Connect with us

Cronaca e Giudiziaria

Calcio scommesse: il “sistema Di Nicola”

Pubblicato

on

Dalle intercettazioni telefoniche raccolte nell’ordinanza della Dda di Catanzaro emerge un profilo inquietante circa la “personalita’ ” calcistica dell’ex giocatore del Morro d’Oro e direttore sportivo dell’Aquila Calcio Ercole Di Nicola, arrestato oggi nell’ambito dell’operazione Dirty Soccer e relativa al calcio scommesse assieme ad altre 49 persone tra calciatori, presidenti e dirigenti.

In una conversazione emerge chiaramente che lui agisce senza societa’, dice infatti: ” falli litigare, fai come qua da me, io sto senza societa’, io faccio gli affari miei e basta, non devi avere scrupoli”. Mentre il sodalizio rossoblu’ lo sospende come da regolamento ma auspica un chiarimento da parte sua circa questa vicenda scabrosa Di Nicola e’ raccontato attraverso le pagine dell’ordinanza come uno abituato a muoversi nel mondo del calcio, locale e non, arriva anche nella serie cadetta grazie a conoscenze ed ex giocatori. Ad esempio si incontra, sempre secondo quanto riferito dalle carte stesse, con l’ex collaboratore dell’ex allenatore del Savona Di Napoli Massimiliano Solidoro che compare anche lui nel decreto di fermo. L’ex calciatore dei dilettanti viene in Abruzzo lo scorso 22 Novembre per organizzare la cosidetta “combina”. Il Savona, secondo quanto si dicono, dovra’ uscire sconfitto dalla gara contro L’Aquila Calcio. Di Nicola offre attraverso l’intermediazione del Solidoro dei soldi al tecnico della squadra avversario per farlo perdere – si legge nelle carte. Insomma, in quello che viene definito un vero e proprio sistema, l’ex calciatore e ds riveste un ruolo di spicco. Una brutta storia di certo che, diciamoci la verita’, fa un po’ disinnamorare anche la tifoseria, scossa da questo terremoto giudiziario, soprattutto perche’ i tifosi hanno sempre dimostrato maturita’ e attaccamento anche nei momenti piu’ negativi della storia calcistica aquilana. Una brutta storia di giocatori comprati, di scommesse, di gare manovrate anche da organizzazioni criminali, manovre per far guadagnare, per far ottenere vantaggi economici a qualcuno “frodando” lo sport, andando contro a quelli che dovrebbero essere i veri valori positivi.

Tra le gare incriminate c’e’ anche la partita contro il Santarcangelo. Anche in questo caso L’Aquila doveva uscire vincente dall’incontro e Di Nicola punta su tre calciatori del Santarcangelo stesso grazie al magazziniere della squadra che riesce evidentemente a controllare una parte dello spogliatoio. Rapporti stretti tra i due che proseguono anche dopo gli accordi tanto e’ che la Dda riferisce che al momento dell’arresto di Ercole Di Nicola avvenuto a Venezia i due erano assieme in un casino’.

In un panorama definito e organizzato come questo accade anche che alcune combine non vadano bene. In alcuni casi secondo gli investigatori Di Nicola e’ costretto addirittura a reperire grosse somme di denaro per sopperire alle scommesse mancate. Un esempio di combina andata a male e’ rappresentata dalla gara L’Aquila – Tuttocuoio. Un quadro a tinte fosche ma la societa’ si dichiara serena e augura a Di Nicola, lo ribadiamo, di poter spiegare tutto. Difficile passare sopra ad un guaio cosi’ grande ma il presidente Chiodi e il vice Mancini assicurano continuita’. Si va avanti. Resta da vedere anche che impatto avra’ questa triste vicenda sulla squadra. Solo il tempo dira’ gli effettivi rischi e la reale situazione. Alle 19 intanto nella sede dell’Ance c’e’ stata una riunione del Supperters’ Trust alla quale, oltre ai tifosi, hanno partecipato anche il presidente Chiodi e il vice Mancini. Come anticipato oggi da Marsicanews Di Nicola e’ sollevato dal suo incarico come prevede il regolamento interno della societa’ sportiva e il sodalizio rossoblu’ ha gia’ una rosa di nomi per individuare il sostituto.

Daniela Rosone

Ambiente

Comuni Ricicloni, Luco dei Marsi in vetta

Pubblicato

on

Luco dei Marsi – Luco dei Marsi sul podio dei Comuni ricicloni. Il comune guidato dalla sindaca Marivera De Rosa svetta tra i centri virtuosi e viene premiato all’EcoForum “L’Economia circolare dei rifiuti” organizzato da Legambiente e dalla Regione Abruzzo, tenutosi lunedì 17 dicembre nel Salone dei Marmi del Palazzo della Provincia di Pescara, nel corso del quale, alla presenza del sottosegretario regionale Mario Mazzocca, è stato anche sottoscritto il protocollo “Plastic free”, volto a ridurre gli imballaggi in plastica e a bandire l’usa e getta nell’intera regione. Sono stati 144 i Comuni abruzzesi che hanno conseguito il titolo di Ricicloni, Virtuosi e Rifiuti Free: tra i comuni al di sopra dei 5mila abitanti nella provincia dell’Aquila, Luco dei Marsi, rappresentato nell’occasione dal vicesindaco Giorgio Giovannone, centra il dato record del 78% di raccolta differenziata e conquista il primo posto, in scalata dalla terza posizione occupata appena un anno fa nella precedente edizione.

“Un risultato straordinario, che dedichiamo a tutti i nostri concittadini”, ha sottolineato con soddisfazione la sindaca Marivera De Rosa, “Stiamo conducendo un’attività costante di sensibilizzazione e di implementazione dei servizi, di concerto con la Segen, perché questa è da sempre per la nostra Giunta una battaglia prioritaria, a favore dell’ambiente e dunque della salute della collettività. Diffondere le buone pratiche e promuovere una capillare sensibilizzazione su questi temi ha il valore di un investimento sul futuro dei nostri figli. A fronte di qualche episodio di malcostume a opera di pochi incivili, locali o “occasionali”, che può verificarsi, vi è la grande attenzione e il senso civico della maggioranza dei nostri cittadini. A loro, e agli operatori che con senso di responsabilità si occupano di questo servizio essenziale per la città, va il nostro ringraziamento. Andiamo avanti puntando alla realizzazione piena di un’economia circolare effettiva e diffusa, a superare il dato di oggi e a fare ancora meglio. Obiettivi ambiziosi, ma gli unici possibili per un futuro sostenibile”.

Un circuito virtuoso che porterà benefici pratici anche sotto il profilo economico: sono in definizione, da parte dell’Amministrazione, una serie di misure premianti per i cittadini più attenti nella differenziazione, in particolare tramite il centro di raccolta, che saranno definite a breve e includeranno sconti e altre agevolazioni.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Auto si ribalta in pieno centro a causa del ghiaccio, ferita una donna

Pubblicato

on

Tagliacozzo – Un sabato sera da dimenticare ma che poteva finire ben peggio. É quello vissuto da una giovane donna, vittima di un incidente avvenuto la notte scorsa. La donna viaggiava a bordo della sua utilitaria quando, probabilmente a causa del manto stradale ghiacciato, ha perso il controllo del mezzo ed ha capottato. É accaduto nel centro di Tagliacozzo, poco prima delle due. Soccorsa, la vittima è stata trasportata e medicata all’ospedale di Avezzano, Nel sinistro, fortunatamente, non avrebbe riportato gravi ferite. Sul posto, con il 118, i carabinieri e i vigili del fuoco di Avezzano.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Ladri ancora in azione nella Marsica, allerta per il periodo festivo. Le misure di autoprotezione

Pubblicato

on

Canistro – Ladri in azione nella Valle Roveto. I “soliti ignoti” hanno colpito a Canistro nel tardo pomeriggio di giovedì, nella zona centrale. I ladri avrebbero agito tra le 18 e le 19.30, intrufolandosi nell’abitazione dopo aver forzato una finestra. Molti danni e locali completamente messi a soqquadro: questo il desolante spettacolo che hanno trovato i proprietari di casa al rientro, poco prima delle 20. I malviventi hanno trafugato dei gioielli, per un valore ancora da quantificare, dileguandosi. Sul caso indagano i carabinieri della locale stazione.

Ogni anno, in prossimità delle feste natalizie – ma anche nel periodo estivo – si registra l’impennata dei casi di furto, nella Marsica come nel resto del Paese. Quest’anno, sebbene la cautela sia d’obbligo, le prime rilevazioni relative a buona parte del territorio marsicano mostrano al contrario un trend positivo. Parallelamente alle attività delle forze dell’ordine e delle amministrazioni, attraverso gli strumenti a disposizione e per quanto di competenza di queste ultime, è sempre opportuno mettere in atto tutti gli accorgimenti utili a sventare brutte sorprese.

Tra le misure di prevenzione e le buone abitudini “salva sicurezza”:

  • Ricordate di chiudere il portone d’accesso al palazzo;
  • Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha suonato;
  • Installate dei dispositivi antifurto, collegati possibilmente con i numeri di emergenza. Nella sezione modulistica troverete le indicazioni per collegare il vostro antifurto al 112 . Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti;
  • Conservate i documenti personali nella cassaforte o in un altro luogo sicuro;
  • Se abitate in un piano basso o in una casa indipendente, mettete delle grate alle finestre oppure dei vetri antisfondamento;
  • Illuminate con particolare attenzione l’ingresso e le zone buie. Se all’esterno c’è un interruttore della luce, proteggetelo con una grata o con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa disattivare la corrente;
  • Se abitate da soli, non fatelo sapere a chiunque;
  • In caso di assenza prolungata, avvisate solo le persone di fiducia e concordate con uno di loro che faccia dei controlli periodici;
  • Nei casi di breve assenza, o se siete soli in casa, lasciate accesa una luce o la radio in modo da mostrare all’esterno che la casa è abitata. In commercio esistono dei dispositivi a timer che possono essere programmati per l’accensione e lo spegnimento a tempi stabiliti;
  • Nel caso in cui, rincasando, trovaste la serratura manomessa o la porta socchiusa, non entrate in casa e chiamate immediatamente il 112.

Sul sito web dei Carabinieri, dettagli e maggiori informazioni: http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/protezione-della-casa/protezione-della-casa

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Nas nelle mense scolastiche, accertamenti anche in una struttura della Marsica

Pubblicato

on

Marsica – Sono dieci le mense scolastiche pubbliche e private ispezionate in tutto l’Abruzzo dai carabinieri del Nas di Pescara. In particolare i controlli hanno riguardato 4 strutture della provincia di Pescara, 3 della provincia di Chieti, una della provincia di Teramo e 2 nell’aquilano ( di cui una nella Marsica).
Il titolare di un’azienda di ristorazione gerente il servizio di refezione di un istituto scolastico è stato segnalato all’autorità sanitaria ed amministrativa per aver mantenuto il laboratorio di preparazione dei pasti in carenti condizioni igienico-strutturali e aver omesso di attuare le procedure di tracciabilità e corretta gestione degli alimenti. Durante gli accertamenti è emerso che le attività di trasporto e consegna dei pasti precotti avvenivano con un veicolo non idoneo. I militari hanno disposto la sospensione dell’attività della mensa e il sequestro del mezzo di trasporto. Inoltre lo  stesso NAS ha deferito il legale responsabile di un’azienda di ristorazione delle scuole convenzionato con un Comune del teatino poiché ritenuto responsabile di aver somministrato agli alunni alimenti di qualità diversa da quella stabilita dal contratto di fornitura (formaggio “grana padano” anziché “parmigiano reggiano”). Sequestrati Kg. 50 di formaggio per un valore di circa 700 euro. Sono in corso accertamenti  sulle forniture alimentari di altre tre mense scolastiche.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Invasione di campo, daspo di un anno per un tifoso marsicano 50enne

Pubblicato

on

San Benedetto dei Marsi – Denunciato per invasione di campo dalla Digos un 50enne residente a San Benedetto dei Marsi (L’Aquila) a carico del quale il Questore dell’Aquila ha emesso il provvedimento amministrativo di divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive (daspo) della durata di un anno. Il tifoso, durante l’incontro di calcio Città di L’Aquila – San Benedetto Venere disputatosi domenica 18 novembre presso lo stadio senza barriere “ Gran Sasso d’Italia – Italo Acconcia”, è stato bloccato dal personale in servizio mentre si dirigeva verso l’arbitro dopo avere scavalcato la ringhiera di separazione fra la tribuna ed il campo di gioco. L’azione è stata ripresa anche dalle telecamere del sistema di videosorveglianza gestito dalla Polizia Scientifica.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Capistrello. Arrestato il sindaco Ciciotti, 10 le misure cautelari eseguite

Pubblicato

on

Capistrello – É stato arrestato all’alba di oggi Francesco Ciciotti, sindaco di Capistrello. Agli arresti anche Corrado Di Giacomo, ex consigliere di maggioranza, e il responsabile dell’ufficio tecnico del comune, Romeo Di Felice.

Dieci in tutto le misure cautelari eseguite, sette delle quali a carico di imprenditori e liberi professionisti, nei confronti dei quali è stata disposta la sospensione dall’esercizio delle attività professionali per la durata di un anno. I reati per i quali si procede vanno dalla concussione, turbata libertà degli incanti, turbata scelta del contraente e corruzione in relazione ad una serie di appalti pubblici che riguardano la ristrutturazione di beni comunali, in particolare del Municipio. Le misure cautelari sono state eseguite da circa 50 carabinieri, coordinati dalla capitana Silvia Gobbini, provenienti dalla locale stazione, dalla stazione di Tagliacozzo e dal comando provinciale dell’Aquila. Il sindaco è in carica dal 31 maggio 2015.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Carte di credito clonate, marsicani truffati con mail o telefonate

Pubblicato

on

Avezzano – Gli è stata clonata la carta di credito prepagata dopo l’arrivo di una telefonata. Vittima della truffa è stato un 80enne residente nella Marsica. L’uomo ha riferito di una telefonata in cui, spacciandosi per l’istituto di credito che gestisce la carta prepagata a lui in uso, gli è stato chiesto di fornire il pin per sbloccare un fantomatico pagamento. Il malcapitato ha fornito il codice segreto e solo dopo si è accorto che gli erano stati sottratti 150 euro.
Anche una donna ha raccontato di essere stata raggirata al fine di prelevare denaro dalla carta di credito a lei intestata, solo che in questo caso la truffa è avvenuta tramite una mail in cui veniva comunicato un nuovo codice personale della carta e per ottenerlo bisognava fornire quello vecchio. Ignara ed in buona fede la donna ha fornito il pin che, anche in questo caso, è stato utilizzato dai malfattori per rubarle una somma di denaro. Si tratta di due casi denunciati nei giorni scorsi nella Marsica, ma le truffe con lo stesso modus operandi potrebbero essere molte di più. I truffati hanno sporto denuncia ed è stata avviata un’indagine per cercare di smascherare gli impostori. fdm

 

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com