Connect with us

Ultim'ora

Da Pescocostanzo all’Expo di Milano: viaggio al suon di mandolino

Pubblicato

on

Un viaggio contemplato sul pentagramma del mandolino d’Abruzzo. All’Expo, fra spezie dai sapori nostalgici e nostalgia per tradizioni arcaiche troppo poco rispolverate, spunta lei: la musica popolare delle nostre terre. Un viaggio sull’albero della vita di Milano in aereo non avrebbe sortito lo stesso effetto, forse. Francesco Mammola, polimusicista e strumentista a più voci di fama oramai nazionale e originario di Pescocostanzo, visita l’Expo di Milano col bagaglio dell’Abruzzo popolare riassunto in quattro corde musicali. Il giorno 29 settembre scorso, in occasione della manifestazione a carattere cultuale e quasi ‘etnografica’ denominata ‘Cuore d’Abruzzo’, l’antichissimo strumento a corda risalente al XVII secolo, il mandolino, ha fatto il suo ingresso trionfale. La musica popolare, quindi, vola (vola vola come lu pavone) oltre confine.

«Sono stato contattato – spiega Francesco Mammola alla Redazione – mesi fa per prendere parte ad un evento organizzato dalla Valle Peligna e da tutto il comprensorio dell’Alto Sangro: una manifestazione, quindi, che sapesse dell’Abruzzo più naturale e vispo. L’Expo, praticamente, l’ho visitata accompagnato del mio strumento musicale. L’evento, dal titolo di ‘Cuore d’Abruzzo’, è durato tre giorni esatti ed ha riguardato, nello specifico, la messa in bella mostra delle tradizioni popolari e appartenenti all’anima più vera della nostra Regione. Io, ovviamente, ho portato la mia scienza del cuore, ossia il suono del mandolino». Francesco Mammola, ricco di arte nelle dita, ha scelto di suonare proprio perché a Sulmona si è costruita la carriera di un suo ‘fratello’ talentuoso oggi scomparso, predecessore dell’arte, quale il maestro Mario Giusti, nativo di L’Aquila, e attivo, culturalmente, nei primi anni ‘90, in quel di Sulmona. E’ ricordato come un raro autodidatta di tanta chiara bravura quanta grande umiltà. «Ho scelto di portare il suo repertorio, assieme ai brani tipici di alcuni autori di Pescocostanzo, la mia culla natale: testi e musiche tramandate da più di 200 anni. Come a dire che, davvero, le sette note sono appannaggio di tutti e appartengono a tutti».

10846467_10205686968483418_2595292156203487410_nFrancesco Mammola, a Brera, ha dato vita a due concerti al sapor del mandolino. Uno di mattina, verso mezzogiorno, e uno verso sera, verso le ore 17. «E’ stata una vera e propria festa della Musica, mirante a risvegliare le essenze popolari tipiche della nostra zona abruzzese. ‘Vola vola’ e ‘Tutte le funtanelle’ sono stati i miei assi nella manica, in quanto rappresentano i nostri fiori all’occhiello musicali. La mia è stata una visita lampo all’Expo, ma sono contento di aver preso parte a questo evento magnifico, dedicato ai sapori della nostra terra. La città dell’Expo – racconta – assomiglia ad un grande labirinto ordinato, adatto al passeggio. Le ‘case’ delle Regioni hanno sede proprio al Centro di Milano, mentre le Nazioni hanno luogo al villaggio dell’Expo vero e proprio. Il concerto avvenuto di mattina – aggiunge – è stato aperto da un vivo spettacolo della Giostra Cavalleresca di Sulmona, riconosciuta perla madre anche dall’Unesco; chiarine, tamburini e sbandieratori hanno dipinto Casa Abruzzo in un attimo: giapponesi e cinesi fra il pubblico, ad applaudire».

E proprio la Giostra Cavalleresca sulmonese e l’antichissima Festa dei Serpari di Cocullo sono state annoverate fra le 100 feste più belle d’Italia. «L’Abruzzo stupisce quando gli si dà la possibilità di farlo». ‘Cuore d’Abruzzo’ ha dato man forte anche alla conoscenza per il mondo degli Eremi celestiniani, dei Parchi naturali e dell’enogastronomia più tipicamente montana. Un excursus in piena regola per i punti forti del cosiddetto ‘Polmone verde d’Europa’. Francesco Mammola, dal canto suo, si è occupato, assieme al chitarrista Lino Giusti (figlio del maestro Mario Giusti), della cornice musicale dell’evento. «Abbiamo dato luogo ad un bel duetto, caratterizzato dalla favolosa discesa nei meandri del repertorio artistico del padre».

10882146_10205744623284752_1989270640864208794_nFrancesco Mammola, di appena 25 anni, è una rarità artistica delle nostre terre: premiato 5 mesi fa con l’ambito ‘trofeo’ musicale dedicato alla memoria di Claudio Abbado, sta man mano ergendosi a punta di diamante di una musica ancestrale, ma assai rivisitata e ringiovanita. «Il 24 di ottobre – conclude – suonerò all’Auditorium di L’Aquila in compagnia dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio ‘Casella’ locale, in occasione del Concerto di Hummel e, successivamente, il giorno dopo, sarò al ‘Piccolo Teatro del Salotto di Pulcinella’ di Roma, con il mio trio, composto da me, fisarmonicista e mandolinista, Giulia Mangone al pianoforte e il musicista Mariano Antonilli al contrabbasso». Per seguire i passi di Mammola: http://www.francescomammola.it/.

Il mandolino: un oggetto artistico nato secoli fa e, oggi, grazie al genio di Mammola, riportato a nuova luce e a nuova vita. Potrebbe esso divenire, un giorno, lo strumento musicale degli uomini sensibili del futuro? «Facile innamorarsi del mandolino – risponde – l’importante è farlo ascoltare; ha delle potenzialità, secondo me, infinite. La mia promessa ristagna oramai da tempo in quella di avvicinare il gusto di questo strumento ai giovani, proponendo un viaggio che da Vivaldi approdi alle rive musicali moderne dei giorni nostri, grazie alla proposizione della musica rock; ciò è possibile apponendo un semplice distorsore al mandolino, capace di renderlo, in questo modo, simile ad una chitarra elettrica».

Quindi, al netto dei fatti, il mandolino può essere considerato uno strumento per i giovani? «Io, quando l’ho incontrato, non l’ho più lasciato. All’epoca avevo solamente 12 anni. Tutto sta, a mio avviso, nel svecchiare il modo di pensare attorno ad uno strumento del genere. Un po’ come è accaduto alla fisarmonica, la quale, appena 10 anni fa, veniva vista in maniera assai negativa, e ora, invece, poiché inserita in un certo contesto moderno, quale può essere la musica da discoteca, ha ripreso grinta e vigore». Francesco Mammola ha dato vita, qualche tempo fa, ad una baby orchestra di musicisti in erba, composta dai suoi allievi. «Ho una bravissima alunna di mandolino, di nome Flavia Pitassi, che cresce e va benissimo: è stata anche alla Masterclass di mandolino, lo scorso anno, che si è tenuta all’Aquila – in occasione dell’Aquila Mandolin Festival – Ora, invece, stanno seguendo il suo esempio, un bimbo piccolissimo di 5 anni e un altro ragazzo, nativo di Sulmona, di appena 27».

In attesa, quindi, che si formi un vero e proprio esercito, in Abruzzo, di ragazzi col mandolino al posto dell’Iphone, il popolo abruzzese si appesta, nel 2017, a festeggiare il bi-millenario della morte del rivoluzionario poeta augusteo Ovidio, colui, cioè, che, azzardando al tempo, scrisse di quanto e quante volte l’uomo può lasciarsi trasportare dalle passioni per l’arte, per il genio e per il cuore. (g.c.)

Abruzzo

SPERIMENTAZIONE 5G: 3 COMUNI MARSICANI TRA LE CAVIE (IGNARE). I RISCHI PER LA SALUTE

Pubblicato

on

La notizia è che 120 piccoli comuni d’Italia (oltre ad alcune “smart cities”: Milano, Prato, L’Aquila, Matera e Bari, cui si aggiungono Roma e Torino, dove erano già state avviate altre prove tecniche) saranno i primi sperimentatori dell’esposizione della popolazione alle tre bande della tecnologia 5G, una rete wireless di nuova generazione (ribattezzata “l’internet delle cose“) che renderà possibile le connessioni mobili superveloci: antenne, modem che verranno implementati sugli smartphone, base station che sui tetti diffonderanno il segnale.

Non è fantascienza ma realtà. E non è solo un fatto di velocità di connessione ma un passo avanti della tecnologia applicata alle comunicazioni che potrebbe permettere di superare le prestazioni dell’attuale ADSL e favorire l’utilizzo di servizi di streaming (video in particolare) soppiantando le connessioni in fibra. Potremo così giocare online senza la necessità di disporre di macchine potenti, essere sempre connessi senza più passare continuamente da Wi-Fi a rete mobile, videosorvegliare, guidare droni o auto senza conducente, leggere i sensori dei cassonetti dell’immondizia per sapere quando svuotarli, telecomandare i robot senza bisogno di cavi, consentire ai medici di curare un paziente anche a distanza, indicare i prodotti scaduti presenti nei nostri frigoriferi, permettere ai nostri orti di richiedere di essere annaffiati e chissà che altro.

Tecnologia al servizio dell’uomo.

Ma senza rischi?

Il 5G viaggerà su frequenze altissime e mai usate finora, fino a 27,5 GHz (mentre con il 4G si arriva al massimo a 2,6 GHz): un’energia 11 volte superiore, ma che ha una “durata” di viaggio limitata. Queste onde vengono infatti facilmente assorbite dal terreno e sono “riflettenti”, non attraversano i palazzi. Per poter connettere tra loro fino a un milione di oggetti per chilometro quadrato, bisognerà installare migliaia di piccole antenne che rilanceranno il segnale proveniente da un’antenna base più grande.
L’esposizione umana alle onde elettromagnetiche aumenterà così in modo esponenziale e i rischi per la salute aumenteranno altrettanto esponenzialmente, favorendo la possibile alterazione del funzionamento delle cellule: la prestigiosa rivista scientifica Lancet ha presentato uno studio importante che dimostra gli effetti biologici e sulla salute causati dall’esposizione dell’uomo ai campi elettromagnetici con un aumento “statisticamente rilevante” del numero dei tumori, rarissimi schwannomi, al cervello e al cuore.
A queste conclusioni è arrivato anche l’Istituto Ramazzini di Bologna.

Più di 180 scienziati e medici provenienti da 37 paesi hanno da tempo diffuso un appello per avvertire dei potenziali gravi effetti del 5G sulla salute umana e richiesto una moratoria: fermiamo lo sviluppo del 5G finché gli scienziati indipendenti non potranno garantire che 5G e il livello totale di radiazioni causati da RF-EMF (5G insieme a 2G, 3G, 4G e WiFi) non siano dannosi ai cittadini dell’UE, in particolare a neonati, bambini e donne in gravidanza, nonché all’ambiente.
La preoccupazione tra i cittadini sta crescendo e la neonata “Alleanza nazionale STOP 5G” ha organizzato lo scorso 2 marzo a Vicovaro (Roma) il primo meeting nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema e chiedere con forza una moratoria.

A fronte dei rischi, occorre registrare un’ulteriore situazione particolarmente sorprendente: molti dei 120 comuni selezionati a far da “cavie” non ne sanno nulla.

Se pensate che sia utile una vostra azione formale nei confronti di tutti i Sindaci dei comuni abruzzesi e marsicani compresi nell’elenco, è questo il momento di farlo.

Questo l’elenco dei comuni abruzzesi :

1 Gagliano Aterno L’Aquila
2 Civita d’Antino L’Aquila
3 Morino L’Aquila
4 Castiglione a Casauria Pescara
5 Brittoli Pescara
6 Canistro L’Aquila
7 Introdacqua L’Aquila
8 Barete L’Aquila
9 Tossicia Teramo
10 Montebello di Bertona Pescara
11 Fresagrandinaria Chieti

Continua a leggere

Abruzzo

FINANZIAMENTO AL TERRORISMO IN ABRUZZO: PERQUISIZIONI IN CORSO SU SOGGETTI DI ORIGINE TUNISINA

Pubblicato

on

Nell’ambito di una complessa indagine coordinata e diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed Antiterrorismo di L’Aquila, in data odierna sono state disposte ed eseguite numerose attività di perquisizione nei confronti di oltre 20 soggetti di origine tunisina, da anni stabilitisi in Italia, per l’accertamento di responsabilità in ordine alla commissione di vari reati con finalità di terrorismo. Le attività di perquisizione sono state delegate per l’esecuzione ai carabinieri del R.O.S. e ai finanzieri del G.I.C.O. di L’Aquila, che hanno anche curato congiuntamente le fasi investigative. Le attività di perquisizione, oltre che in Abruzzo, hanno interessato anche le città di Torino, Milano e la provincia di Ascoli Piceno. Le ipotesi di reato, per le quali la Direzione Distrettuale aquilana sta indagando, riguardano una serie di illeciti di natura tributaria, posta in essere per raccogliere ingenti disponibilità di denaro potenzialmente da destinare anche al finanziamento di attività riconducibile al movimento radicale islamico “Al-Nusra”. In particolare, tramite alcune società operanti nel settore della rifinitura edilizia e nel commercio di tappeti, formalmente intestate a soggetti di comodo ma di fatto gestite da un unico soggetto, capo indiscusso del gruppo, sono stati creati numerosi artifizi contabili per distrarre ingenti somme di denaro dalle società. Le illecite disponibilità finanziarie sarebbero state successivamente “riciclate”, mediante l’acquisto di beni immobili e l’investimento in altre attività imprenditoriali, nonché destinate al finanziamento di gruppi radicali di ispirazione islamica insediati all’estero. Le attività di polizia giudiziaria eseguite oggi sono state svolte con il supporto dei Comandi Provinciali Carabinieri e della Guardia di Finanza di Torino, Milano, Ascoli Piceno e Teramo e anche grazie all’azione di coordinamento assicurata dal Raggruppamento Operativo Speciale Carabinieri e dal Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza

Continua a leggere

Abruzzo

POLIZIA DI STATO: OPERAZIONE “FARE CENTRO” DURO COLPO AL TRAFFICO DI STUPEFACENTI.

Pubblicato

on

Ieri mattina, personale della Squadra Mobile di L’Aquila, al termine di una complessa e articolata attività investigativa, ha eseguito sette, delle nove, ordinanze di custodia cautelare disposte dal GIP del Tribunale di L’Aquila, Dr. Giuseppe Romano GARGARELLA, nei confronti di sei uomini ed una donna, indagati per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, R. K., 32enne di nazionalità albanese, e M. M., 46enne di nazionalità italiana, sono stati destinatari della misura cautelare della custodia in carcere, mentre sono stati posti agli arresti domiciliari S. O., 28enne, R. S., 25enne, e H. E., 40enne, tutti cittadini albanesi, S. D., 30enne romena, e S.T. , 50enne macedone.
Sono in corso le ricerche di altri due indagati, un 27enne romeno e un 32enne albanese, destinatari, rispettivamente, della custodia cautelare in carcere e di quella degli arresti domiciliari.
Sei di loro dovranno rispondere del delitto di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di cocaina, gli altri tre delle varie cessioni dello stupefacente.
Le indagini, durate circa un anno, sono iniziate nell’estate del 2017, allorquando nel corso dei continui servizi di osservazione effettuati dagli operatori della Sezione Antidroga è stato notato un anomalo via vai di persone nei pressi di un’abitazione della centrale Via del Guasto.
Gli investigatori, approfondendo il fenomeno, hanno capito che, all’interno e nei pressi dello stabile, avvenivano numerose cessioni di sostanza stupefacente del tipo cocaina.
Le attività investigative, coordinate dal P.M., dr. David MANCINI della DDA di L’Aquila e dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell’Interno, hanno permesso di documentare, anche attraverso l’utilizzo di intercettazioni telefoniche ed ambientali, una fiorente attività di spaccio di cocaina.
I clienti, dopo aver preso accordi telefonici con gli indagati, utilizzando anche whatsapp, entravano nell’abitazione e ricevevano la cocaina pattuita: il prezzo di ogni singola dose (mezzo grammo) era di circa 50 euro.
In alcuni casi, per eludere i controlli delle Forze dell’Ordine, alcuni clienti consumavano la droga direttamente nell’abitazione.
Le articolate attività operative hanno consentito, inoltre, di dimostrare l’esistenza di una vera e propria associazione, di cui facevano parte alcuni degli indagati, costituita allo scopo di reperire e poi vendere al dettaglio la cocaina, evidenziando i singoli ruoli degli appartenenti all’associazione criminale.
Lo spaccio avveniva, principalmente, nell’abitazione di Via del Guasto, luogo scelto dai malviventi perché vicino ai locali di intrattenimento della città; in alcuni casi è stata documentata la cessione di droga anche in altri luoghi cittadini,
Già ai primi stadi delle indagini, R.K e T.M. , uno dei soggetti al momento irreperibile, sono stati arrestati in flagranza di reato, con conseguente sequestro di circa 450 gr. di cocaina.
La puntuale e analitica ricostruzione degli episodi di spaccio, l’individuazione del modus operandi e dei “compiti” che ogni appartenente all’organizzazione svolgeva, hanno consentito alla Squadra Mobile di prospettare alla Procura della Repubblica un solido quadro probatorio circa le responsabilità degli indagati e hanno così permesso all’Autorità Giudiziaria di disporre i provvedimenti cautelari oggi eseguiti dalla Polizia di Stato.

Continua a leggere

Abruzzo

POLIZIA DI STATO : MAXI SEQUESTRO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Pubblicato

on

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio nella provincia di L’Aquila, in particolare nella Valle Peligna, nel tardo pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Pratola Peligna, ha proceduto, nei pressi del casello autostradale A25 di Bussi (PE), al controllo di due autovetture che avevano destato sospetti negli operatori.
Il controllo eseguito sulla prima autovettura, una Fiat Panda di colore nero, e sul conducente, un 30enne di origine campana, ha dato esito negativo, mentre quello effettuato sul secondo veicolo, un’autovettura Lancia Y di colore azzurro metallizzato, condotta da un romano 39enne, ha fatto emergere anomalie sui rivestimenti interni delle portiere.
La rimozione dei pannelli in tessuto ha consentito di rinvenire, occultati, n.14 panetti rivestiti di cellophane, che sottoposti ai narcotest risultavano contenere sostanza stupefacente, ed in particolare cocaina, per oltre due chili complessivi, ed hashish, per un quantitativo superiore a sei chili.
Entrambi i conducenti sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Pescara, che disponeva l’arresto in flagranza per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del giovane romano.

Continua a leggere

Abruzzo

FURTI MARSICA : IDENTIFICATO IL LADRO DI TABACCHI

Pubblicato

on

Si è reso responsabile di due furti di tabacchi, sottratti all’interno dei
veicoli di due donne, titolari di esercizi commerciali bar nella Marsica, le quali avevano prelevato una fornitura di sigarette poco prima presso i Monopoli di Stato in Avezzano.

Gli episodi verificatisi il 23 gennaio in Scurcola Marsicana, frazione
Cappelle dei Marsi ed il 18 febbraio scorso in Tagliacozzo hanno
immediatamente allertato i Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo, nella considerazione delle analogie circa le modalità in cui si sono verificati, ovvero furti su autovettura ai danni di due donne, mentre i rispettivi veicoli si trovavano parcheggiati nelle aree antistanti grandi esercizi commerciali lungo la Via Tiburtina Valeria.

I Carabinieri delle Stazioni di Tagliacozzo e Scurcola Marsicana, al termine di un’attività di indagine, costituita principalmente nell’analisi dei filmati di video sorveglianza di alcune attività commerciali presenti nei luoghi ove sono state perpetrate le azioni delittuose, hanno identificato e
deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un 49enne di Napoli.

Le indagini proseguono ulteriormente al fine di individuare eventuali
complici e sono orientate anche a riscontrare le responsabilità in ordine ad altri eventi della stessa natura, nella considerazione che questi non sono gli unici casi riscontrarti di recente nella Marsica.

Continua a leggere

Abruzzo

MANI CHE AFFOGANO IN PIAZZA A CELANO. NON ERANO AUTORIZZATE. SUBITO RIMOSSE DAL SINDACO SANTILLI

Pubblicato

on

Decine di braccia ‘affogano’ sull’asfalto. È durata poco l’installazione artistica “contro” Salvini nella piazza di Celano. Dopo altre località abruzzesi l’installazione con le “Mani che affogano” arriva a Celano ma viene subito rimossa. Questa mattina in piazza IV Novembre, intorno alla fontana, sono comparse le ormai note mani simbolo dei tanti migranti che in mare hanno perso, e continuano a perdere la vita. Anche un cartello con scritto “Celano non si Lega” e un chiaro messaggio al vice premier Matteo Salvini “ministro sentiti libero di esprimere qui con i tuoi elettori, idee disumane di società. Qui tra queste mani che affondano, silenti come coloro che in mare hanno la testa nell’acqua. Coraggioso è chi mette in gioco la propria vita, non chi gioca con quella degli altri”, ma questa “manifestazione” non era stata autorizzata e il sindaco, Settimio Santilli, ha provveduto alla rimozione. “Su disposizione della compagnia di Avezzano, capitano Fiano”, ha commentato Santilli sui social, “ho provveduto a rimuovere personalmente quanto non autorizzato secondo vigente normativa. Celano è una città di integrazione al di là di ogni appartenenza politica”.

Continua a leggere

In Evidenze

FARMACO ANTIBIOTICO RITIRATO A TITOLO CAUTELATIVO DAL MERCATO. ECCO IL LOTTO E INFO

Pubblicato

on

Un ritiro a scopo cautelativo, specifica la Società Zambon Italia, di
un antibiotico dal mercato. Nello specifico si tratta del lotto n.
358759 prodotto il 06-20018 con scadenza 06/2021 della specialità
medicinale MONURIL, AD OS GRAT 2BUST 3G – AIC 025680024. Il
provvedimento, si è reso necessario a seguito di un test OOS “unknown
impurities” effettuato durante lo studio di stabilità. MONURIL, è
indicato nella prevenzione e nel trattamento di infezioni acute non
complicate delle basse vie urinarie causate da germi sensibili alla
fosfomicina.

Continua a leggere

In Evidenza