Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Giudiziaria

Traffico di droga: 7 arresti. Latitante un imprenditore aquilano.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

La Squadra Mobile di Teramo ha arrestato 7 persone e ne ha denunciate 13, tra italiani ed albanesi, per traffico e spaccio di droga. Dalle indagini portate avanti dagli inquirenti e’ venuto fuori che il perno di questa organizzazione criminale era un imprenditore aquilano W.D.A, queste le iniziali, di 43 anni che risulta ancora latitante. All’imprenditore, che opera nella ricostruzione aquilana e che era rimasto coinvolto anche in una altra inchiesta, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno riscontrato gravi irregolarita’ fiscali. La procura della repubblica dell’Aquila, infatti, gli ha emesso un sequestro preventivo di 20 immobili, 10 vetture tra cui una Lamborghini Gallardo, ed una imbarcazione di lusso ancorata all’estero, tutto per un valore di oltre 1 milione di euro. L’imprenditore aquilano e’ ricercato dalla polizia di tutta Italia ed e’ stata diramata una foto segnaletica. La Polizia quindi, su richiesta del pm Mancini, e’ riuscita ad eseguire solo sette delle otto ordinanze di custodia cautelare firmate dal Gip Gargarella: a due albanesi di 23 e 28 anni, a un romeno di 30 anni residenti a Teramo, a una 32enne residente nella provincia di Teramo, a un 32enne residente a Bellante e a due albanesi di 38 anni residenti uno a Milano e l’altro a Varese. Le indagini, partite nel Marzo scorso, sono seguite dalla Mobile di Teramo diretta da Gennaro Capasso. Si e’ scoperto che il sodalizio criminale era composto da italiani ed albanesi che operavano tra la Lombardia e l’Abruzzo. Da Milano arrivava anche un chilo di cocaina a settimana. La sostanza stupefacente veniva ceduta ai pusher in Abruzzo che provvedevano allo spaccio, soprattutto sulla costa teramana e pescarese. In un caso –  hanno spiegato i presenti –  gli indagati sono riusciti ad estorcere ad un tossicodipendente di Teramo un appartamento poiche’ lo stesso non era riuscito a pagare un debito per l’acquisto di droga. In un altro caso un tossicodipendente e’ stato, per lo stesso motivo, sequestrato per una intera giornata e picchiato selvaggiamente. Secondo la Polizia la mente dell’organizzazione era rappresentata dall’imprenditore edile aquilano che supportava il traffico di stupefacenti mettendo a disposizione le autovetture per il trasporto della droga oppure faceva assunzioni fittizie nella sua azienda per regolarizzare la loro presenza in Italia. Parallelamente a questa indagine si e’ mossa la Guardia di Finanza dell’Aquila ( era presente in conferenza stampa il capitano della compagnia Luca Russo) che ha accertato profonde discrasie tra la posizione fiscale e tributaria dell’imprenditore aquilano e il suo tenore di vita. La Finanza ha anche scoperto che l’uomo, sentitosi evidentemente braccato dalle indagini, si era liberato dei propri beni intestandoli a persone a lui vicine.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top