi rimasti sospesi in cui sarebbe stato accertato lo stato di degrado del viadotto.

Traforo Gran Sasso chiude per verifiche tecniche 
La concessionaria Strada dei Parchi comunica che, per attivita’ di monitoraggio e verifiche tecniche, sara’ disposta la chiusura della tratta autostradale San Gabriele/Colledara – Assergi (Traforo del Gran Sasso) dalle ore 22:00 dei giorni 23, 24, 25 e 26 ottobre alle ore 06:00 dei giorni successivi, limitatamente al traffico proveniente da Teramo e diretto verso AQ/A25/RM. Conseguentemente, nei giorni ed orari sopra indicati, i veicoli provenienti da Teramo, e diretti verso AQ/A25/RM, potranno usufruire dell’uscita obbligatoria allo Svincolo di San Gabriele/Colledara e percorrere la SS 80 per il Valico delle Capannelle. Considerate le limitazioni della SP86, tra la SS80 ed Assergi, si consiglia di proseguire sulla SS80 e rientrare in autostrada allo Svincolo di L’Aquila Ovest. In alternativa, da Teramo e per le lunghe percorrenze con provenienza dall’autostrada A14, sara’ possibile usufruire dell’autostrada A25.

Continua a leggere

Attualità

Ceglie(Pd): dopo il lifting alla città e la campagna acquisti si pensi a salvare tribunale e università

Pubblicato

on

Avezzano – “La ricreazione è finita.  Il Tribunale di Avezzano va salvato a ogni costo insieme con la sede distaccata di Giurisprudenza – il monito viene lanciato in una nota da Giovanni Ceglie, segretario del Pd di Avezzano all’indomani dell’allarme lanciato dagli avvocati del foro di Avezzano circa il nuovo rischio chiusura che incombe sul palazzo di giustizia. [Leggi qui] –I fatti sgradevoli di questi giorni ci convincono che l’attuale amministrazione comunale non sia una compagine coesa e mirata al bene della città, ma piuttosto un’armata Brancaleone. L’avvicendarsi sugli scranni di persone diverse almeno una volta al mese, tra vicesindaci, assessori e Consiglieri, assegna ad Avezzano un record poco gratificante, quello dell’amministrazione più rinnovabile ed evanescente del territorio. Senza contare le sconfitte al TAR i cui costi cadono sempre sui soliti cittadini. Forse sono finiti i posti disponibili da barattare con la campagna acquisti dei consiglieri eletti in una coalizione e che poi sono stati arruolati con questa nuova amministrazione (nata dall’Anatra Zoppa). In ogni elezione –  continua la nota – si trova sempre qualche mercenario pronto a cambiare casacca e a ripudiare le promesse fatte ai loro elettori. A questi si attinge in caso di necessità. Si pensava che ci fosse una fede che guidasse la Giunta ed un Vangelo da proteggere. Oggi tutto è chiaro. Si lavora solo per fare un pò di lifting in città e per rispondere ad esigenze esogene nel distruggere attività consolidate e produttive come il mercato. Ma le attività strategiche quando le si affronta? Il Tribunale chiuderà, chi se ne occupa? si domanda Ceglie – Il Tribunale di Avezzano va salvato a ogni costo insieme con la sede distaccata di Giurisprudenza per un servizio finalizzato alla valorizzazione di un territorio che lamenta isolamento e sofferenza. Se il Ministro Bonafede ha depennato dal contratto di Governo il paragrafo 12, (quello della riapertura dei tribunali minori depennati dalla Geografia Giudiziaria del 2012), addio a quelli di Vasto, Sulmona, Lanciano, Avezzano. La sede distaccata di  Giurisprudenza  dell’Università degli Studi di Teramo con la convenzione del 2012 e rinnovata nel 2018 consente di effettuare un tirocinio presso il Tribunale di Avezzano. La soppressione del Tribunale genererà con effetto domino anche la chiusura della sede distaccata. Ad essere penalizzati saranno i giovani, il futuro del territorio, la Pubblica Amministrazione ed il mondo Forense che gravita intorno ad esso. I risultati ottenuti in questi anni dal Tribunale sono lusinghieri e confermano l’elevata mole di lavoro smaltito in tempi rapidi e con grande professionalità. Il Tribunale quindi non è “Minore”. Cancellare il Tribunale significa depotenziare un territorio, che essendo ad un rilevante tasso di incidenza criminale, avrà come conseguenza quella di incoraggiare le attività criminali, aumentando la sfiducia dei Cittadini nei confronti delle Istituzioni. Entro la fine dell’anno la sede distaccata di Giurisprudenza sarà allocata in Via Sandro Pertini. Ma bisogna ricordare che l’ex Sindaco Gianni Di Pangrazio fece di tutto per spostarla da lì al Liceo Classico. Ancora una volta uno spostamento dal centro in periferia, che ricorda i disagi che si creano agli utenti, disagi già palesati in Avezzano per altre tematiche. Qualsiasi sede potrebbe andare bene, ma ad una condizione, che i mezzi di trasporto pubblici siano adeguati  e colleghino anche la stazione ferroviaria alla sede in questione in modo continuativo. Inoltre, noi suggeriamo di adeguare a tale scopo Palazzo Torlonia oppure l’originaria sede di Via Napoli” conclude Giovanni Ceglie.

Continua a leggere

Attualità

LFoundry, Tangredi (Fim-Cisl) a De Angelis: incontro solitario con Galbiati sarà una “colazione da Tiffany”

Pubblicato

on

AvezzanoAntonello Tangredi, rappresentante sindacale Fim-Cisl, interviene sull’incontro che il sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, ha annunciato con il manager di LFoundry, Sergio Galbiati, per discutere della situazione di crisi in cui si trova l’azienda. [Leggi qui] 
“Il sindaco di Avezzano continua a non rendersi conto che l’interlocutore, oltre alla direzione aziendale, è il sindacato. Comprendo sempre di più che al sindaco “interessi” sempre di più l’idea di “uno” piuttosto che il parere di chi rappresenta la collettività: la democrazia è uno strano esercizio che De Angelis evidentemente non ha molto a cuore. Più che un incontro di merito, stando alla convocazione “zoppa”, mi sembra una “colazione da Tiffany” – tuona il sindacalista – il cui risvolto sarà un comunicato “Urbi et Orbi”, secondo il suo “motto” va tutto bene: andate a lavorare !! Peccato che la fabbrica si fermerà dal 1° dicembre a data da destinarsi e i dipendenti staranno a casa con un “bell’ammortizzatore sociale” sulle spalle e senza un futuro concreto” conclude Tangredi.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com