Connect with us

Elezioni regionali Abruzzo

Elezioni regionali: i delusi del Movimento 5 stelle fondano “Cassiopea”, ecco perché…

Pubblicato

on

Abruzzo“In tutta Italia il movimento cinquestelle ha vissuto una profonda trasformazione  dopo la morte di Gianroberto Casaleggio, quando la gestione del partito è stata affidata al capo politico Luigi Di Maio,  ma i segnali di un evidente distacco dalla linea politica originaria si erano manifestati da tempo. L’insofferenza dei vertici rispetto a una parte degli iscritti che continuava a chiedere maggiore coerenza si è tradotta nella linea dura delle espulsioni, limitazioni nella possibilità di convocare assemblee aperte alla base, accesso riservato ai ruoli politici e tecnici solo per chi accettava senza riserve i profondi cambiamenti in atto. La recente responsabilità all’interno del governo nazionale ha reso necessario assumere provvedimenti non condivisi e non sempre condivisibili che ha fatto emergere il ‘malpancismo’ latente fino al punto di provocare un allarme per la grave perdita percentuale delle intenzioni di voto nei sondaggi. Molti delusi non sono stati sedotti da altre proposte politiche, ma chiedono semplicemente il rispetto dei principi originari del movimento. Questi elettori ed attivisti, che non possono essere definiti dissidenti bensì ‘ortodossi’, sono in attesa di sentirsi rappresentati oppure lavorano dall’interno per tentare un ‘ritorno alle origini’ fortemente ostacolato da chi trae beneficio dall’attuale situazione. In Abruzzo, gli ortodossi del Movimento si sono trovati in ‘Cassiopea’, associazione politico-culturale in via di costituzione. Tra le sue fila ci sono molti attivisti della prima ora, quando nessuno dalle nostre parti sapeva cosa fosse un ‘meetup’. Correva l’anno 2009 e quel movimentismo era partecipazione, collaborazione, solidarietà e speranza. In quell’epoca è cambiato il linguaggio politico e si è scritto un codice etico intorno al motto ‘uno vale uno’. Nel movimento non esistevano le differenze tra gli iscritti e il mandato elettorale assegnato a maggioranza a qualcuno di noi, il cosiddetto “portavoce”, poteva anche essere revocato dall’assemblea per giustificati e gravi motivi con il cosiddetto “richiamo” (recall). Oggi la perdita di ogni significato della qualifica di ‘portavoce’ ben rappresenta l’involuzione del movimento che da forza rivoluzionaria e popolare si è trasformata in pochi anni in un partito senza veri organismi di garanzia e controllo e privo di dibattito interno. Sono spariti i rappresentanti del popolo e sono tornati i consiglieri, gli assessori, i sindaci, i deputati e i senatori. La base non è nemmeno al corrente dell’attività politica degli eletti, non ha più la possibilità di riunirsi e non ha nessuna voce in capitolo nelle scelte di indirizzo. Incarichi e mandati elettorali vengono affidati spesso a candidati individuati secondo rapporti fiduciari e parentali con le figure di spicco: l’amico di, la “sorella di”, la “fidanzata di”. Siamo alla casta che si autodisciplina e protegge soprattutto dalle ‘voci fuori dal coro’ che si candidano a ruoli di rilievo e dai quali vengono immediatamente escluse ricorrendo anche a menzogne e grotteschi stratagemmi. In meno di dieci anni il movimento ha perso l’anima pur conservando la sua forza elettorale grazie al nostro impegno e al nostro voto. Prima che gli eletti si rinchiudano per un nuovo mandato all’interno del ‘palazzo’, la base, o perlomeno quella parte che ha preso atto della situazione e desidera fare qualcosa per impedirlo, ha intenzione di rivolgere cinque domande, una per ogni promessa mancata, a chi chiede il voto per la sua elezione. Come in un rapporto in cui si è incrinata la fiducia, vogliamo verificare quanto è rimasto dello spirito originario del movimento cinquestelle prima di dare il nostro voto. Alle cinque domande ci aspettiamo di ricevere cinque “si” dai 29 candidati del M5S per la regione Abruzzo. Non si tratta di quesiti imbarazzanti perché il loro significato rappresenta il giuramento solenne, il DNA di ogni grillino e il motivo stesso per cui siamo qui anche stavolta, nonostante tutto. Appoggeremo solo chi rinnoverà pubblicamente queste promesse:

1) programmi e rappresentanza
Siete disposti a riportare sul territorio il dibattito politico e a partecipare ad assemblee provinciali mensili convocate dalla base per raccogliere le istanze da tradurre in proposta politica?

2) candidature
Siete disposti a decidere democraticamente e nelle assemblee territoriali i candidati per le competizioni elettorali da svolgere nel territorio regionale permettendo a ciascuno di avanzare una sola candidatura ogni triennio per qualsiasi ruolo politico senza consentire la partecipazione di parenti e affini di portavoce locali, regionali e nazionali nonché dei loro collaboratori diretti durante tutta la durata del loro mandato?

3) rendicontazioni
Siete disposti ad affidare ad un tesoriere regionale scelto dalla base le somme derivanti dalle restituzioni che saranno utilizzate secondo la volontà dell’assemblea regionale degli iscritti e rendicontando al medesimo tesoriere tutti i proventi dell’attività politica?

4) uno vale uno
Siete disposti a rifiutare ogni garanzia sproporzionata come quella del “paracadute elettorale”, doppi incarichi, prosecuzione della carriera politica dopo il secondo mandato o all’interno di organismi ed enti controllati dai partiti, nonché ogni privilegio e garanzia di mandato nel rispetto del principio “uno vale uno” accettando anche la regola del “recall” per sottoporvi semestralmente alle valutazioni della base?

5) destrutturazione della casta
Siete favorevoli a rimuovere il filtro creato dai vari staff, addetti stampa e portaborse per garantire il collegamento diretto tra i rappresentanti dei gruppi locali e gli eletti utilizzando il personale tecnico di supporto per quello che dovrebbe effettivamente rappresentare e non come intermediario con la base?

Domenica 3 febbraio 2019 gli attivisti delle quattro province abruzzesi che si riconoscono nella posizione di Cassiopea prenderanno atto della disponibilità dei candidati che firmeranno un patto d’onore in assemblea. Sulla scorta di questo impegno Cassiopea dichiarerà il suo appoggio elettorale e tutto il sostegno necessario durante la legislatura.”

 

Abruzzo

(VIDEO) Forza Italia: “Ministero boccia sanità abruzzese”

Pubblicato

on

https://www.youtube.com/watch?v=znhZUHSeCng&feature=youtu.be

PESCARA – “Il verbale del Tavolo di Monitoraggio redatto sia dal Ministero dell’Economia sia da quello della Salute, tenuto secretato fino ad oggi dal 15 novembre scorso, rivela le tante ombre presenti sia sulla Rete Ospedaliera sia nella Rete Emerga – Urgenza che dovranno necessariamente essere riscritte e riprogrammate in base alle vere esigenze della sanità abruzzese”. Queste le dichiarazioni rilasciate durante una conferenza stampa dai consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo, Lorenzo Sospiri e Umberto D’Annuntiis che hanno invitato “i Direttori delle Aziende Sanitarie a non produrre atti e assumere ulteriori decisioni visto che il Verbale è perentorio nel ribadire come vada immediatamente riesaminata tutta le rete sanitaria delle Regione Abruzzo. Siamo di fronte ad una secca bocciatura da parte del Ministero e oggi e i Direttori devono adeguarsi immediatamente alle richieste pervenute da Roma senza rendere ancora più difficile il percorso e, soprattutto, senza causare ulteriori danni erariali e gestionali alle rispettive Aziende Sanitarie”.
“Siamo di fronte ad un azione di sciacallaggio da parte dell’ex governo di centrosinistra che ha tenuto volutamente nascosto questo documento e ci viene trasmesso solo il 13 febbraio all’indomani delle elezioni regionali, dopo le mie ben quattro richieste scritte. Dal Tavolo viene fuori una realtà sanitaria lontana anni luce da quella rappresentata dall’ex assessore Paolucci che ha palesemente nascosto alcuni dati rilevanti e spudoratamente mentito su altri punti”. “Quindi – sottolineano Febbo, Sospiri e D’Annuntiis – invitiamo i Direttori a non assumere nessun altro atto che possa ulteriormente compromettere la Rete sanitaria regionale e soprattutto far lievitare costi di eventuali ed inutili contenziosi.

“Infatti, nel Verbale – commenta Febbo – si legge (pag. 28) come nella riunione di luglio era stata chiesta una nuova programmazione della rete ospedaliera da sottoporre al Tavolo del DM 70/2015 per la PREVISTA VALUTAZIONE di coerenza con i criteri stabiliti dallo stesso decreto. Il Tavolo è rimasto in attesa di questo nuovo documento che doveva recepire tutte le indicazioni scaturite dai contenuti del DM 70, da sottoporre poi a valutazione preventiva entro e non oltre il 15 gennaio (data in cui non è pervenuto il suddetto documento ma solo una richiesta di proroga). Inoltre, tutte le DGR e le Note trasmesse (es. Emodinamica Ospedale Vasto, 2 posti letto di Terapia Subintensiva presso la UOC di Pediatria di Pescara, 1 postazione di 118 a Caramanico Terme) sono state fatte oggetto solo di una “presa d’atto” che non equivale a una autorizzazione. Non solo, a pagina 29 del Verbale, si legge come il Tavolo abbia richiesto che tutti gli Atti Aziendali debbano essere coerenti con il nuovo documento di programmazione regionale che doveva essere trasmesso entro e non oltre il 15 gennaio (quindi gli Atti Aziendali non sono stati validati ) mentre tutte le Asl hanno continuato ad attribuire incarichi dirigenziali. Adesso verificheremo se ci sono delle responsabilità anche contabili ed erariali. Come le Note trasmesse dalla Regione per il Punto Nascita dell’Ospedale di Sulmona non sono state ritenute soddisfacenti tanto che il Tavolo è in attesa della comunicazione dell’avvenuta chiusura!!! Come per la richiesta di istituzione di Ospedale Area Disagiata ad Atessa non corredata da elementi e documenti giustificativi e non in linea con la programmazione. Nulla invece neanche per l’ospedale di Guardiagrele nonostante i proclami di Paolucci e Muraglia. (Per gli altri punti critici vedasi allegato). “Quelle evidenziate – prosegue Febbo – sono solo alcune delle tantissime lacune che emergono in modo evidente. Entrando approfonditamente nell’esame, i Tecnici ministeriali sottolineano inoltre come la Regione non abbia assicurato l’equilibrio economico sull’anno 2017 come aveva già affermato nella riunione di luglio 2018. I conti non tornano poiché abbiamo i bilanci delle Asl che si apprestano a chiudere con un deficit di circa 43 milioni di euro che possono arrivare intorno ai 100 milioni di euro visto che, nei bilanci stessi, sono stati caricati i recuperi della curatela fallimentare dell’ex Villa pini. Somme che non verranno mai recuperate per intero. se non in percentuali minime. Oggi invece abbiamo una situazione totalmente diversa da quella racconta da Paolucci come invece il Tavolo di Monitoraggio sottolinea e mette ben in evidenza dai tecnici del Ministero, ossia una sanità abruzzese in forte decrescita e senza una seria programmazione della Rete Ospedaliera e della Rete Emergenza-Urgenza. D’altronde basta farsi un giro in un nosocomio qualsiasi della nostra Regione, o entrare in un Pronto Soccorso, per comprendere lo stato della nostra sanità. Nostro compito e impegno – concludono i consiglieri regionali di Forza Italia – di chiedere apposite deroghe su tutto e mettersi subito al lavoro per ricostruire una sanità credibile, seria e corrispondente alle reali esigenze degli abruzzesi e delle strutture sanitarie della nostra Regione nonché riportare i bilanci in equilibrio

Continua a leggere

Elezioni regionali Abruzzo

SANITÀ, PAOLUCCI REPLICA FORZA ITALIA

Pubblicato

on


Pescara, 18 febbraio – Il consigliere regionale ed assessore alla Sanità uscente, Silvio Paolucci interviene per replicare alle dichiarazioni dei rappresentanti di Forza Italia in tema di tavolo di monitoraggio. “A conferma del buon lavoro svolto – spiega Paolucci – la Regione Abruzzo ha avuto la premialità di 70 milioni di euro come risulta dal verbale stesso e ha raggiunto il punteggio Lea di 202, risultando essere inserita tra le 8 regioni che hanno raggiunto quota 200. Se fossimo stati bocciati non ci avrebbero certamente inserito tra le regioni migliori”. “Il Decreto commissariale n.79, avente per oggetto la rete ospedaliera – prosegue Paolucci – è stato approvato dai Ministeri e conseguentemente gli atti aziendali sono assolutamente legittimi. Le integrazioni hanno riguardato solo Popoli e Atessa e che, nell’economia della rete, hanno prodotto variazioni minime. Spetta al nuovo governo regionale concludere l’iter per le definitive approvazioni riguardanti Popoli e Atessa. Suggerisco al nuovo governo regionale – aggiunge ancora Paolucci – un confronto con i Ministri e in particolare con Salvini circa la rete ospedaliera in relazione alle richieste di ulteriori razionalizzazioni e per chiedere di mantenere gli impegni presi in campagna elettorale”. “Sui conti, gli unici soldi certi che devono essere restituiti sono i 49 milioni della Lega. Voglio precisare che nella sanità abruzzese non c’è nessun disavanzo e per questo invito a leggere tutti i verbali dell’ultimo quinquennio. Per fare chiarezza sugli aspetti economico – contabili – spiega il consigliere del Pd – è bene sottolineare che, al quarto trimestre, il risultato complessivo del sistema sanitario abruzzese fa segnare un utile di +0,4 milioni. Facilmente desumibile dai prospetti ministeriali, nel 2017, la gestione complessiva ha chiuso a -13 milioni. Ricordo che il Piano di riqualificazione 2016-2018, approvato dal Consiglio dei Ministri, prevedeva per il 2017 una perdita di -23 milioni, ed è evidente che siamo dentro le previsioni, mentre per il 2018 un utile di +2 milioni e anche in questo caso siamo in linea con quanto stabilito”. “La perdita del 2017 – sottolinea il consigliere – fa riferimento alle scritture extra contabili ovvero a rischi e relativi accantonamenti relativi al periodo 2007-2013 e proprio per questo Febbo e Sospiri dovrebbero esserne a conoscenza. Inoltre, tali scritture e fondi sono state coperte”. Sulla rete emergenze urgenze Paolucci ritiene che vada “assolutamente salvaguardata” e che, “con il governo regionale uscente, si sia proceduto a implementare le postazioni 118 soprattutto nelle aree interne”. “In tema di piccoli ospedali – conclude Paolucci – voglio ricordare che la riconversione dei presidi di Casoli, Guardiagrele, Tagliacozzo e Pescina, è stata definita dalla Legge dello Stato, art. 17 Legge 111/2011, votata dal governo di centrodestra e quindi sia per questo tema sia per i punti nascita i colleghi di Forza Italia potranno rivolgersi ai vice ministri Salvini e Di Maio”.

Continua a leggere

Abruzzo

STRAORDINARIO RISULTATO DELLA LEGA A SULMONA E NELLA VALLE PELIGNA

Pubblicato

on

L’ANALISI DEL VOTO DEL COORDINATORE TERRITORIALE Dott. FABIO FEDERICO

L’eccezionale folla che ha riempito piazza XX Settembre a Sulmona qualche settimana fa, in occasione della visita del Ministro Matteo Salvini, con uno scenario che non si vedeva da parecchi decenni, rappresentava un chiaro segnale di quello che sarebbe poi successo alle elezioni regionali del 10 febbraio.

Una valanga di voti, che hanno rivoluzionato l’assetto politico della nostra città, della nostra Valle e dell’intera Regione. Si profila ora in Abruzzo un consiglio a forte trazione leghista.

Nella valle peligna e nelle valli limitrofe, che rientrano nel mio coordinamento, 7.136 voti hanno determinato percentuali di consenso mai viste.

A Sulmona, con 2771 voti, la Lega è  di gran lunga il primo partito ed è proprio qui che i primi effetti della “rivoluzione elettorale” si manifesteranno con sconvolgimenti importanti.

Appare ormai chiaro che è fallito l’esperimento del “civi-opportunismo” ed il patetico tentativo della Sindaca di camuffare la disfatta, con un endorsement al centrodestra,  sono chiari segnali di fine della legislatura che, inoltre, ingenerano ulteriori squilibri: come può infatti un consigliere socialista reggere in piedi un’amministrazione che si dichiara di centrodestra?

Insomma il minestrone di forze politiche unite solo con la gomma da masticare, che ha caratterizzato questa amministrazione, si è puntualmente disciolto, orfano anche del suo mentore che, passato da sinistra a destra in men che non si dica, si tiene pronto a ripassare da destra a sinistra se il meteo politico accenna a modificarsi.

Con buona pace dei tanti elettori-concorsisti del COGESA che, rassegnatamente, attendono le prossime elezioni e il prossimo concorso, la festa è finita.

Invece la giostra (assai poco ) cavalleresca ha la propria consigliera che si occuperà di far ottenere i necessari sussidi con il proprio indiscusso peso all’interno del Consiglio e (chissà) della Giunta.

Il quadro cittadino certo non è allegro e forse sarebbe un atto di dignità se la Sindaca, prima di essere dimessa dagli altri, si dimettesse da sola.

Adesso è la maggioranza degli elettori a chiederglielo.

Continua a leggere

Abruzzo

REGIONALI: ATTRIBUZIONE UFFICIALE DEI SEGGI, EMILIO IAMPIERI ESPRIME ESTREMA FIDUCIA PER PROCLAMAZIONE

Pubblicato

on

“Non c’è stata alcuna attribuzione ufficiale di seggi, tanto meno a cura del Ministero degli Interni e della Regione; è bene ricordare che tale competenza è affidata esclusivamente alla Commissione elettorale regionale, che per la proclamazione degli eletti si baserà solo sui dati reali, che sono quelli che gli vengono trasmessi ufficialmente dai tribunali circoscrizionali. Alla luce di ciò, al momento, non c’è nessun eletto e nessun escluso. Sarà la commissione mensionata a decretare i risultati ufficiali. Per quanto mi riguarda, sto operando un certosino riconteggio dei voti, sezione per sezione di tutte le liste, tanto in provincia dell’Aquila, tanto in quella di Chieti, finalizzato a verificare se i dati trasmessi dai vari Comuni siano quelli espressi o se ci siano stati errori, cosa peraltro accaduta spesso in passato. Mi limito a esprimere estrema fiducia. Posso affermare, inoltre, che il risultato di Forza Italia in provincia di L’Aquila è stato più che soddisfacente e ne sono oltremodo orgoglioso, tanto più perché ottenuto a distanza di poche settimane dalla scelta di una parte del gruppo dirigente aquilano di lasciare il partito. E’ per questo che ringrazio ancora una volta tutti coloro che mi hanno sostenuto e in particolare le amiche e gli amici candidati della nostra lista, che hanno contribuito con valore e grandi meriti al raggiungimento di questo importante risultato”.

Emilio Iampieri

Continua a leggere

Attualità

Comune di Avezzano. Un bel puzzle da (ri)comporre per il sindaco De Angelis

Pubblicato

on

Avezzano. Molti grattacapi e non pochi malumori sulla scrivania del primo cittadino di Avezzano.

Dal giorno della sua elezione non è mai passato un mese senza scossoni, cambi di casacca, malumori e polemiche. Ora quando sembrava aver trovato un minimo di stabilità, sono arrivate le elezioni regionali a rimettere tutto in gioco.

Infatti, se da un lato c’e l’ondata leghista ad alzare la voce, dall’altra c’è Forza Italia che è nettamente crollata insieme al suo pilastro Iampieri, appoggiato proprio da De Angelis. Se poi si aggiunge il malcontento della Cosimati e di Cipolloni che hanno rinunciato a fare campagna elettorale per se stessi puntando sull’aquilano Liris dopo la “marchetta” dell’altro “alleato” alle scorse comunali di De Angelis, ovvero Gerosolimo, il puzzle davanti al Sindaco è sicuramente difficile da ricomporre.

Proprio per questi motivi ed altri che questo pomeriggio alle 18.30 nella sala della giunta ci sarà il vertice di maggioranza, convocato dopo l’esito del voto, e spetterà proprio al sindaco fare un bilancio di quello che è accaduto ad Avezzano e poi ascoltare le intenzioni di ciascun esponente. Una resa dei conti, quindi, bella e buona che però potrebbe dare una mano al primo cittadino a limare le imperfezioni e a tirare dritto verso il secondo anno di mandato.

L’unica cosa certa è che la città nonostante proclami, sembra ferma e in balia degli eventi politici, dove i cittadini non sembrano ascoltati (vedi esempio degli ambulanti) e quelli che dovrebbero essere i loro rappresentanti giocano a farsi la guerra tra di loro.

 

Continua a leggere

Attualità

ABRUZZO, ASSOTUTELA DENUNCIA BEPPE GRILLO PER VOTO DI SCAMBIO

Pubblicato

on

ABRUZZO, ASSOTUTELA DENUNCIA BEPPE GRILLO PER VOTO DI SCAMBIO

“Il risultato elettorale delle regionali dell’Abruzzo è stato sicuramente deludente per il Movimento 5 Stelle, che ha dimezzato il proprio consenso e non è riuscito a conquistare questa Regione italiana. Ma tutto questo non può giustificare le gravi dichiarazioni del loro mentore, Beppe Grillo, il quale durante il suo spettacolo a Bologna avrebbe chiesto ai cittadini abruzzesi di ridare indietro i 700mila euro che il Movimento 5 Stelle ha dato l’anno scorso per la Regione, con quattro ambulanze e gli spazzaneve a turbina. Come a dire: Cari abruzzesi, non ci avete votato, allora restituiteci quanto dato. Una richiesta illogica e fuori luogo, quella di Beppe Grillo, che – secondo noi – non può essere catalogata sic et simpliciter come una battuta comica seppur infelice, ma che – al contrario – prefigurerebbe il reato di voto di scambio. Per questa ragione, Assotutela ha deciso di depositare un esposto-querela alla Procura di Roma: a nostro giudizio, infatti, sussistono tutte le premesse per l’apertura di un fascicolo”.

Così, in una nota, il presidente nazionale di Assotutela, Michel Emi Maritato.

Continua a leggere

Abruzzo

Elezioni regionali, Beppe Grillo agli abruzzesi: “Ora ci ridiano 700mila euro che gli abbiamo dato”

Pubblicato

on

Il risultato elettorale delle regionali abruzzesi è stato sicuramente deludente per il Movimento 5 Stelle. La candidata pentastellata, Sara Marcozzi, si è fermata al 20% dei voti, perdendo consensi rispetto alle regionali del 2014. Ma, soprattutto, dimezzando i voti raccolti il 4 marzo 2018 in occasione delle politiche, quando il Movimento 5 Stelle è stato, in tutta la regione, il partito più votato con il 40%. E se in molti, all’interno del Movimento, chiedono una riflessione e un cambio di passo nell’alleanza di governo con la Lega, chi proprio sembra non riuscire ad accettare il risultato elettorale è Beppe Grillo. Il co-fondatore del M5s parla dell’Abruzzo durante il suo spettacolo in corso a Bologna e chiede agli abruzzesi di ridare indietro i “700 mila euro” che il M5s ha dato l’anno scorso per la Regione, con “quattro ambulanze e gli spazzaneve a turbina”.

Grillo parla delle elezioni durante il suo spettacolo ‘Insonnia. Ora dormo’: “Io accetto tutto, accetto che il popolo abruzzese abbia deciso e ha fatto benissimo. Chiedo solo una cosa ufficialmente, che ci diano indietro i 700 mila euro che gli abbiamo dato l’anno scorso, quattro ambulanze e gli spazzaneve a turbina”. Il riferimento di Grillo è ai “fondi del Masterplan Abruzzo”: “Hanno fatto la loro scelta e dovrebbero dire che le cose che gli abbiamo dato noi ‘ve le ridiamo indietro’, è giusto o no?”. Grillo ha poi ironizzato ancora sulle elezioni in Abruzzo: “Quello che sto prendendo adesso è il malox con la vaselina”.

Le frasi di Grillo hanno suscitato l’immediata indignazione e le polemiche di alcuni esponenti dell’opposizione, a partire da Filippo Sensi, del Pd: “Conte, Salvini, Di Maio e compagnia prendano immediatamente le distanze dalle gravissime dichiarazioni di Grillo rivolte agli abruzzesi. Il ‘garante’ di uno dei due partiti di governo non può permettersi simili toni, non c’è satira che tenga. Ci vogliono le scuse”, scrive su Twitter. Gli fa eco la deputata Stefania Pezzopane: “Caro Grillo, gli abruzzesi non si comprano. Hai proprio sbagliato i calcoli. Però adesso è tutto più chiaro. Come fa al governo, M5s fa ogni cosa solo per tornaconto elettorale”.

 

Continua a leggere

In Evidenza