Cultura

Voci dalla Montagna. Grande Musica nella Natura

Il Festival Voci dalla Montagna, fiore all’occhiello dell’estate pescasserolese e unico negli Appennini, consiste in una serie di eventi che si svolgono all’aperto, in alcuni dei luoghi più belli del Parco Nazionale d’Abruzzo (Baita di Padre Terzi, Monte Costa delle Vitelle e prato dei Colli Bassi). L’originalità del festival sta nel coniuga natura e cultura, binomio inseparabile e originale. Quest’anno il Festival avrà per tema il silenzio. Silenzio come momento di intima riflessione personale, ma anche il silenzio diventato ormai un lusso per chi vive in città, e che solo luoghi come Pescasseroli possano restituire.

Un prestigioso cartellone di artisti internazionali viene proposto nella terza edizione del Festival ideato e diretto dalla violinista e filosofa Elvira di Bona. I luoghi più belli del Parco Nazionale d’Abruzzo, scelti con l’occhio attento della guida Umberto Esposito della Wildlife Adventure, fanno da cornice agli eventi: mostre, interviste e concerti di musica classica, ma anche flamenco, tango e opere in prima esecuzione assoluta. Tra gli ospiti più illustri della manifestazione Dacia Maraini, una delle più note e amate scrittrici italiane, e Gemma Bertagnolli, soprano tra i più apprezzati del panorama lirico contemporaneo, ambasciatrice UNICEF e voce della Deutsche Grammophon. Di grande fascino sarà, poi, l’esecuzione dell’opera in prima assoluta, scritta proprio in occasione del Festival, “Il Silenzio che non voglio sentire” di Pasquale Filastò, noto compositore di musica da film, che vanta illustri collaborazioni con artisti del calibro di Nanni Moretti, Roberto Benigni e Sabina Guzzanti.

Il Festival è stato voluto dal Comune di Pescasseroli e gode del Patrocinio del Parco Nazionale d’Abruzzo. La realizzazione è stata messa a punto grazie al contributo di Banca Credito Cooperativo Roma, Residence Club Primula, Alta Quota, Fondazione Carispaq, Hotel Paradiso, Hotel Daniel, Hotel Iris, Albergo Villino Quintiliani, e Pescasseroli è W.

Per info: info@vocidallamontagna.it

Il Programma

Il festival si aprirà con la mostra del pittore raffinato Antonino Ercolino. Sarà possibile ammirare le sue tele, che rappresentano scorci di Pescasseroli e dintorni, nella sala espositiva L’angolo di Casta, in Vico Fagocchio 1. L’inaugurazione si terrà il 3 agosto alle 18:30 e la mostra rimarrà aperta fino al 3 settembre.

Il 5 agosto, alle 17:30, i Flamentango Project (chitarre, fisarmonica, bandoneon, cello, voce e flauto), gruppo di punta italiano di flamenco e tango, terrà un concerto presso la Baita di Padre Terzi. Prima della musica l’esclusivo intervento di Dacia Maraini, che parlerà dell’importanza del silenzio nella scrittura. Il pubblico potrà partecipare attivamente al colloquio con la scrittrice.

L’8 agosto, alle 21:30, nell’Abbazia SS. Pietro e Paolo, Gemma Bertagnolli canterà arie di A. Vivaldi e sarà accompagnata dalla straordinariamente vivace formazione da camera Gli Archi del Cherubino, con cui sta registrando un disco di prossima pubblicazione. Gemma sarà intervistata dal clavicembalista M° Piergiorgio Del Nunzio.

L’11 agosto, I Flauti di Toscanini, da poco rientrati da una lunga tournée in Francia, terranno un concerto in quota (Monte Costa delle Vitelle), alle 17:30: uno spettacolo unico nel suo genere, con musiche di compositori del melodramma italiano (V. Bellini, G. Rossini, G. Verdi, G. Donizetti) dirette dal M° Paolo Totti.

Il 15 agosto alle 21:30 sarà la volta del Gran Concerto di Ferragosto. Come da tradizione, Gli Archi del Cherubino, si esibiranno con un solista di fama internazionale, M° Fabio Bagnoli, eclettico e rinomato oboista italiano. Inoltre, alcuni degli stessi componenti degli Archi del Cherubini suoneranno musiche di J.S. Bach da solisti.

Il 17 agosto, ai Colli Bassi, il M° Saida Zulfugarova, pianista russo-francese, e il M° Elvira Di Bona eseguiranno musiche di R. Schumann e A. Vivaldi. Gianluca Tarquinio, musicologo, storico e musicista, introdurrà il concerto. Inoltre, le due musiciste eseguiranno l’opera in prima esecuzione assoluta “Il Silenzio che non voglio sentire” di Pasquale Filastò.

L’evento di chiusura, ai Colli Bassi, il 19 agosto alle 17:30, vedrà il pianista romano M° Sebastiano Brusco, dalla tecnica strepitosa e dal raro lirismo, eseguire musiche di F. Chopin, F. Schubert e S. Brusco.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top