Cronaca e Giudiziaria

Trasporti azienda unica; proposta nomina Morgante nel cda

Il presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ha annunciato di aver proposto a Barbara Morgante, attuale numero due della holding Ferrovie dello Stato, la nomina a consigliere di amministrazione della società unica di trasporto regionale ferro-gomma, nata dalla fusione delle tre società pubbliche abruzzesi. Il nome della Morgante, 42enne nata a Livorno che ha vissuto a Chieti fino alla maturità scolastica, è stato fatto dal presidente d’Alfonso nel corso della seduta del consiglio regionale che nel pomeriggio a maggioranza ha approvato il piano di fusione della Tua, la costituenda azienda unica. Il governatore, nell’augurarsi la conferma alla presidenza di Luciano D’Amico, rettore dell’università di Teramo, ha anche proposto come altro potenziale componente del Cda il nome di Franco Di Teodoro, «a mio avviso, – ha spiegato D’Alfonso, il miglior giuslavorista d’Abruzzo». La sua presa di posizione è arrivata in risposta alle critiche delle opposizioni che in due emendamenti bocciati dalla maggioranza di centrosinistra avevano proposto che l’azienda unica fosse guidata da un amministratore unico o in subordine da tre consiglieri di amministrazione e non come previsto nel piano «non inferiore a tre a non superiore a cinque». Anche perchè per il capogruppo di Fi, Lorenzo Sospiri, cinque consiglieri, al di là del costo, sarebbero vietati dalla legge. «Speriamo che Barbara Morgante che conosco, con la quale c’è stima, a cui voglio bene e che è numero due di Ferrovie dello Stato con un curriculum importante, mi dica di sì – ha chiarito il governatore -, nelle scelte di sicuro non faremo una canea di prossimità amicale, abbiamo detto no al 10 per cento delle 90 mila persone che conosco e che chiedevano di fare una esperienza in regione, nell’azienda unica vogliamo fare cinque posizioni, magari in due tempi, di accompagnamento al lancio di questa nuova azienda. alle opposizioni chiedo di aiutarci a dare spazio a più persone brave».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top