Italia

Terremoto nel Chianti: tutti in strada

Alcune scosse più forti, accompagnate da uno sciame sismico senza tregua sulle colline del Chianti, hanno seminato paura e apprensione ieri anche a Firenze e Siena. Fortunatamente, tuttavia, nessun danno di rilievo. In mattinata, alle 11,36, quando il terremoto ha raggiunto una magnitudo di 4.1, nelle scuole i ragazzi sono stati fatti uscire e rimandati a casa, chi era in ufficio è sceso in strada allarmato. La scena si è ripetuta non solo in tutti i comuni dell’area del Chianti più vicina all’epicentro – Tavernelle, Barberino Val d’Elsa, Impruneta, San Casciano, Greve in Chianti e Certaldo -, ma anche a Firenze e a Siena. Per oltre un’ora Palazzo Vecchio è stato chiuso alle visite turistiche, chiusa anche la Torre di Arnolfo; in tutt’altra parte della città, evacuata la sede dell’Agenzia delle entrate; tutti fuori, o quasi, al Palazzo di giustizia. Per precauzione, il ministero dei beni culturali ha subito attivato la sua unità di crisi per la salvaguardia del patrimonio. Il terremoto è stato inoltre avvertito ad Arezzo, Livorno, Pisa, Prato e Pistoia.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top