Giudiziaria

Traffico illecito di olio lubrificante, coinvolto un imprenditore avezzanese

Nell’ambito dell’operazione “Servizio Globale”, portata a termine dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma e volta a sgominare il traffico illecito di olio lubrificante, sono state eseguite misure cautelari nei confronti di 9 persone per reati di associazione per delinquere, corruzione, frode fiscale e reati in materia di accise. Tra questi compare il nome dell’imprenditore avezzanese Vincenzo Fracassi, che emetteva fatture relative ad operazioni inesistenti evadendo il fisco.

L’indagine ha fatto luce su un gruppo criminale dedito alla costituzione di società “cartiere” intestate a prestanome, che venivano interposte tra i fornitori comunitari di olio lubrificante proveniente da Francia, Germania, Lituania, Belgio e Polonia, ed il reale destinatario del prodotto, ossia la società RS 2000 S.r.l. dei fratelli Di Nardo Nicola e Fabio, attiva nel territorio di Pomezia nel settore della commercializzazione di prodotti ed accessori per auto.

“In tal modo – spiegano i finanzieri – l’onere fiscale dell’importazione veniva fatto gravare interamente sulle società “cartiere” interposte che, dopo aver operato per un breve periodo di tempo sotto il controllo occulto dei Di Nardo e del loro sodale Arbia Carlo, erano destinate a scomparire senza lasciare traccia e senza versare alcuna imposta all’Erario”. La Finanza ha sequestrato oltre 40 mila litri di olio lubrificante; ulteriori società fittizie erano utilizzate per la sistematica emissione di fatture, in particolare il gruppo societario di Avezzano facente capo all’imprenditore Fracassi.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top