Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Lavoro

«Trasporti, avanti con la fusione»


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

«La realizzazione dell’azienda unica regionale del trasporto pubblico locale rappresenta una grande opportunità da cogliere in tempi il più rapidi possibili». Lo sostiene il segretario generale della Cisl Fit Abruzzo e Molise Alessandro Di Naccio. «È su questo aspetto che sfidiamo l’attuale governo regionale al quale riconosciamo di aver intrapreso in controtendenza con il recente passato». «Da molti ambienti si continua a ritenere che questa operazione sia utile solo a risanare i conti di Arpa. Ci si dimentica troppo frettolosamente invece di quanto questa operazione sia l’unica soluzione possibile a garantire lavoro e reddito a tutti gli addetti operanti nel comparto, compresi i colleghi oggi dipendenti di Società private operanti nel Tpl, e che l’introduzione dei costi standard e della piena operatività del Fondo unico regionale darebbero un duro colpo anche alle casse della Gtm e della Sangritana. Con l’azienda unica ci si mette al riparo da questi rischi intervenendo direttamente sul riordino dei servizi e sul recupero delle risorse».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top