Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Giudiziaria

Tre numeri di targa e i fuggitivi sono belli che presi


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Fuga dopo l’incidente, due tunisini denunciati dalla Polizia locale per fuga e omissione di soccorso: nei guai sono finiti M.K. 39 anni e M.M. 32 anni. A incastrarli la tenacia del capitano della Polizia locale, Domenico Orlandi che, partendo da soli tre numeri della targa forniti al volo da un passante, è riuscito, pezzo dopo pezzo, a ricomporre il “mosaico” completo del sinistro e a inchiodare i due tunisini di fronte alle proprie responsabilità.

Ora i due, uno in regola con il permesso di soggiorno, l’altro irregolare, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Avezzano per fuga e omissione di soccorso. Gli extracomunitari, infatti, sarebbero i protagonisti della brutta storia dell’incidente stradale con fuga – avvenuto il 15 novembre 2013 all’incrocio tra via Torlonia e via Crispi – mentre gli occupanti della Toyota Yaris rimasti feriti nell’impatto furono lasciati senza soccorsi.

Non avevano fatto i conti con la caparbietà e l’acume investigativo del capitano Orlandi che, partendo da alcuni piccoli indizi forniti da un cittadino  presente sulla scena, dopo una serie infinita di riscontri in ambito locale e di verifiche alla Motorizzazione civile nazionale è riuscito a ricostruire il numero di targa per intero dell’alfa 156 station wagon e a presentare il conto ai due “fuggitivi”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top