Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Ex Pittini, in Consiglio Comunale quasi un mesto commiato


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Foto1Ore 19.40. Nella sala consiliare ha finalmente inizio il Consiglio Comunale. Alla presenza degli assessori comunali, dei rappresentati dei sindacati e dei lavoratori, il sindaco Filippo Piccone fa notare l’impellente necessità di fare delle proposte attuabili concretamente. Il sindacalista Fegatelli (Fiom-Cgil) ha ricordato che il gruppo Pittini, sin da quando ha rilevato lo stabilimento da Maccaferri, non ha apportato alcuna miglioria all’impianto, il che fa denotare lo scarso interesse del gruppo verso questo investimento. Non meno importanza ha l’intervento di Paliani (Uil), il quale ha affermato che è ormai da agosto che lo stabilimento è stato sgombrato e soprattutto ha fatto nuovamente presente la disponibilità dei lavoratori a ridimensionare il loro salario, pur di mantenere il loro posto di lavoro.

Il fatto che il gruppo Pittini abbia recentemente bloccato il controllo qualità non dà sicuramente modo di ben sperare;anche se unanimemente si è giunti ad una conclusione: c’è la necessità che quando sarà indetto l’incontro al Ministero, a cui prenderanno parte le autorità locali, il gruppo Pittini e ovviamente le autorità nazionali, partecipi anche il gruppo Maccaferri, in modo da avere un quadro completo della situazione.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top