Connect with us

Cronaca e Giudiziaria

WEZKA, l’app che lancia la sfida alla Silicon Valley: tra i fondatori un marsicano

Pubblicato

on

Si chiama Wezka ed è una start-up tutta made in Abruzzo e ha l’ambizione di sfidare colossi come Facebook e Twitter. Tutti i fondatori sono Abruzzesi e tra di loro c’è addirittura un marsicano.

Antonio Ruscitti, trentaduenne di Avezzano, co-fondatore di Wezka e imprenditore del settore digitale ci spiega come nasce l’idea e gli obbiettivi per il futuro.

Antonio, cosa è Wezka e come è nata l’idea?

“Wezka è un’app che rivoluziona l’esperienza sociale della condivisione e che connette il mondo reale al digitale. Con Wezka è possibile lasciare un messaggio a qualcuno che può vederlo solo recandosi nel posto in cui è stato creato. Avete mai pensato di lasciare un messaggio segreto ad un vostro amico in un punto preciso della città o di rivivere le emozioni di un primo appuntamento nel posto dove vi siete conosciuti? Oppure immaginate di partecipare ad una caccia al tesoro globale o di avere una memoria storica dei posti in cui siete.

cristiano-mazzocchetti

L’idea è nata parlando con il mio socio, Cristiano Mazzocchetti, esperto di sociologia e di trend del web. Oggi siamo sommersi da flussi di messaggi e di informazioni provenienti da tutto il mondo, ma siamo sicuri che l’esigenza sociale sia soddisfatta con gli attuali strumenti? Raccontare e immaginare esperienze di vita in un posto vuol dire fare qualcosa di più rispetto al semplice check-in o al dare un consiglio su cosa c’è da fare nei paraggi. Creare una memoria storica di un posto, rivivere con le persone vicine le emozioni che hanno suscitato luoghi e momenti, creare un’interazione nel mondo reale tramite un strumento digitale è quello che fino ad oggi è mancato a strumenti come Twitter o Foursquare. Molte persone sono legate a singoli posti, altre ne scoprono di nuovi lasciando segni del proprio passaggio: per questo abbiamo sentito l’esigenza di avere uno strumento che connettesse il mondo virtuale con il mondo fisico completando l’esperienza sociale.

giovanni-di-gregorio

L’ idea ha entusiasmato sin da subito Giovanni Di Gregorio, CEO, co-fondatore di Wezka e responsabile dello sviluppo, soprattutto visti gli ultimi trend che stanno emergendo sul web. I nuovi servizi sono sempre più orientati al mobile e ci sarà sempre più richiesta di tecnologie per il geofancing, ovvero di software basati sull’uso di GPS e strumenti di geolocalizzazione.

Lo smarthphone sta diventando uno strumento che in modo “attivo” ci dà informazioni su quello che accade intorno a noi e non più uno strumento che esegue passivamente le nostre istruzioni.

Wezka nasce proprio con questo scopo, abbiamo voluto creare un servizio di condivisione semplice da usare, coinvolgente e utile al tempo stesso.
Vogliamo raggiungere milioni di Wezers (questo il nome che abbiamo dato ai nostri utenti) in tutto il mondo e cambiare il modo di esplorare i posti che ci circondano, connettendo il mondo digitale con quello reale”.

Quali sono i campi di applicazione per il vostro servizio e a chi si rivolge?

“Wezka ha un potenziale incredibile e moltissimi campi di applicazione”, spiega Antonio, “È un’idea assolutamente pazzesca! Mi immagino già una grande caccia al tesoro in tutto il mondo e persone che utilizzano il servizio per creare guide personalizzate di città o posti turistici. Wezka nasce come servizio di messagistica, quindi sarà interessante studiare il modo in cui sarà usato da un pubblico giovane. Sarà possibile lasciare messaggi e foto in giro per la città, coinvolgere i propri di amici di Facebook in conversazioni geolocalizzate e addirittura lasciare messaggi anonimi. Io vedo Wezka come una evoluzione di Twitter, il flusso di messaggi si contestualizza nel mondo reale.

wezka_androidPensiamo anche agli scenari che si apriranno nel mondo pubblicitario e quanti servizi possano collegarsi a Wezka: piattaforme di buoni sconto e di ticketing sono gli esempi più immediati. Wezka è un sistema rivoluzionario che è stato progettato per coinvolgere milioni di persone in tutto il mondo, un nuovo modo per esplorare la città e di comunicare con gli amici.”.

 

Cosa avete in programma e quali i vostri obbiettivi?

“Attualmente siamo impegnati a tempo pieno su più fronti, il primo passo che faremo riguarda lo sviluppo di una piattaforma per iOS e il rilascio di aggiornamenti con nuove funzionalità. Parallelamente vorremmo portare il progetto ad un livello globale e per questo sarà necessario proporre il progetto ad investitori che possano aiutarci a crescere rapidamente. Abbiamo già intrapreso rapporti con investitori internazionali che sono molto interessati”.

Dove vedi il tuo futuro?

“Il mio futuro è legato molto al destino del nostro progetto e delle opportunità che riusciamo a creare. L’Italia inizia oggi, con troppo ritardo, a muoversi nel mondo digitale. Questo settore è rapido e molto competitivo, purtroppo in Italia non abbiamo sviluppato un ecosistema imprenditoriale che apra nuovi orizzonti alle giovani imprese del settore digitale. Il problema sta nella poca disponibilità di fondi di investimento, in un elevato costo del lavoro e in una burocrazia troppo articolata. Sicuramente ci piacerebbe fare impresa in Italia e per questo valuteremo tutte le opportunità ma sappiamo che per avere maggiori possibilità di crescita dovremo portare il progetto all’estero. Staremo a vedere…

Wezka è disponibile adesso con una versione Android su Google Play al seguente indirizzo: https://play.google.com/store/apps/details?id=wezka.com.app

Cronaca e Giudiziaria

Morte Cesidio Innocenzi: Dna incompleto, il proprietario del bovino potrebbe restare impunito

Pubblicato

on

Castellafiume – Potrebbe restare impunito il proprietario del bovino responsabile della morte di Cesidio Innocenzi, il 54enne che lo scorso 25 maggio impattò contro un bovino mentre percorreva in bici la Provinciale 23 dell’Alto Liri tra Castellafiume e Capistrello. L’uomo morì il 30 maggio a causa delle gravi ferite riportate.

Un indagato per omicidio colposo
Sulla morte dell’idraulico, con la passione per il ciclismo, è stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo dalla Procura della Repubblica di Avezzano. Nel registro degli indagati, a seguito delle indagini scientifiche e sui reperti raccolti dai carabinieri, era finita un’imprenditrice 54enne di Castellafiume, difesa dagli avvocati Luca e Pasquale Motta.

Le indagini
Sulla bicicletta della vittima il Ris di Roma aveva isolato una traccia di Dna bovino. Successivamente si era proceduto al prelievo di Dna negli allevamenti bovini della zona nei comuni di Capistrello, Castellafiume e Cappadocia, accertamento che aveva coinvolto almeno trenta esemplari. Il reperti scientifici (dna bovino e reperto trovato sulla bicicletta) sono stati inviati all’Istituto zooprofilattico di Perugia per la comparazione finale. Qui gli esperti hanno potuto riscontrare che le tracce isolate dai Ris sulla bicicletta non hanno reso un Dna “completo” pertanto la comparazione con i bovini oggetto d’indagine non è stata possibile. Senza una prova scientifica schiacciante l’indagine rischia di essere archiviata. fdm

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Pugile avezzanese arrestato a Roma per il tentato omicidio di un uomo in una paninoteca

Pubblicato

on

Avezzano –  Un pugile avezzanese è stato accusato del tentato omicidio di un 42enne romano. Maurizio De Simone, 34 anni di Avezzano ma residente a Roma, ha accoltellato un uomo all’interno di una paninoteca per futili motivi. L’aggressione si è consumata nella notte tra lunedì e martedì scorsi nel quartiere San Lorenzo. Il 34enne, pregiudicato e specializzato nella boxe, ha sferrato una coltellata che è arrivata dritta al cuore del 42enne ora ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Umberto I.

All’arrivo degli agenti del commissariato Porta Pia il ferito era riverso a terra con il sangue gli usciva dalla bocca, mentre l’aggressore tentava di allontanarsi perdendo sangue da una mano e con in tasca il coltello usato per l’aggressione ancora sporco di sangue. Il pugile è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Le immagini della telecamera interna alla paninoteca hanno confermato la responsabilità del pugile che ha picchiato anche un altro cliente.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Pino pericolante nel giardino della scuola materna di Massa D’Albe, intervengono i vigili del fuoco

Pubblicato

on

Massa D’Albe – I vigili del fuoco di Avezzano sono intervenuti presso la scuola materna di Massa D’Albe per la rimozione di un pino pericolante all’interno del giardino scolastico. L’albero era pericolante e dunque potenzialmente a rischio caduta per l’incolumità dei piccoli scolari e dei passanti. L’Amministrazione comunale di Massa D’Albe, guidata da Nazzareno Lucci, “ha rivolto un sentito ringraziamento a tutta la squadra dei vigili del fuoco di Avezzano per l’interessamento e il tempestivo intervento di rimozione”.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Ancora rifiuti di Roma capitale ad Aielli, 39mila tonnellate fino al 31 dicembre

Pubblicato

on

Aielli“La Giunta regionale ha approvato questa mattina la delibera con cui viene prorogata fino al 31 dicembre la possibilità di conferire i rifiuti prodotti da Roma Capitale nell’impianto Aciam spa di Aielli in provincia dell’Aquila. La proroga rientra nell’Accordo di Programma sottoscritto da Regione Lazio e Regione Abruzzo per la gestione di 39 mila tonnellate di rifiuti ‘talquale’ raccolte da Ama spa”. Lo ha reso noto ieri la Regione Abruzzo. “L’Amministrazione regionale – prosegue la nota – garantisce una fattiva collaborazione al Comune di Roma per affrontare le criticità della gestione del sistema dei rifiuti urbani, ma ora serve l’impegno di tutte le istituzioni, come evidenziato anche dal Ministero dell’Ambiente, per completare in tempi brevi l’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti”. 

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Scontro tra due auto a Luco dei Marsi in prossimità di un incrocio, tre feriti lievi

Pubblicato

on

Luco dei Marsi – Incidente stradale nella tarda mattinata di oggi a Luco dei Marsi in prossimità di un incrocio. Per cause ancora in corso d’accertamento si sono scontrate un’Alfa 149, con a brodo padre e figlia, e una fiat punto guidata da un uomo. I tre sono stati condotti al pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano per le cure del caso, ma, dalle prime informazioni, le loro condizioni di salute non desterebbero preoccupazione. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione per i rilievi e il 118 di Trasacco.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Scippata e scaraventata a terra in pieno giorno, è caccia al malvivente

Pubblicato

on

Capistrello – E’ stata sorpresa alle spalle da un malintenzionato che le ha strappato il denaro della mani e poi l’ha scaraventata a terra. Lo scippo è accaduto, ieri, in pieno giorno a Capistrello fuori uno dei due istituti di credito presenti in paese. La donna si era recata in banca per effettuare delle commissioni ed aveva ritirato una somma di denaro pari a 700 euro. All’uscita dall’istituto di credito è stata sorpresa alle spalle da un malvivente che, come una furia, l’ha scaraventata con forza contro un muro per rubarle il denaro appena ritirato. Forse l’uomo si aggirava nei pressi della banca nell’attesa di una “preda”. La donna colta da un malore è caduta a terra sbattendo la testa al suolo. Solo dopo aver ripreso conoscenza ha trovato la forza di chiedere aiuto presso un’abitazione vicina al luogo dello scippo. La donna disperata ha, successivamente, allertato i carabinieri della locale stazione denunciando l’accaduto. Ora è caccia al malvivente che, secondo la testimonianza della malcapitata, ha agito in pieno giorno e a volto scoperto. fdm

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Escursionisti dispersi nella Vallelonga tratti in salvo dai vigili del fuoco

Pubblicato

on

Villavallelonga – I Vigili del Fuoco di Avezzano soccorrono e salvano due escursionisti in località Fonte Astuni.
Due giovani escursionisti romani sono stati portati in salvo dai Vigili del Fuoco di Avezzano nella tarda serata di oggi. I due ragazzi, di circa 20 anni, si erano avventurati nei sentieri della Vallelonga per un’escursione. La scarsa conoscenza dei luoghi e la sopravvenuta oscurità hanno fatto perdere l’orientamento ai giovani. Trovato riparo nel rifugio Astuni, i due sono riusciti a dare l’allarme. La sala operativa dei vigili del fuoco 115 ha immediatamente ha attivato la procedura di ricerca. I Vigili del Fuoco hanno raggiunto il rifugio con un mezzo fuoristrada e ricondotto i due escursionisti nell’abitato di Villavallelonga in buone condizioni.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com