Politica

“Tua non paga i servizi depositi bus”: sciopero dei lavoratori ad Avezzano

“Tua, la società di trasporti della regione Abruzzo, non paga i servizi nei depositi dei bus: per questo motivo il 23 novembre partirà lo sciopero dei lavoratori della Dema srl nelle strutture di Avezzano, L’Aquila e Sulmona”. Lo rende noto Filcams-Cgil provincia di L’Aquila, che aggiunge: “Con l’accordo preso a maggio per il cambio di appalto delle attività di servizio sugli autobus presso i depositi della Tua (ex Arpa), fu stabilito che questi servizi andavano dati in appalto alla società Dema srl. Un accordo che non ha riscontrato nessun problema, dato che la Dema ha garantito il passaggio dei lavoratori alle stesse condizioni.

Purtroppo però – continua Filcams-Cgil – abbiamo registrato che le stesse condizioni economiche e normative non sono state mantenute, e che nelle buste paga dei lavoratori vi è stata una forte riduzione del valore degli scatti di anzianità. Con la Dema abbiamo approfondito queste problematiche, di cui abbiamo informato anche la Prefettura: dall’approfondimento si evince che vi è un forte ritardo dei pagamenti dovuti alla Dema dall’azienda Tua, che complica la gestione finanziaria dell’attività aziendale della Dema, secondo cui la completa applicazione dell’accordo potrà essere effettuata quando le problematiche con Tua saranno risolte.

Riteniamo però che chi ha lavorato debba essere correttamente retribuito, dunque la Regione intervenga e spieghi la situazione, facendo in modo che in tempi rapidi venga chiarito ogni aspetto tra le due società, riportando così una corretta applicazione degli accordi e la serenità operativa tra i lavoratori. Anche perché la situazione finanziaria sta comportando un ritardo nel pagamento degli stipendi. E’ per questi motivi – conclude Filcams-Cgil – che il 23 novembre i lavoratori della Dema effettueranno le prime 4 ore di sciopero per ogni turno di lavoro nei depositi Tua operanti a L’Aquila, Avezzano e Sulmona”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top