Cronaca e Giudiziaria

Tribunale Avezzano, ok della Cassazione al referendum bis

Cassazione favorevole alla richiesta di referendum-bis presentata da Regioni e comitati determinati a far pronunciare il popolo italiano sulla contestata riforma della geografia giudiziaria che ha “sbarrato” porte e finestre di centinaia di presidi della legalità (Tribunali ordinari, Sezioni distaccate, Procure della Repubblica) sparsi per l’Italia con la sola eccezione, ma solo fino al 2018, di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto. L’Ufficio centrale per il referendum presieduto dal giudice Severo Chieffi ha dichiarato “conformi alla legge” tre diversi quesiti referendari formulati dalle regioni Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia e dai comitati con l’obiettivo di superare anche lo scoglio della Corte Costituzionale che ha bocciato il primo tentativo. “Il via libera della Cassazione riaccende la speranza di cancellare una legge a dir poco discutibile”, commenta Fabiana Contestabile, presidente del comitato pro-referendum sulla geografia giudiziaria, “e di non vedere deluse le aspettative dei territori privati dei loro presidi di legalità. Ora guardiamo con fiducia alla Corte Costituzionale chiamata a dire l’ultima parola sulla nostra sacrosanta richiesta di far pronunciare, come prevede la Costituzione Italiana, il popolo sovrano”. Superato il primo scoglio, quindi, i cinque consigli regionali (rappresentati in Abruzzo da Maurizio Di Nicola, Sara Marcozzi supplente; in Basilicata da Francesco Mollica; in Puglia da Nicola Marmo, in Sicilia da Salvatore Cordaro; in Campania da Angelo Marino) e i comitati guardano con fiducia all’esame bis della Corte Costituzionale: i tre quesiti, infatti, sono stati formulati al termine di una lunga e meticolosa analisi della prima sentenza passata ai raggi x dagli avvocati Mario Petrella, Roberto Di Pietro e Fabiana Contestabile per rimuovere gli ostacoli che hanno fatto naufragare la prima richiesta di referendum. Ora si attende l’ordinanza di fissazione dell’udienza di discussione dei quesiti davanti ai “giudici delle leggi” che potrebbero portare al pronunciamento popolare.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top