Giudiziaria

Tracce di Gemma… a caccia di greggi

Quasi sicuramente, l’autrice dei due assalti agli ovini della Valle del Giovenco, è l’orsa Gemma. Insomma, mentre continuano le ricerche del plantigrado, ormai “privato” di radiocollare (ritrovato appeso ad un ciliegio nei pressi di  Villalago) nella zona del  Sagittario, per due notti di seguito si sono registrati altrettanti assalti alle “pecorelle” di due allevatori di Sulla Villa di Ortona dei Marsi. Indiscutibilmente, le modalità di assalto portano ad attribuirli  all’operato di Gemma. Ma andiamo per ordine.

“Fatto” ritrovare il radiocollare dell’orsa, nella zona di Villalago, subito erano scattate le ricerche del plantigrado. Ma, di Gemma, si erano perse le tracce, tanto da far pensare al peggio (visto le paventate minacce ai danni dell’orsa).  Evidentemente, la “furbastra” ha tagliato la corda riparando nella sua zona “nativa”: la Valle del Giovenco (per la prima volta catturata giovanissima il 20 agosto del 2003, nei pressi di San Sebastiano dei Marsi). E così, tre notti fa ha ammazzato due pecore e l’altra notte altre cinque, sempre nel piccolo borgo di Sulla Villa.

“La notte appena trascorsa è stata tranquilla – dice un giovane abitante del posto – tanto che non abbiamo avvertito neanche l’abbaiare dei cani. Spero che al prossimo assalto dell’orso  a farne le spese non sia proprio mio padre che alleva tre pecorelle”.

Sul posto è intervenuto il servizio di sorveglianza del Parco, che continua incessantemente a pattugliare la zona, soprattutto nelle ore notturne.

Insomma, se qualcuno aveva chiesto all’orsa Gemma di battere un colpo, bene, di colpi ne ha battuti due!

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top