Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cronaca e Giudiziaria

Treni, la Federconsumatori punta il dito contro gli orari


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Autorità di regolazione dei Trasporti Torino
Autorità Garante della concorrenza e del mercato Roma

Premesso
che la Regione Abruzzo investe circa 20 milioni di euro ogni anno per consentire la circolazione dei treni tra l’Abruzzo e Roma.
Considerato
che la velocità commerciale di questi treni tende a peggiorare ad ogni cambio d’orario. Che in alcuni casi, pur disponendo di una infrastruttura che consente una velocità media di quasi 120 Km/h, per percorrere i 40 Km della relazione Tivoli-Roma, i treni “abruzzesi” impiegano moltissimo più dei 22/23 minuti tecnicamente necessari.
Evidenziato
che le cause di questo peggioramento sono molteplici, ma quella che più incide è determinata dall’attivazione del servizio metropolitano tra Tivoli e Roma da parte della Regione Lazio. Questo servizio si svolge con circa 80 treni al giorno su una linea prevalentemente a semplice binario ( 25 su 40 complessivi che separano Tivoli da Roma sono, infatti, a semplice binario), su una linea cioè dove ogni nuovo treno in circolazione , costringe a tracce orario sempre più lente.
Considerato inoltre
che a causa di questo servizio metropolitano i treni provenienti dall’Abruzzo hanno difficoltà crescenti a circolare nel tratto Tivoli-Roma. Al punto che, per esempio, il treno 23676 diretto in Abruzzo, pur non effettuando alcuna fermata tra Roma e Tivoli, impiega 50′ per percorrere questa relazione; mentre il treno metropolitano della regione Lazio 24008, pur effettuando tutte e 10 le fermate che intercorrono tra Tivoli e Roma, impiega solo 54′: praticamente lo stesso tempo. Considerando che ogni fermata del treno necessita di quasi 3 minuti, è evidente che il treno 23676 subisce una traccia oraria rallentata di circa 25/28 minuti. Rallentamento che sta determinando la fuoriuscita dal mercato della mobilità dei treni abruzzesi.
E’ inutile effettuare investimenti per velocizzare la linea , oppure investire crescenti risorse per acquistare mezzi più veloci, se poi le tracce orario che RFI riesce a individuare per i treni che dall’Abruzzo raggiungono Roma sono nettamente peggiori di quelle del 1970 ( allora alcuni treni impiegavano 3 ore e 3 minuti per il collegamento Pescara-Roma, oggi ne occorrono mediamente 4 di ore – pur disponendo di treni più veloci ).

Per tutte queste ragioni
la Federconsumatori Abruzzo denuncia l’iniqua assegnazione delle tracce orarie sulla relazione Tivoli-Roma. Questa ingiusta assegnazione delle tracce orario sta danneggiando non solo l’investimento ferroviario della Regione Abruzzo sulla linea Pescara-Roma, ma sta rendendo difficilissima l’esistenza dei pendolari marsicani nei loro quotidiani spostamenti per lavorare a Roma.
E’ opportuno perciò una decisione dell’Autorità competente per creare una situazione meno iniqua nell’assegnazione delle tracce orario nella relazione Tivoli-Roma.

Con viva cordialità
Tino Di Cicco
Federconsumatori Abruzzo osservatorio mobilità

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top