Connect with us

Senza categoria

Tragico schianto nei pressi di Celano, muore bimbo

Pubblicato

on

Celano – Un gravissimo incidente è avvenuto poco dopo le 19 sulla A25, nei pressi di Celano. Per cause ancora da accertare il conducente di una Ford Kuga ha perso il controllo del mezzo che ha capottato finendo la corsa di schianto contro un muretto. A bordo una famiglia composta da madre, padre e tre bambini, un maschietto di 9 anni, una bambina di 7 anni e una neonata di nove mesi. Il bambino di nove anni è deceduto sul colpo. La sorellina è stata trasportata in gravissime condizioni all’ospedale di Avezzano, dove stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico; nello stesso ospedale sono stati condotti i genitori e la sorellina, che non sarebbero in pericolo di vita. Sul posto hanno lavorato a lungo i Vigili del fuoco di Avezzano, giunti in soccorso con il personale del 118 e la polizia stradale.

 

Senza categoria

Consistente perdita idrica a Cappadocia, quattro comuni senza acqua

Pubblicato

on

Marsica – Interruzione del flusso idrico per i residenti dei comuni di Tagliacozzo, Cappadocia, Sante Marie e Carsoli. Il CAM, Consorzio Acquedottistico Marsicano, ha comunicato che a causa di una imprevista diminuzione di portata rilevata presso l’arrivo della “centrale di sollevamento di Roccacerro-Carico Generale” è stata accertata una consistente perdita idrica localizzata sulla condotta di adduzione, tra il partitore di “Cappadocia” e la centrale stessa. I tecnici sono al lavoro per riparare le perdita e pertanto il flusso idrico sarà interrotto fino alle 17 di oggi con possibili disagi per la popolazione.

 

Continua a leggere

Senza categoria

Al via la seconda serata del Cinema di Montagna a cura del Cai Valle Roveto

Pubblicato

on

Balsorano – Prosegue la rassegna cinematografica di montagna nella Valle Roveto, e la manifestazione si sposta verso sud nel territorio del Comune di Balsorano. Dopo la giornata di Pescocanale, che ha visto la partecipazione di una numerosa platea di ospiti, nonché ben delineate molteplici tematiche per la prossima edizione, si giunge all’altra estremità della Valle Roveto con il film “Cannabis Rock”. L’appuntamento è per sabato 26 Gennaio, alle 17:30, presso la Sala Consiliare. La pellicola, anch’essa estrapolata della cineteca del Club Alpino Italiano, racconta le vicende di un gruppo di giovani arrampicatori torinesi che, tra gli anni 1973 e 1975, hanno contaminato l’alpinismo italiano sulla scia di tecniche già in uso nello Yosemite, seguendo la beat generation ed abbandonando gli schemi ed idealismi dell’alpinismo dell’epoca, sempre accompagnati dalle note di Bob Dylan, Crosby Stills Nash and Young ed altri storici gruppi rock degli anni ’70. Un nuovo modo di concepire l’arrampicata dettato sia dall’introduzione delle “scarpette”, contrastando così il dominio assoluto dello scarpone, ma anche e soprattutto rivoluzione concettuale in quanto le scalate, per come riportato da numerose riviste di settore, “diventarono delle vere esplorazioni visionarie cariche di significati simbolici, lungo vie battezzate con nomi evocativi: Cannabis, Fessura della Disperazione, Strapiombi delle Visioni, Diedro Nanchez”. La montagna, quindi, quale via di evasione e le pareti rocciose utilizzate a mo’ di strumento di creazione artistica. Al termine della proiezione si aprirà una riflessione curata da Fabrizio Pietrosanti, direttore della Scuola di Scialpinismo La Rosa Dei Venti, sul modo in cui gli alpinisti, e gli uomini in generale, hanno cambiato il loro modo di guardare alle montagne ed ai significati che ad esse sono stai dati nel corso della storia.

 

Continua a leggere

Senza categoria

Crisi LFoundry, consegnato dossier a Di Maio. Fiom Cgil: ministero sia garante

Pubblicato

on

Avezzano “Lo stabilimento di Avezzano, attualmente LFoundry, muove i suoi primi passi, grazie ai finanziamenti dell’allora cassa del mezzogiorno, con una imponente ed innovativa struttura creata da Texas Instruments, che rappresentava negli anni ’90 un punto d’eccellenza mondiale per dotazione e produzione. Da allora diversi passaggi ci hanno portato ad oggi, con un patrimonio di know how di grande rispetto – lo dichiarano in una nota RSU LFoundry e FIOM-CGIL FIOM-CGIL Provinciale e Regionale “Andando per gradi, lo stabilimento è passato da Texas instruments a Micron Tec, una societa` statunitense che soppiantò in tutto il mondo la Texas nel settore della produzione di memorie, in seguito conosciute con l’acronimo DRAM e RAM. Si tratta di prodotti di punta nel panorama dei semiconduttori e, grazie anche ad un cospicuo investimento da parte della nuova proprietà, lo stabilimento di Avezzano rimane sullo scenario mondiale a pieno titolo. Un mercato molto competitivo e nuovo assetto globale fanno sì che gli interessi di Micron si rivolgano sempre più verso il sud est asiatico. Inizia da qui per lo stabilimento di Avezzano un nuovo corso che porta a un cambio produttivo, non più memorie, ma i meno complessi sensori d’immagine, acquisendo tuttavia commesse importanti, come la produzione del sensore CMOS per il blasonato IPHONE3. Ben presto anche questo mercato diventa oggetto di interesse da parte di diversi soggetti, al punto che alcuni competitors, attuando politiche molto aggressive, mettono in discussione la produttività del sito di Avezzano, che comunque già pativa la mancanza di investimenti per un adeguamento tecnologico. Comincia così il periodo piu` duro per il sito produttivo marsicano, con le maestranze che conoscono per la prima volta gli ammortizzatori ed il terrore della crisi continua la nota – La mobilitazione sindacale, unita a quella di tutto il territorio, convince il Ministero per lo Sviluppo Economico a aprire un tavolo di crisi. Siamo a inizio 2014. La soluzione che ne scaturisce è una scommessa, un managment buyout supportato da una realtà franco tedesca, che però ha come biglietto da visita la chiusura di 2 stabilimenti (Landshut DE e Rousset FR). Lo stabilimento di Avezzano prende il nome di LFoundry e accompagna il processo con un contratto di solidarietà. Ben presto il sito marsicano viene individuato dalla Cina che prova a creare un avamposto per i semiconduttori nel vecchio continente con una delle sue realtà produttive di semiconduttori, SMIC. La scommessa iniziale viene dunque apparentemente vinta, sicuramente dai manager che portano a casa 42 milioni di euro; per lavoratori la non scontata conservazione del posto di lavoro, almeno per quelli che non avevano avuto alternative, perché comunque gli occupati passarono da oltre 1700 a 1420 unità, impoverendo di conseguenza il know how del sito. Presto, però, cominciano a soffiare i nuovi venti della competizione economica mondiale, in particolare USA-CINA. Lo stabilimento resiste grazie al suo unico cliente ON SEMICONDUCTOR . Arriviamo a oggi. I cinesi di SMIC non ci sono più e ancora una volta sono venuti meno gli investimenti programmati per l’adeguamento tecnologico. Riparte una CDS senza prospettive, sebbene la direzione aziendale a novembre 2018 abbia dichiarato presso il Ministero del Lavoro di avere almeno due soluzioni in tasca e che a gennaio avrebbe portato sullo stesso tavolo una proposta d’acquisto che avrebbe messo tutti d’accordo. Ad oggi tutto ciò non è successo, aleggia lo spauracchio della frammentazione della società, con nuovi soggetti che potrebbero entrare per prendere ciò che ancora di buono dovessero trovare, compreso il cliente che ci ha garantito la sopravvivenza fino ad oggi. C’è il rischio concreto – sottolineano RSU LFoundry, FIOM-CGIL e FIOM-CGIL Provinciale e Regionale – che una situazione oggi apparentemente sotto controllo si riveli domani una mina pericolosa, che potrebbe lasciare la Marsica senza il suo sito di produzione più grande e la regione Abruzzo priva di quella realtà industriale che produce più del 20% del suo PIL e del suo export. Non essendo affatto convinti che gli interessi del territorio coincidano con quelli di chi oggi tira le fila della trattativa per il nuovo assetto societario, la richiesta è che il Ministero dello Sviluppo Economico sia parte attiva nella delicata fase di transizione industriale e assuma quel ruolo di garante per i lavoratori e per il territorio, che altrimenti potrebbero essere solo meri spettatori di in una scelta che più di ogni altra guiderà questa terra o verso un futuro o verso una grave crisi economica e sociale. Abbiamo un tavolo aperto presso il Ministero del Lavoro con la partecipazione del Ministero per lo Sviluppo Economico e chiediamo che si svolga con urgenza quell’incontro programmato per gennaio, magari incontrando i vertici più alti della proprietà e non solo chi la gestisce” conclude la nota.

Continua a leggere

Senza categoria

Opi senza acqua, la neve impedisce ai tecnici di individuare la perdita

Pubblicato

on

Opi – Il comune di Opi è alla prese con problemi legati all’approvvigionamento dell’acqua potabile. Il disagio potrebbe essere legato ad una perdita che impedisce all’acqua di arrivare nei pozzi di Pescasseroli, al serbatoio della Piazza Centrale che non riesce a riempirsi e al serbatoio di Fonte Carnevale (Spineti) al momento riempito per metà. I tecnici sono la lavoro per cercare di individuare la causa e il punto di rottura della condotta, operazione resa difficile dalla presenza di neve in quota. “La situazione in questi giorni è stata molto critica” ha dichiarato il sindaco
Berardino Paglia
Domani provvediamo a fare alcune piccole riparazioni e con i tecnici della SACA faremo delle rilevazioni per individuare eventuali perdite con apparecchiature particolari, speriamo di risolvere il problema prima possibile” ed ha aggiunto “Prego i miei Cittadini di avere pazienza, nello stesso tempo assicuro tutto l’impegno personale, dei tecnici e degli amministratori nel risolvere la situazione”. 

Continua a leggere

Senza categoria

Al Circolo Pd di Avezzano la mozione Zingaretti incassa il 57%

Pubblicato

on

Avezzano“Il risultato ottenuto oggi ad Avezzano dalla mozione Zingaretti rende l’idea di come noi donne del Comitato marsicano per Nicola Zingaretti siamo state in grado di ben lavorare in queste settimane, coinvolte ed incluse come siamo state nel discorso pubblico che Zingaretti porta avanti con convinzione, sui territori, tra la gente normale, quella delusa, quella preoccupata, quella bisognosa di identificarsi in un sinistra che sia vicina a chi è in difficoltà, vicina alle donne e ai diritti civili, contro il razzismo e per la dignità del lavoro. Questo è stato ed è per noi Nicola Zingaretti: uno stimolo a incontrare vecchi e nuovi iscritti del Partito Democratico, un pungolo rappresentato dalla società civile, dai corpi intermedi, dai movimenti che, pur non appartenendo (o non più) alla nostra comunità politica, si sono messi dalla parte di Nicola, convinti come lo siamo tutti e tutte, che possa rappresentare discontinuità, cambiamento ma soprattutto dialogo inclusivo. Come lui siamo stanche infatti della litigiosità interna, siamo davvero convinte che la relazione e l’ascolto diano una visione del mondo chiara e che siano soprattutto elementi di vera novità, di originalità nell’intendere la vita della nostra comunità politica – elementi desunti e caratteristici del pensiero delle donne e della differenza. Perché riteniamo ci sia molto da pensare intorno alle differenze che caratterizzano l’umanità, riconoscendone il portato, l’intrinseco e indiscutibile valore, a partire dallo stimolo a riflettere quando si parla di rapporti umani, di valori e di visioni del mondo che possono convivere solo a fronte di un dialogo costante e di un confronto franco, onesto, autentico”. Lo dichiara in una nota il Comitato Donne Marsica per Nicola Zingaretti.

 

Continua a leggere

Senza categoria

Case Ater inagibili, Berardinetti incontra i cittadini di Lecce nei Marsi

Pubblicato

on

Lecce nei Marsi – “Agire con tempestività per garantire ai cittadini di Lecce dei Marsi una soluzione rapida e risolutiva”. A dichiararlo è l’assessore regionale ai Lavori Pubblici Lorenzo Berardinetti, intervenuto durante l’assemblea tra le istituzioni politiche, dirigenziali dell’Ater e gli abitanti del paese marsicano. Al centro dell’attenzione la vicenda delle case Ater e i palazzi dichiarati inagibili da C.O.R. (Centro Operativo della Protezione Civile regionale) già attenzionate nei mesi scorsi. “Sono stato chiamato per affrontare in prima persona questa situazione che si protrae da tempo e che non rende affatto sereni gli abitati di Lecce – ha proseguito Berardinetti – non posso dare loro torto e, proprio per questo motivo, ho garantito tutto il supporto possibile, come già fatto in passato. Come nei mesi scorsi ho rinnovato la mia disponibilità e l’intenzione di dare risposte concrete in tempi stretti. Comprendo il loro disagio, ma la sicurezza e la prevenzione vengono prima di tutto. Dopo questo incontro siamo tutti più sereni e propositivi”, ha concluso l’assessore regionale”. Presenti, oltre a Berardinetti, anche Gianvito Pappalepore (commissario Ater L’Aquila), Venanzio Gizzi (direttore generale Ater dell’Aquila), Gianluca De Angelis (sindaco Lecce dei Marsi), tecnici esperti del settore e numerosi cittadini coinvolti in prima persona. “Dopo questo incontro siamo più fiduciosi – ha rivelato il sindaco Gianluca De Angelisabbiamo percepito la volontà di risolvere una problematica seria che coinvolge numerose famiglie e che si trascina da troppo tempo. Va comunque sottolineato che tutti gli abitanti residenti nelle palazzine dichiarate inagibili hanno trovato una celere sistemazione nell’attesa che la vicenda venga risolta. Il meeting è stato organizzato, quindi, non solo per avere chiaro l’iter da seguire ma anche per rassicurare la cittadinanza sul fatto che tutti si impegneranno al massimo, come fino ad ora avvenuto. Il malumore della gente è giustificabile, ma hanno compreso che stiamo dando il massimo”, ha concluso il sindaco.

Continua a leggere

Senza categoria

Monitoraggio del popolamento ittico nella Riserva naturale Zompo Lo Schioppo

Pubblicato

on

Morino – Si rinnova la collaborazione tra la Riserva Naturale Zompo Lo Schioppo e Università La Sapienza di Roma. Come accade ormai da diversi anni, nelle giornate del 18 e 19 gennaio  si è svolta a Morino un’attività scientifica di monitoraggio del popolamento ittico e delle condizioni di qualità biologica del torrente Romito, all’interno della Riserva Naturale di Zompo lo Schioppo. Hanno partecipato e coadiuvato le attività, condotte dal responsabile scientifico della Riserva Amilcare D’Orsi,  la Cooperativa Dendrocoposl’Associazione Macrostigma del Ninfa. Per l’occasione, il professor Marco Seminara dell’Università di Roma La Sapienza, ha tenuto esercitazioni di campo del corso di Conservazione, Gestione ed Ecologia delle acque interne, che hanno visto la partecipazione di 50 studenti del prestigioso ateneo, sono stati inoltre effettuati dei rilievi sull’alimentazione e la riproduzione dei salmonidi presenti nel torrente.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com