Altri articoli

Una piazza per Romolo Liberale

Una piazza intitolata a Romolo Liberale: nella giornata dedicata al poeta e scrittore marsicano, scomparso nei mesi scorsi, il sindaco Gianni Di Pangrazio ha accolto la richiesta presentata da sindacati, associazioni e cittadini di intitolare un angolo della città a un grande protagonista delle lotte operaie e contadine.

Ok salutato con un lungo applauso dalla folta assemblea di amministratori, sindacalisti, familiari, amici ed estimatori del poeta marsicano, una vita di impegno sociale, civile e politico con al centro la difesa dei diritti della classe operaia. «Entro un paio di mesi», ha assicurato il primo cittadino, nel corso della giornata in ricordo del poeta organizzata dal Comune in collaborazione con l’Anpi e l’associazione culturale Il Liri, «intitoleremo una piazza o una strada a Romolo Liberale. Un uomo che, grazie all’impegno, la dedizione, il sacrificio ha dato un grande contributo alla riscossa del popolo marso».

Pensiero che, seppur con diverse sfumature, è stato il filo conduttore della carrellata di interventi sulla figura di un grande protagonista delle lotte contadine nel Fucino. Un intellettuale “organico” come lo ha ricordato Sergio Natalia, mentre Alberto Marino ha parlato della poesia di Liberale. Vita e opere dello scrittore sono state il filo conduttore del filmato realizzato da Angelo Melchiorre. Alla giornata del ricordo, moderata da Eliseo Palmieri, nella quale gli attori del Teatro “Il Lanciavicchio” hanno recitato alcune poesie di Liberale, hanno portato il loro contributo, tra gli altri, Antonio Rosini, presidente dell’Anpi Marsica, Mauro Rai, presidente dell’associazione “Il Liri”.

Tante manifestazioni di stima, solidarietà e affetto hanno commosso la compagna di una vita, Mirka, e i familiari: il figlio Lionello ha voluto esprimere testimoniare il sentito grazie a tutti. Hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore alla cultura Gabriele De Angelis, i consiglieri regionali Giuseppe Di Pangrazio e Giovanni D’Amico, i sindaci di Capistrello, Canistro e Balsorano, Antonino Lusi, Antonio Di Paolo, Mauro Tordone, l’ex sindaco di San Benedetto, Paolo Di Cesare, i sindacalisti della Cgil, Umberto Trasatti e Sigismondo Sansoni.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top