Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Italia

Tfr in busta paga, cresce il fronte del sì


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Il Tfr (Trattamento fine rapporto) corrisponde a circa una mensilità all’anno: si ottiene dividendo la retribuzione lorda per 13,5 e sottraendo la contribuzione dovuta all’Inps nella misura dello 0,5 per cento. Su un stipendio lordo di 20mila euro l’anno la quota di Tfr al lordo del contributo Inps, è intorno ai 1.500 euro. Scelta volontaria. Sarà il lavoratore a decidere se richiedere all’azienda di versare il 50% del trattamento di fine rapporto maturato nell’anno direttamente in busta paga. L’opzione per ora sarà valida per tre anni e sempre modificabile. Settore privato. Per il momento l’ipotesi di anticipo in busta della liquidazione dovrebbe riguardare solo le imprese del settore privato. Ancora allo studio una possibile esclusione delle imprese più piccole, sotto i 15 dipendenti. Trattamento fiscale. Se il regime attuale, molto vantaggioso, resterà in essere il trasferimento in busta paga per i lavoratori sarebbe conveniente.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top