Il Punto del Direttore

Torna “Il Punto d’Incontro” per la Marsica. Buon vento a tutti noi!


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

É con orgoglio che presento la nuova edizione de “Il Punto d’Incontro”, la pubblicazione che, in distribuzione dai giorni scorsi, torna dopo una lunga assenza nelle case dei marsicani e della quale, come per Marsicanews con cui è gemellata, sono direttrice. É proprio dall’unione di forze e di passioni che nasce questa nuova avventura. Un ringraziamento, sentito e doveroso, per il loro indispensabile supporto va ai miei colleghi, Annalisa De Meis e Francesco Vassallo, che con perizia, abnegazione e dedizione sono impegnati con me nel rinnovamento della testata Marsicanews e nella realizzazione della pubblicazione cartacea, come un “Grazie” di cuore va agli uomini di cultura, Sergio Natalia e Ilio Leonio in testa, che hanno offerto il loro prezioso contributo per la realizzazione di questo primo numero. Un ringraziamento agli editori e supporti operativi, il Gruppo D’Amore e l’associazione La Marsica, per l’impegno e per il coraggio nell’investire sull’informazione, in un tempo in cui essa soffre di molti mali, ma resta, come sempre, baluardo della democrazia e della partecipazione consapevole. L’obiettivo, con umiltà e impegno, è quello di ben informare, offrendo spunti di riflessione e spazi di dibattito, aggiungendo un tassello al panorama marsicano dell’informazione, fatto per la maggior parte di colleghi che – con la dignità e la forza del loro valore, cui non necessita il nutrirsi di perenni lagnanze o meschinerie nei confronti di questo o quello – lavorano ogni giorno in prima linea e dietro le quinte, spesso tra mille difficoltà e talvolta, se si esclude quella derivante dalla consapevolezza di aver fatto un buon lavoro, con poche soddisfazioni.

É un nuovo percorso quello che “Il Punto d’Incontro” inizia quest’anno. Vogliamo farlo con un ringraziamento ai lettori per l’attenzione e l’apprezzamento dimostrati – testimoniati anche dai tanti messaggi giunti in redazione – e con una dichiarazione d’intenti.

La parola che è il sottile fil rouge di questo nuovo numero, e che tornerà, ricorrente, in quelli futuri, è Territorio. E’ una parola importante, tanto da essere forse, a tratti, anche abusata. Però è una parola che racchiude quanto ha contribuito a formarci e ci contraddistingue, quanto ci ispira, ciò con cui ci misuriamo e anche, semplicemente, quanto ci è caro. “Territorio” sono le montagne e la distesa a vista d’occhio di appezzamenti punteggiati dai pioppi e attraversati dai canali, sono le vestigia che riaffiorano dal tempo e vengono trasformate, da uomini e associazioni armati di fervore e competenza, in un appassionante viaggio nella storia, accessibile a tutti. È la storia stessa, e quella che appartiene ai marsicani e dalla quale i marsicani vengono è una storia straordinaria, fatta di conquiste a denti stretti, scioperi a rovescio e l’indomita, indomabile volontà di esserci. Da guerrieri a pescatori a contadini, per essere poi scossi dal sisma nelle fondamenta, devastati ma non annientati, pronti a ricominciare. Il nostro territorio è questo: la crisi economica che morde, in un contesto generale nel quale il Paese è più che colpito, che non conosce precedenti, per le premesse e l’incognita delle prospettive, trova comunque un popolo che si mette in gioco, che rilancia, che difende i suoi tesori, che non si arrende e cerca anche nuove strade per darsi un futuro migliore. Una comunità, quella marsicana come quella abruzzese, che dalle ferite ha imparato a ricostruire, a non mollare, a non andarsene, a esserci. Perché a volte, ed è meno scontato di quanto possa sembrare, ci vuole più coraggio a restare che ad andarsene. A restare, o a tornare, e a restare in piedi, anche se la terra trema, o è avara. Questo è il Territorio, questi siamo noi. Nel Punto d’Incontro parleremo di storia, ma anche di cronaca, di tradizioni, di futuro e di sviluppo possibile, di sport e di cultura, e delle persone che sono protagoniste di tutto questo. Parleremo delle cose che non vanno, ma anche di quelle che vanno, e di quelli che sono gli artefici del buono e del meno buono.

Che sia un “buon nuovo corso” per tutti voi, da tutti noi e…continuate a seguirci!

@La Direttrice, gli Editori e la Redazione del Punto d’Incontro e di Marsicanews

1 Comment

1 Comment

  1. Francesco D'Amore

    2 aprile 2017 at 17:10

    Grazie a te Monica, a tutti i tuoi colleghi della redazione, a tutti i nostri lettori! Auspico che la partnership con Marsicanews porti buoni frutti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top