Abruzzo

Un abruzzese su quattro non paga il canone Rai

Secondo gli ultimi dati riferiti al 2013, solo il 74% delle famiglie paga il canone. L’evasione dunque si assesta sul 26% con punte alte nel meridione e isole di virtuosità al Nord. Un dato di infedeltà fiscale che impallidisce di fronte a quelli europei: il 5% di evasione del Regno Unito, e l’1% di Francia e Germania, a fronte di canoni più alti (131 euro in Francia, 174,5 nel Regno Unito e 215,7 in Germania). In Abruzzo le cose non vanno diversamente. L’evasione media è di circa il 27 per cento, con una punta del 34% in provincia dell’Aquila. La più virtuosa è la provincia di Chieti dove paga il canone il 77,70% delle famiglie, segue Pescara con il 77,49%, quindi Teramo con il 73,38% e L’Aquila con il 66,06. Tra le cause dell’evasione indicate dai cittadini, secondo uno studio commissionato dall’Associazione contribuenti italiani, ci sono l’eccessiva presenza dei partiti in Rai e la qualità sempre più bassa del servizio pubblico. Ma c’è dell’altro: il canone è percepito come un abbonamento, e non come una tassa.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top