Connect with us

Attualità

Alta tensione nella sede del Gal, la denuncia del coordinatore barricato negli uffici

Pubblicato

on

Avezzano – Barricato nella sede del Gal per “preservarla dai vergognosi attacchi esterni alla società”. Augusto Cicchinelli, quale rappresentante di ben 17 soci del Gal (circa il 30% del capitale sociale), è barricato da questa mattina dentro la sede per protestare contro il ‘colpo di mano’ che ha istituito, illegittimamente secondo attuale cda ancora in carica, un nuovo cda.

Cicchinelli, nel corso della conferenza stampa indetta questo pomeriggio, ha annunciato uno sciopero della fame e l’interruzione delle cure mediche (di cui necessita giornalmente per i tre bypass, per il diabete e per l’ipertensione) fin quando non sarà ricevuto dalla Procura e non saranno stati adottati provvedimenti a tutela della legalità, del territorio, del Gal Terre Aquilane e dei suoi soci.

I fatti: Nei giorni 21 luglio, in prima convocazione, e 22 luglio, in seconda convocazione, era stata convocata, dal presidente Rocco Di Micco, l’assemblea ordinaria dei soci del Gal Terre Aquilane per il rinnovo delle cariche sociali. Il presidente, in data 20 luglio, ha motivatamente revocato la convocazione attraverso Pec, mail e preavviso telefonico. ”E’ accaduto – spiega Cicchinelli nel corso della conferenza stampa – che la stragrande maggioranza dei soci, 33 su 42, ritenuta revocata l’assemblea, si siano disimpegnati e quindi non si siano ovviamente presentati né in prima né in seconda convocazione, essendo peraltro la sede del Gal chiusa. Nove soci, invece, si sono improvvisamente ed autonomamente presentati, illegalmente capeggiati da Gianfranco Tedeschi (senza alcun titolo non essendo né socio né delegato). Da notizie pervenute da persone presenti ai fatti, questi soci hanno inscenato una pseudo assemblea con l’arroganza di rappresentare oltre il 50% delle quote sociali (elemento questo da verificare), ed hanno eletto, in spregio a qualsiasi norma che regola il funzionamento di una società e delle sue assemblee, un fantomatico consiglio d’amministrazione senza procedere con le procedure di rito, in assenza di qualsiasi amministratore della società ed in presenza di estranei. Hanno votato anche società in liquidazione come la commissariata Comunità Montana, detentrice di quasi il 30% delle quote del GAL, che non avrebbe potuto votare”.

La denuncia: La denuncia-querela di Cicchinelli è contro 15 persone. Figurano il consigliere regionale Lorenzo Berardinetti, il sindaco di Cerchio Gianfranco Tedeschi, il rappresentante della Comunità Montana Montagna Marsicana Gianluca De Angelis, il rappresentante della Segen Valerio Bisegna, il commercialista Angelo Pierleoni e il rappresentante della cooperativa O.P.O.A Vincenzo Cestola. Ci sono, poi, i componenti del nuovo Cda: Antonio Carlini (presidente), Sara Cicchinelli (consigliere), Francesco Adduci Colle (consigliere), Roberto D’Agostino (consigliere), Roberto D’Amico (consigliere), Eleonora Pensa (consigliere), Serena Pisano (consigliere), Roberto Di Salvatore (consigliere) e Marcello Gallese (vice-presidente).

“Lorenzo Berardinetti e Gianfranco Tedeschi – continua Cicchinelli – senza alcun titolo e senza alcun ruolo nel Gal cercano di condizionarne le sorti per assumerne il controllo, il tutto, beninteso, ‘ad insaputa’ del sindaco Gabriele De Angelis che non sa nulla, ma che avrebbe indicato due dei nove componenti il fantomatico consiglio d’amministrazione. Il tutto ruota attorno al fatto che il Gal ha vinto il bando regionale dei fondi leader ed è stato chiamato alla sottoscrizione dell’ attesa convenzione per la realizzazione del Piano di Sviluppo Locale approvato con l’importo assegnato di 3.600.000 euro. Ora il primo danno è già stato fatto poiché la Regione, a seguito di una Pec del neo presidente Antonio Carlini, vedendo confusione, ha bloccato sine die la firma della convenzione, arrecando grave nocumento alla società e al territorio che attende le risorse da tre anni”.

Il Gal, di concerto con l’Amministrazione Di Pangrazio, la Camera di Commercio aquilana, la Soprintendenza e altri enti del territorio, aveva tratteggiato un imponente progetto per la valorizzazione delle aree storico-archeologiche avezzanesi e marsicane, con la creazione di un circuito che integrerebbe bellezze naturalistiche, artistiche e siti archeologici. Il progetto, da finanziarsi con i fondi oggetto della convenzione ora bloccata, mirerebbe a fare del settore turistico un formidabile volano per l’economia marsicana.

“Ripongo nella magistratura – ha concluso Cicchinelli – totale ed incondizionata fiducia rispetto all’incapacità della politica di reprimere ed allontanare le deviazioni e gli elementi negativi che ivi serpeggiano silenti e nella totale omertà se non la connivenza di chi ancora dice che le cose avvengono “a sua insaputa”. Mi aspetto che le forze politiche prendano pubblicamente le distanze dalle iniziative di chi ho querelato”.

Non si è fatta attendere la replica del consigliere regionale Lorenzo Berardinetti, chiamato in causa da Cicchinelli quale “mente” dell’operazione insieme a Gianfranco Tedeschi, che in una nota stampa annuncia querele.

“Informato dai media in merito alla vicenda Gal Terre Aquilane e della denuncia presentata da un collaboratore dell’ente – fanno sapere dal suo ufficio stampa – il consigliere Berardinetti rende noto che non si farà certo intimidire da tali atteggiamenti e che i suoi legali sono già al lavoro per rilevare qualsiasi azione diffamatoria venga messa in atto. Inoltre Berardinetti diffida chiunque dal compiere azioni che possano danneggiare la propria onorabilità e reputazione in modo falso e pretestuoso”.

Attualità

Fasce appese in segno di protesta, Toninelli nega l’incontro programmato ai sindaci

Pubblicato

on

Marsica – Rabbia e delusione fuori al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Dopo una lunga attesa durata tutta la mattina il ministro, Danilo Toninelli, ha negato l’ingresso alla delegazioni dei sindaci di Lazio e Abruzzo nonostante l’incontro fosse programmato da tempo. Un comportamento inaccettabile, hanno commentato all’unanimità i primi cittadini presenti che, in segno di protesta, hanno appeso le fasce tricolore davanti al dicastero sperando in un ripensamento.

Questa mattina la delegazione dei sindaci era tornata a Roma, su appuntamento, in cerca di garanzie circa un congelamento delle tariffe autostradali anche per il 2019. Dopo la sospensione dell’aumento del 12 per cento, imposto dal ministero al concessionario Strada dei Parchi fino alla data del 31 dicembre 2018, i primi cittadini erano tornati per scongiurare nuovi aumenti ed interrogare il ministro su cosa accadrà con certezza alle tariffe di A24 e A25 a partire dal primo gennaio 2019.

Presenti per la Marsica Maria Olimpia Morgante, sindaco di Scurcola Marsicana, Fernando Marzolini, primo cittadino di Rocca di Botte, Velia Nazzarro, sindaco di Carsoli, Mariangela Amiconi, primo cittadino di Magliano de’ Marsi, e il consigliere provinciale Alfonsino Scamolla. C’erano, inoltre, il consigliere comunale dell’Aquila Leonardo Scimia, e una delegazioni di sindaci laziali: Massimiliano Liani (sindaco di Cineto Romano), Settimio Liberati (sindaco di Camerata Nuova), Beniamino Pandolfi (sindaco di Colle di Tora), Francesco Pelliccia (sindaco di Subiaco) e Luciano Romanzi (Presidente della X Comunità Montana dell’Aniene). Un nuovo incontro, hanno fatto sapere, è stato fissato dal ministro per il prossimo 5 dicembre.

Continua a leggere

Attualità

Scuola materna via Cairoli, in arrivo 100mila euro per la riqualificazione energetica

Pubblicato

on

AvezzanoIsolamento termico delle murature esterne e del solaio di copertura e sostituzione degli infissi con elementi nuovi a minore dispersione termica. L’assessore all’edilizia scolastica Chiara Colucci rende noto che è in programma per la prossima estate l’intervento di miglioramento energetico alla scuola materna di via Cairoli “Nennolina”. Lo scorso 7 novembre è stata sottoscritta la convenzione relativa alla concessione da parte della Regione Abruzzo di un contributo a fondo perduto per la riqualificazione energetica della scuola. Il contributo, proveniente dai fondi POR – FESR 2014/2020 è di 100mila euro ed è stato ottenuto a seguito della partecipazione al bando pubblicato dalla Regione Abruzzo, la cui graduatoria è stata approvata a ottobre del 2017. L’intervento consiste in lavori finalizzati all’efficientamento energetico dell’edificio che consentiranno il miglioramento di due classi energetiche, in particolare: realizzazione di un isolamento termico delle murature esterne e del solaio di copertura oltre alla sostituzione degli infissi con elementi nuovi a minore dispersione termica. L’attuazione dell’intervento, data l’impossibilità di operare in concomitanza con le attività didattiche, sarà realizzato l’estate prossima.

Continua a leggere

Attualità

Tagliacozzo ricorda don Gaetano Tantalo con una messa presieduta da monsignor Marini

Pubblicato

on

Tagliacozzo – Anche la comunità religiosa di Tagliacozzo ricorda don Gaetano Tantalo nel 71° anniversario della morte. Oggi, martedì 13 novembre alle 17.00, sarà celebrata nella Chiesa di San Pietro una messa in onore del sacerdote presieduta da monsignor Guido Marini, maestro delle celebrazioni liturgiche del Papa. A Tagliacozzo don Gaetano Tantalo fu parroco per ben 13 anni. Anche Villavallelonga ha ricordato don Gaetano con una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo dei Marsi, Pietro Santoro, che si è tenuta domenica scorsa alle 15 nella parrocchia dei Santi Lucio e Nicola.

Continua a leggere

Attualità

Tagliati gli alberi davanti al Castello di Celano, Santilli: erano diventati pericolosi

Pubblicato

on

Celano – Sono stati tagliati per motivi di sicurezza i grandi alberi davanti al castello Piccolomini di Celano. Lo ha annunciato il sindaco Settimio Santilli. Le operazioni di taglio si stanno svolgendo in questi giorni. “Ci si dividerà tra chi li voleva in vita e chi no, e quindi sono pronto alle critiche, ma dopo gli eventi meteorologici dei giorni scorsi, che hanno visto diversi morti in Italia per la caduta di alberi identici a questi, non si poteva più tentennare – ha dichiarato il primo cittadino – Gli alberi erano pericolosi per le persone, per la auto davanti all’area parcheggio del Castello e per le case adiacenti- inoltre, aggiunge – con le loro radici  stavano facendo danni irreparabili alle stesse mura perimetrali. Ne viene fuori tra l’altro una bellezza maestosa del museo più visitato d’Abruzzo, il nostro Castello Piccolomini, mai vista, perché da sempre oscurata. Sui ceppi degli alberi tagliati, a memoria storica, potremmo raffigurare le immagini o gli stemmi dei Conti Berardi e Piccolomini – propone Santilli che aggiunge – Non sarebbe male una riqualificazione globale della piazza davanti il Castello. Vediamo fin dove viene stuzzicata la fantasia dei tecnici o degli studenti” conclude.

Continua a leggere

Attualità

Due volte all’ospedale dell’Aquila per una risonanza urgente, odissea di una marsicana

Pubblicato

on

Avezzano – Una donna marsicana è stata costretta a recarsi presso l’ospedale San Salvatore dell’Aquila per una risonanza urgente al ginocchio. La denuncia arriva da Augusto Di Bastiano de Il Centro Giuridico del Cittadino. “Una donna, che lamenta forti dolori ad un ginocchio, il medico le prescrive una risonanza urgente. La donna si reca per due giorni consecutivi presso il CUP di Avezzano nella speranza di poter fare l’esame in zona, suo malgrado si trova costretta a scegliere l’ospedale di L’Aquila. 50 km. Sembra facile. Basta aggiungere al già esoso costo del ticket (47 euro) quello dell’autobus. Questo se ce ne fossero in orari adeguati. Ma la storia del sistema trasporti  è nota, per cui bisogna aggiungere anche costi di benzina, autostrada e – siccome siamo educati -almeno un caffè per l‘accompagnatore – dichiara Di Bastiano – Nel noscomio aquilano  tutto procede per il meglio, se non fosse che alla richiesta di ritiro del referto le viene risposto che potrà ritirarlo solo qualche giorno dopo presso lo sportello dello stesso ospedale”. Ci sarebbe anche la possibilità di riceverlo per posta al costo aggiuntivo di 7 euro, ma solo dopo un mese, mentre il servizio di consulto dell’esame in via telematica non è attivo seppur si tratti della stessa Asl. Alla donna non resta che tornare per la seconda volta per il ritiro del referto. “Solo per ritirare un foglio di carta con CD – aggiunge Di Bastiano – deve ripetere il suo viaggio di 50 km, pagare di nuovo autostrada benzina e caffè all’accompagnatore, oppure risparmiare sulla spesa del trasporto usando un autobus e, per una commissione di 5 minuti impiegare più o meno mezza giornata fra andata e ritorno. A conti fatti, non sarebbe stato meglio utilizzare una struttura privata? Si spende la stessa cifra ma si risparmia molto, ma molto tempo. E quando la richiesta di esame è urgente il tempo non è denaro, è vita. È forse questo l’intento? Spingere l’utente verso la sanità privata?”
A questo punto le domande diventano tante: “Perché non organizzare un servizio di corriere interno che colleghi presidi ospedalieri dell’ ASL 1 AQ dando modo all’utente di ritirare il referto presso lo sportello più vicino? Perché, optando per l’invio tramite posta,  bisogna attendere un mese(pagando 7.00 €). Perché i nostri presidi ospedalieri non possono trasmettere telematicamente il referto di un esame obiettivo direttamente al paziente? Perché non lo possono trasmettere, saggiamente, al medico che l’ha prescritto, visto che,  tutti i medici dovrebbero interagire  con i sistemi telematici? In ultimo, perché non si riesce a garantire un esame obiettivo urgente?”.

Continua a leggere

Attualità

Marsica, isola felice o terra di smaltimenti illeciti? Oggi la conferenza a Massa d’Albe

Pubblicato

on

Marsica – É in programma per oggi pomeriggio la conferenza a tema: ”Marsica, isola felice o terra di smaltimenti illeciti?”, con la partecipazione di Angelo Venti, direttore della testata Site.it e Claudio Abruzzo, organizzata dal Comitato in difesa del territorio Equo. L’appuntamento è alle 17.00, nella sala consiliare del Comune di Massa d’Albe.

 

 

Continua a leggere

Attualità

Lfoundry. Sindacati, volano gli stracci

Pubblicato

on

Marsica – “Con riferimento alla dichiarazione rilasciata al giornale IL CENTRO dal sig. Antonello Tangredi della FIM-CISL e confortata dal commento del sig. Michele Paliani della UILM-UIL, i sottoscritti De Sanctis Elvira e Fegatelli Alfredoe Fegatelli Alfredo in nome e per conto della FIOM-CGIL smentiscono categoricamente che da parte della suddetta O.S. vi sia stata qualsivoglia richiesta di differimento o di annullamento dell’incontro fissato al MISE. Le affermazioni dei rappresentanti delle altre OO.SS, per scopi poco chiari, mirano unicamente a creare ulteriori incertezze e disagi fra i lavoratori e gettano consapevolmente discredito sulla nostra Organizzazione che, sia nelle assemblee svolte con i lavoratori che attraverso i propri comunicati, ha sempre sostenuto la necessità di un incontro al MISE per capire la reale situazione di Lfoundry”. Non “le manda a dire” la FIOM CGIL finita nel mirino delle omologhe Rappresentanze relativamente alla delicata fase in cui si trova Lfoundry, e minaccia azioni legali.

“Non aver firmato il Contratto di Solidarietà di ben 18 mesi che prevede una dichiarazione di esuberi senza che sia stata illustrata da parte dell’azienda una chiara strategia industriale, è un’ulteriore prova che la scrivente senza un confronto presso il MISE e senza un miglioramento dell’accordo non ha inteso firmare tale strumento.

Peraltro, tale accordo, pur non essendo da noi condiviso, come prevede la legge ha la sua validità anche senza la firma della nostra Organizzazione. Rimane il fatto dell’assunzione di responsabilità nel bene e nel male dei firmatari di detto accordo che non prevede percorsi di uscita dal CDS attraverso l’indicazione di strategie industriali da parte dell’azienda, strategie che devono essere discusse presso il MISE.

Ricordiamo che nella vertenza del 2013, prima si sono svolti gli incontri al MISE e una volta chiara la strategia aziendale, la stessa è stata accompagnata dai Contratti di Solidarietà fortemente voluti dalla nostra O.S. davanti allo scetticismo di molti.

Infine, come largamente pubblicato dai mezzi d’informazione la FIOM-CGIL della Provincia di L’Aquila si è immediatamente attivata per conoscere le ragioni dell’annullamento dell’incontro attraverso una richiesta formale e ufficiale al Ministero dello Sviluppo Economico.

L’intento meramente diffamatorio dei sigg.ri Tangredi e Paliani sarà valutato dai nostri legali per procedere con le opportune azioni a difesa nella nostra Organizzazione Sindacale”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com