Connect with us

Cronaca e Giudiziaria

Finanzieri a 4 zampe in città: il più bravo è Eolo

Pubblicato

on

Quattro zampe militari in città: gita di lavoro a L’Aquila. Undici Finanzieri a ‘quattro zampe’, ed altrettanti militari conduttori, del Comando Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza, si sono confrontati nella giornata di ieri in una avvincente esercitazione, che ha visto gli interpreti principali impegnati a scovare hashish, marijuana, cocaina, eroina e droghe sintetiche in due differenti contesti operativi: ispezione di plichi e/o corrispondenza in genere presso i magazzini della ‘SDA EXPRESS COURIER’ del capoluogo, messa a disposizione per la simulazione, e controllo su persone, ipotizzando lo scenario di un generico terminal di attesa, allestito per la circostanza presso la Caserma ‘Tito Giorgi’ delle stesse Fiamme Gialle.

Le unità cinofile antidroga abruzzesi hanno ‘fiutato’ ogni spazio per trovare le sostanze stupefacenti abilmente occultate in uffici, magazzini, sulla persona, ed hanno letteralmente calamitato l’attenzione della platea composta da autorevoli rappresentanti del comparto cinofilo di altre Forze di Polizia e del mondo civile, nonché da studenti universitari delle facoltà di veterinaria, trovatisi, quest’ultimi, proiettati in piena operazione antidroga dal momento che sono stati impiegati per inscenare il ruolo di passeggeri dell’estemporaneo terminal.

L’esercitazione congiunta è stata voluta dal Comandante Regionale Abruzzo, Gen. B. Flavio Aniello, per il fine precipuo di perfezionare ulteriormente l’efficienza dei cani mediante l’impiego in ambienti diversificati ed e’ stata resa pubblica per far conoscere meglio il prezioso lavoro svolto quotidianamente anche dagli amici animali, a salvaguardia della vita umana e, soprattutto, dei piu’ giovani particolarmente esposti alle insidie e tentazioni delle sostanze stupefacenti. Rilevanti i sequestri di droga operati da inizio anno dalle unità cinofile abruzzesi sul territorio di competenza: 18.347 grammi circa di hashish, 369 grammi di marijuana, 728 grammi di cocaina, 45 grammi di eroina, 7.700 grammi di lsd, 315 pasticche di ecstasy, 22 piante di cannabis e non solo, a testimonianza della costante attenzione del Corpo nel settore, e frutto dell’addestramento e del rapporto di estremo affiatamento tra i cani e i loro conduttori.

Affiatamento che ha la sua genesi presso il “Corso Allevamento e Addestramento Cinofilo” di Castiglione del Lago (Perugia) della Guardia di Finanza, unico polo cinofilo del Corpo con compiti di formazione del personale specializzato e di allevamento dei cani, dove i quadrupedi, dopo la fase dell’addestramento primario, vengono avviati ai vari corsi di specializzazione unitamente al conduttore a cui sono inizialmente affidati. E’ cosi che l’uomo e l’animale diventano un binomio inscindibile, una simbiosi assoluta che viene quotidianamente chiamata ad operare nelle più svariate condizioni di luogo e di tempo, per ricercare droga, denaro, persone scomparse, etc.; saranno poi l’intesa e l’affiatamento a garantire ottimi risultati in campo lavorativo.

Importante sottolineare che l’intero addestramento e’ basato sul gioco ed e’ fondato essenzialmente su principi di condizionamento e di apprendimento; vengono sfruttati, inoltre, alcuni istinti naturali del cane, soprattutto il senso dell’olfatto, cosi’ sensibile nei quadrupedi, ma anche quelli del gioco, predatorio e della caccia. Il manicotto (un telo di spugna arrotolato e legato con del particolare nastro adesivo) rappresenta per il cinofilo lo strumento più utilizzato durante lo svolgimento delle varie tecniche di addestramento, mentre, per il quadrupede, l’ambito ‘premio’. L’addestramento per il cane non costituisce un lavoro od una costrizione, ma sempre e comunque un gioco, uno sfogo ai suoi istinti naturali.

Per la cronaca l’esercitazione odierna ha visto primeggiare il cane ‘Eolo’, condotto dall’Appuntato Scelto Angelo Di Tinco, in forza alla Compagnia Giulianova, splendido pastore belga di 5 anni, che, da inizio anno, ha finora contribuito ad 1 arresto, 2 denunce a piede libero e 29 segnalazioni amministrative alle Prefetture competenti, per fatti connessi allo spaccio e l’uso di stupefacenti. Il duo ‘vincitore’, al termine delle prove e’ stato insignito di una medaglia commemorativa e gratificato dal convinto ed entusiastico applauso dei presenti che hanno apprezzato l’altissima preparazione tecnica dimostrata da tutte le unita’ cinofile, nelle varie fasi.

Cronaca e Giudiziaria

Lastre di amianto abbandonate tra i campi dei Piani Palentini, la denuncia di un cittadino

Pubblicato

on

Capistrello – Lastre di amianto abbandonate sono state rinvenute tra i campi dei Piani Palentini a Capistrello. La denuncia giunge da un cittadino del posto durante quella che doveva essere una passeggiata tra la natura incontaminata. Il rinvenimento è avvenuto questa mattina nei pressi dei campetti.

L’amianto o eternit, è un materiale pericoloso per la salute dell’uomo. Sgretolandosi le sue particelle possono essere inalate. E’ stato accertato che le fibre di amianto sono responsabili, nella maggior parte dei casi, dell’insorgenza di cancro tra cui il mesotelioma pleurico. Per questo la rimozione e lo smaltimento devono avvenire per mezzo di personale autorizzato e specializzato.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Spaccio di droga nella Valle Roveto, arrestato un noto commerciante marsicano

Pubblicato

on

MorinoDetenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente arrestato un noto commerciante di Morino. La Stazione di Morino, nell’ambito di un servizio perlustrativo, ha tratto in arresto un 30enne del luogo. Il ragazzo, titolare di un esercizio commerciale di Morino, è stato sottoposto a controllo stradale dai militari della locale Stazione Carabinieri. Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 2 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. I militari a quel punto hanno esteso la perquisizione presso l’abitazione. Durante l’attività di polizia giudiziaria sono stati rinvenuti nella sua camera da letto ulteriori 15 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, nonché 16 grammi di marjuana, un bilancino di precisione e diverso materiale da taglio e confezionamento. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

L’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria. Adesso le investigazioni proseguono per individuare la rete di contatti che l’odierno indagato aveva creato nella Valle Roveto, per ricostruire, appunto, il giro di spaccio che era in atto in quel territorio, che come altri nella Marsica è afflitto dal consumo indebito di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Scontri e danneggiamenti, la sconfitta dello sport in una giornata da dimenticare

Pubblicato

on

Avezzano – Lanci di oggetti, auto e arredi danneggiati, una giornata da dimenticare per il calcio nostrano. É il bilancio della “prima” di serie D che ha visto protagoniste l’Avezzano calcio e la blasonata Cesena. Meno blasonati le decine e decine di ultrà romagnoli – e diversi locali non sono stati da meno, all’interno dello stadio – che prima, durante e dopo hanno dato filo da torcere alle forze dell’ordine, trasformando un gioioso pomeriggio di sport in un’esperienza da dimenticare.

L’incontro era “segnato in rosso” sul calendario sportivo, tanto che l’amministrazione aveva disposto il divieto di vendita di alcolici per 700 metri intorno allo stadio, così come il divieto di introdurre, vendere e consumare bevande in bottiglia e contenitori di vetro all’interno dello stesso. Già prima dell’inizio della gara,  nella zona di via Napoli, erano stati segnalati tafferugli, con lanci di oggetti e tensione tra le tifoserie, prontamente contenuti dalla polizia

La situazione è degenerata all’interno dello stadio, con le tifoserie che a più riprese hanno tentato di forzare i cancelli per invadere il campo. Sull’1 a 1 l’arbitro ha sospeso la gara, ripresa dopo 5 minuti; la sospensione non ha spento le intemperanze, arginate dalla polizia in assetto antisommossa. Fuori dallo stadio la tifoseria del Cesena è stata contenuta a fatica dalla polizia, tra lanci di oggetti, cariche di alleggerimento e lacrimogeni. Poteva essere gestito meglio il transito dei tifosi ospiti in città, dall’ingresso al deflusso? Indubbiamente sì, e il pensiero di molti è andato ad altri, recenti, sforzi organizzativi. Ma è mai possibile che occorra allestire gabbie e mobilitare decine di agenti di polizia per dare luogo a un incontro di calcio? É il caso di interrogarsi sulla “normalizzazione” di certe derive, sui motivi per cui una gara venga vissuta da molti come l’occasione per dare sfogo a violenze, aggressività, frustrazioni, con l’idea di essere più o meno garantiti, nel branco, dall’anonimato, seppure solo ipotetico. Per la cronaca: la gara finisce 2 a 1 per il Cesena, che mette a segno la rete della vittoria al 94′, risultato beffardo per un’ottima Avezzano che dà del filo da torcere agli ospiti fino all’ultimo minuto; la sconfitta più amara però, resta quella dello sport, siglata dalla frettolosa ritirata dei tanti genitori, con i piccoli al seguito, che avevano accompagnato i loro bambini allo stadio per un pomeriggio di sano tifo e allegria.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Avezzano, la ASL: “Sotto controllo il caso di tubercolosi”

Pubblicato

on

Il giovane nordafricano, proveniente dalla provincia di Isernia, dove era stato ricoverato 10 giorni fa, è trattato con i consueti protocolli.

Imedici: “Nessun pericolo. I ricoveri avvengono ogni anno, rientrano nella norma e riguardano sia italiani sia stranieri poiché sono forme di patologia stabili, presenti da anni”

Avezzano – Un giovane nordafricano è ricoverato da una decina di giorni al reparto malattie infettive dell’ospedale di Avezzano per una tubercolosi. La situazione è sotto controllo, sia sul piano igienico-sanitario sia sotto quello epidemiologico, e viene gestita secondo i consueti protocolli e con la somministrazione delle specifiche terapie.

“Va precisato”, dichiara il manager Rinaldo Tordera, “che i ricoveri per tubercolosi, di italiani e stranieri, sono un fatto che rientra nella norma, avvengono ogni anno e vengono trattati e curati dalla specifica Rete della Asl. Anche quest’anno all’ospedale di Avezzano sono stati curati con questa patologia diversi pazienti di nazionalità italiana e di altre etnie”. Il direttore di malattie infettive dell’ospedale di Avezzano, Maurizio Paoloni, ribadisce che non esiste alcun pericolo di diffusione e che si tratta di forme di tubercolosi stabili, cioè sempre presenti nel corso degli anni. Il reparto di malattie infettive dispone di stanze a pressione negativa che garantiscono l’isolamento del paziente dall’esterno.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Avezzano, migrante nordafricano ricoverato per tubercolosi

Pubblicato

on

Avezzano – É stato ricoverato nell’ospedale di Avezzano perché affetto da tubercolosi. Si tratta di un giovane nordafricano che era ospite del Centro di Accoglienza temporaneo di Isernia.

Lo ha reso noto il direttore sanitario dell’Agenzia sanitaria regionale del Molise (Asrem), Antonio Lucchetti.

“Alcuni giorni fa un giovane nordafricano è stato ricoverato all’ospedale di Isernia. Dopo una prima diagnosi è stato trasferito ad Avezzano e dall’Uoc Malattie Infettive è arrivata la conferma”, ha spiegato Lucchetti all’Ansa, “Per questo gli altri ospiti del Cat e tutte le persone con cui è entrato in contatto sono state sottoposte al test della tubercolina. I risultati arriveranno tra qualche giorno, ma posso anticipare che siamo tranquilli poiché nessuno ha manifestato sintomi sospetti”.

Antonio Lucchetti ha anche aggiunto che “negli stessi giorni una persona della provincia di Isernia era stata ricoverata, prima nell’ospedale cittadino, poi trasferita ad Avezzano, per sospetto di Tbc. Gli esami a cui è stato sottoposto il soggetto nel nosocomio abruzzese hanno dato, in questo caso, esito negativo”.

Continua a leggere

Attualità

Niente cemento nel parco Sirente-Velino, vittoria delle Associazioni

Pubblicato

on

Abruzzo – Vittoria al TAR delle associazioni ambientaliste sulla lottizzazione di Prato della Madonna in pieno Parco naturale regionale del Sirente-Velino.

La sentenza, di straordinaria importanza per la tutela di tutti i Siti di Interesse Comunitario in Italia, verrà illustrata in dettaglio domani,  venerdì 14 settembre,  a Pescara, in via Conte di Ruvo 111, nella sede dello studio legale che ha curato il ricorso, nel corso di una conferenza stampa. Il TAR dell”Aquila ha accolto il ricorso contro la lottizzazione di Prato della Madonna a Rocca di Mezzo nel parco Regionale Sirente-Velino.

Migliaia di mc di cemento avrebbero coperto un’area di fondamentale importanza per la biodiversità, con specie rarissime protette a livello comunitario. Il ricorso, curato dall’avvocato Gianni Piscione, per conto delle associazioni LIPU, Mountain Wilderness e Italia Nostra e con il supporto della Stazione Ornitologica Abruzzese e di Salviamo l’Orso, ha permesso di risolvere a favore dell’ambiente una vertenza che durava da anni.

La sentenza, inoltre, oltre a sancire la sconfitta delle ipotesi edificatorie in piena area protetta, rappresenta una pietra miliare per la tutela dei Siti di Interesse Comunitario in Italia e sarà di fondamentale importanza per tanti altri casi di attacco alla natura nel Belpaese.

Continua a leggere

Abruzzo

Incidente mortale Capistrello, si indaga per omicidio stradale

Pubblicato

on

Capistrello – C’è un indagato in relazione al decesso delle due donne di Capistrello, N.P. di 51 anni e M.B. Di 30 anni, rispettivamente madre e figlia, avvenuto ieri in seguito ad un incidente stradale sulla ex super strada del Liri. Si tratta di A.B., di 48 anni di origine rumena e residente a Frosinone, indagato dalla procura della Repubblica di Avezzano con l’ipotesi di reato di omicidio stradale. L’uomo era alla guida della sua auto, quando per circostanze ancora da chiarire, ha impattato la vettura delle due donne all’altezza della galleria del Salviano che collega Avezzano a Capistrello. Per chiarire le cause dell’incidente, lunedì prossimo, alle ore 15, il pm Elisabetta Labanti disporrà il conferimento dell’incarico per l’accertamento tecnico sulle salme delle vittime. L’uomo è difeso d’ufficio dal legale Felice Iacoboni.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com