Connect with us

Attualità

Scuola di via Salto, Boccia: “Esito positivo del sopralluogo”

Pubblicato

on

L’assessore con delega all’edilizia scolastica Boccia: Qui ci si mette la faccia, in ogni cosa che si fa e si dice. L’amministrazione lavora con la massima correttezza e trasparenza. Stigmatizzo l’attacco che in questi giorni, come se non bastasse quello che sta accadendo in Abruzzo, alcuni soggetti fanno a danno della nostra gente, diffondendo angoscia e terrorismo psicologico, con il mero macabro fine di avere qualche click in più”.

Avezzano – “Assenza di lesioni sulle parti strutturali dell’edificio scolastico di Via Salto” – è l’esito dei sopralluoghi effettuati, sia la sera del 24 gennaio che ieri mattina, dai tecnici dell’amministrazione comunale di Avezzano, sollecitati dal sindaco Giovanni Di Pangrazio. “La verifica è stata effettuata a seguito della rimozione della controsoffittatura del tetto, che non rendeva valutabile il punto di connessione – ha spiegato l’assessore all’edilizia scolastica, Ferdinando Boccia – si tratta di una scuola che, come risulta dalla tabella pubblicata sul sito web dell’Ente, ha un indice di vulnerabilità sismica pari a 0,75. Sulla sicurezza nelle scuole, qualora sia necessario ricordalo, la nostra amministrazione è in prima linea con un programma sull’edilizia scolastica che nessuno aveva mai avuto il coraggio di realizzare. Ma non ci basta – ha aggiunto – il sindaco, in quanto vice presidente dell’Anci Abruzzo, si è fatto promotore di un incontro con tutti i sindaci abruzzesi per unire le forze e chiedere al Governo delle azioni concrete e mirate affinché i comuni non siano lasciati soli nell’emergenza e possano mettere in campo degli interventi strutturali importanti sul patrimonio scolastico delle loro città. Tra un anno e mezzo consegneremo ad Avezzano un’eredità senza precedenti in termini di edilizia scolastica – continua – e se qualche “improvvisato scribacchino” ha come obiettivo quello di cavalcare le tensioni di un momento così delicato, disinformando e strumentalizzando le notizie reali, ne risponderà pubblicamente e nelle sedi opportune. Qui, ci si mette la faccia, in ogni cosa che si fa e si dice – conclude Boccia – l’amministrazione lavora con la massima correttezza e trasparenza e, a differenza di altri, la serietà per noi non è un dettaglio. Infine, voglio stigmatizzare l’attacco che in questi giorni, (come se non bastasse quello che sta accadendo in Abruzzo), alcuni soggetti fanno a danno della nostra gente, diffondendo angoscia e terrorismo psicologico, allontanandola dalla nostra terra, con il mero macabro fine di avere qualche click in più”.

 

Attualità

Bacheche con annaffiatoi pubblici installate al cimitero comunale di San Benedetto dei Marsi

Pubblicato

on

San Benedetto dei Marsi. Al cimitero di San Benedetto dei Marsi arrivano gli annaffiatoi pubblici. Sono state installate in questi giorni dieci bacheche contenenti annaffiatoi posizionate vicino le numerose fontane che si trovano all’interno del cimitero comunale. Il tutto è frutto di una donazione effettuata dall’agenzia funebre di Tiberi ed Odoardi.

In tal modo i visitatori potranno comodamente prendere l’acqua sufficiente, recarsi presso le tombe dei propri cari e poi riporre gli annaffiatoi vuoti sulle apposite bacheche. Un gesto di grande senso civico che aiuta i residenti e visitatori a prendersi cura dei defunti.

Continua a leggere

Attualità

Strada dei Parchi contro l’accesso sul PEF: “segreti commerciali”. H20: “cambi rotta e sostenga la trasparenza”

Pubblicato

on

Regione – Il Forum H2O continua ad attaccare Strada dei Parchi. Mentre l’associazione chiede a gran voce che vengano resi pubblici tutti i documenti relativi alla concessione, fino ad ora coperti da segreto di stato, la società si difende rivendicando “segreti commerciali”. Ma l’associazione ambientalista non ci sta e replica cosi:”Abbiamo letto piuttosto divertiti la stizzita e caotica (eufemismo) nota in cui Strada dei Parchi prova a rispondere alla nostra Conferenza stampa dove abbiamo divulgato integralmente un…suo documento! Ovviamente non serve replicare ad un tentativo di calciare il pallone in tribuna ma approfittiamo dell’occasione per evidenziare due aspetti e lanciare un appello alla società: Scrive Strada dei Parchi “La simulazione del Piano Finanziario non è la prima e né l’ultima elaborata sotto questo schema.”. Vuole forse sostenere che esistono versioni più aggiornate e che il Ministero non ci ha rilasciato l’ultima versione disponibile con la lettera del 18 settembre 2018 con cui ci ha dato i documenti? Sarebbe un fatto piuttosto grave”.

“Strada dei Parchi si è opposta tenacemente al rilascio della sua proposta di PEF da parte del Ministero. Come mai?
Scrive infatti il responsabile della Trasparenza del Ministero delle Infrastrutture nella nota del 28 agosto con cui ci ha dato ragione sull’accesso ribaltando la prima decisione negativa del direttore Cinelli della Direzione Vigilanza:
“La controinteressata società Strada dei Parchi S.p.A., nel contraddittorio attivato dalla Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali, è dapprima entrata nel merito delle motivazioni della richiesta effettuata dalla ONLUS Stazione Ornitologica Abruzzese. Ha inoltre evidenziato alcune opposizioni generiche riguardanti atti contrattuali in cui vengono esplicitati interi elaborati progettuali e strutturali dell’infrastruttura autostradale, la cui divulgazione comporterebbe un pregiudizio alla sicurezza. Infine la stessa società afferma come il “Piano/progetto depositato dal Concessionario” sia fuori dalla nozione di documenti conoscibili anche attraverso l’accesso generalizzato, considerati i segreti commerciali e le strategie alla base.” (neretto e sottolineatura nostri, ndr)”.

“Anche il direttore del MIT Cinelli nella nota di accompagnamento al documento rilasciato scrive che Strada dei Parchi si è opposta al rilascio dei documenti il 9 agosto. Cosa aggiungere? Ah, sì, en passant facciamo notare che nel PEF 2009 vi erano oneri per Strada dei Parchi di 2,5 milioni di euro connessi alla realizzazione di quattro aree di servizio. Non sono state realizzate. Quei soldi sono stati spesi in maniera alternativa? Dove? Ci permettiamo un suggerimento: Strada dei Parchi cambi rotta sulla trasparenza invece di opporsi al rilascio di documenti, sostenendoci nella campagna per la trasparenza di tutte le sue rendicontazioni e relazioni depositate al Ministero in tutti questi anni!
Visto che sostiene di far funzionare tutto con precisione da orologio svizzero avrebbe tutto da guadagnare in questa operazione “trasparenza””.

Continua a leggere

Attualità

Giordano Mazzocchi chiede il falò con Nilufar Addati, coppia pronta a lasciare Temptation Island Vip?

Pubblicato

on

Avezzano – Anticipazioni scottanti sono quelle che arrivano da Temptation Island Vip 2018. Secondo quanto rivelato dai quotidiani di gossip, l’avezzanese Giordano Mazzocchi avrebbe chiesto il falò con Nilufar Addati e, si vocifera, la coppia sarebbe pronta a lasciare il programma prima del previsto. L’ex corteggiatore di Uomini e Donne avrebbe richiesto il confronto immediato con la compagna dopo una frase da lei pronunciata di fronte a Nicolò Ferrari, suo ex corteggiatore. Giordano Mazzocchi e Nilufar Addati potrebbero lasciare il programma prima del previsto. È quanto emerso dalle anticipazioni diffuse nel corso dell’ultima puntata di Uomini e Donne del 20 settembre.

“Un vaso quando è rotto non torna più come prima. Nessuna donna sarebbe felice di una relazione così”. E’ la frase che avrebbe mandato Mazzocchi su tutte le furie spingendolo al confronto “Voglio subito il falò di confronto, la voglio qua perché non ha senso” avrebbe commentato il ragazzo. Tuttavia anche Mazzocchi, nel corso del programma si sarebbe abbandonato per primo a delle confessioni scottanti ammettendo di non essere innamorato pienamente di Nilufar. Ad una corteggiatrice che glielo aveva chiesto aveva risposto: “Ni”. La replica andata in onda nella prima puntata del reality ha comprensibilmente ferito la sua compagna.

Continua a leggere

Attualità

A Capistrello una domenica tra sport, natura e storia

Pubblicato

on

Capistrello – Una giornata di eventi quella di ieri, domenica 23 settembre, a Capistrello. Complice anche la bella giornata di sole, l’area che costeggia il fiume Liri è stata letteralmente presa d’assalto. Due le iniziative in programma, patrocinate dal Comune, che hanno visto una straordinaria partecipazione: la visita all’Emissario di Claudio in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio e la terza edizione della manifestazione di corsa ad ostacoli “Extreme Warrior Run”.

Boom di presenze per la passeggiata naturalistica, di rara bellezza, nei luoghi dell’Emissario, la più imponente opera idraulica della storia antica e dal 2017 tra “I Luoghi del Cuore Fai. Grande successo, con ben 97 partecipanti e tantissimi spettatori, per la terza edizione dell’Extreme Warrior Run”. Un percorso di dieci km, con trenta ostacoli, lungo il fiume Liri, tra barriere naturali e artificiali, corsi d’acqua, dislivelli e spazi angusti e ristretti.

L’ evento sportivo, appartenente alla categoria delle OCR (Obstacle Course Race), è stato organizzato dalla Polisportiva Atletica Capistrello.

Di seguito i primi tre classificati per ogni categoria.
Uomini: Francesco Coppa (Castelliri), Simone Sabatini (Usa Avezzano) e Endrio Sabatini (Polisportiva atletica Capistrello).
Donne: Moira Franchi (Usa Avezzano), Lorena Laciancio (Capracotta), Barbara Pizzi (Podistica Luco dei Marsi).
Over 40 (D): Emanuela Binetti (Italian Spartans)
Over 50 (D): Belinda Casavecchia (Area 51 Sora)
Under 18: Luca Ippoliti (Usa Avezzano)
Over 40 (U): Davide Baldassarre (Podistica Luco)
Over 50 (U): Massimo Castellucci (Usa Avezzano)
Over 60: Gaetano Settevendemmie (Podistica Luco)

Continua a leggere

Attualità

Urina in una busta a piazza Torlonia, la denuncia di Presutti. Inciviltà o provocazione? [FOTO]

Pubblicato

on

 Avezzano – L’assessore all’ambiente del comune di Avezzano, Crescenzo Presutti, non ci sta. Non riesce proprio a tollerare episodi di inciviltà e mancato rispetto delle regole, soprattutto in tema di ambiente, e così, anche questa mattina, è stato costretto a denunciare un ennesimo “attentato” al senso civico, all’educazione e al decoro urbano. Lo ha fatto postando sul suo profilo Facebook la foto di una busta contenete presumibilmente urina, abbandonata sul prato di Piazza Torlonia. “Piazza torlonia – Post mercato, buste contenenti urina”. E’ questa la frase che accompagna le immagini.

Dopo le polemiche scaturite nei giorni scorsi circa il divieto di accesso ai cani nella nuova area verde di Piazza Torlonia, viene da chiedersi se si sia trattato di un episodio di inciviltà oppure di una provocazione rivolta all’assessore e all’amministrazione comunale . Solo ieri l’assessore aveva denunciato di alcuni cittadini che avevano portato i loro cani a fare bisogni vicino al monumento di Alessandro Torlonia [Leggi qui]. Il divieto ai cani, avrebbe giustificato l’assessore, deriva dalla sola motivazione che la loro urina potrebbe danneggiare il nuovo manto verde installato nel nuovo giardino storico di pizza Torlonia. Ma a molti il divieto imposto non è piaciuto affatto. Tuttavia il fatto che l’assessore abbia fatto un chiaro riferimento al mercato del sabato, che spesso lascia rifiuti abbandonati nelle strade e nella piazza, il suo spostamento potrebbe essere dettato solo dalla volontà di conferire nuovo decoro alla piazza appena restaurata?

Continua a leggere

Attualità

Sette comuni della Marsica senza acqua per lavori all’acquedotto Liri-Verrecchie, ecco dove e quando

Pubblicato

on

Tagliacozzo – Interruzione del flusso idrico oggi, lunedì 24 settembre, per i comuni marsicani serviti dall’acquedotto di adduzione Liri-Verrecchie. La comunicazione giunge dal CAM, Consorzio Acquedottistico Marsicano. In particolare l’interruzione del servizio riguarderà i comuni di Oricola, Cappadocia, Tagliacozzo, Sante Marie, Carsoli, Pereto e Rocca di Botte, unitamente ai Comuni della Regione Lazio serviti dal medesimo acquedotto. Il servizio sarà sospeso dalle 8 alle 17 per  interventi di manutenzione della condotta.

Continua a leggere

Attualità

Ovindoli comune cardioprotetto, installato primo defibrillatore. Sindaco a cittadini: conserviamolo sicuro e attivo

Pubblicato

on

Ovindoli – Il Comune di Ovindoli è entrato nella rete dei comuni cardioprotetti grazie all’installazione del primo defibrillatore.  “Questa importantissima strumentazione medica può salvare la vita. L’arresto cardiaco è una delle principali cause di morte, può colpire chiunque, in qualunque momento e in qualunque posto, e può essere combattuto solo entro i primi minuti, praticando la rianimazione cardiopolmonare e utilizzando il defibrillatore, che è un apparecchio semplice e sicuro. Vista l’importanza di tale strumento, per il bene di tutti, impegniamoci a conservarlo e mantenerlo sicuro ed attivo”. E’ il commento dell’Amministrazione Comunale.

L’apparecchio salvavita è stato consegnato dalla Regione Abruzzo nell’ambito del suo progetto sanitario di cardioprotezione rivolto ai comuni del territorio. L’idea è stata promossa dalla Giunta regionale d’Abruzzo, su iniziativa dall’assessore alla sanità Silvio  Paolucci, per una spesa complessiva di 251.600 euro di cui 170mila per l’acquisto dei Dae (defibrillatori semiautomatici esterni) e 81.600 euro per la formazione.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com