Connect with us

Attualità

Il Teatro dei Colori porta in scena “Kirikù e gli animali selvaggi”

Pubblicato

on

Avezzano – Domenica 5 marzo, ore 17,00 al Teatro dei Marsi, il Teatro dei Colori  presenta “Kirikù e gli animali selvaggi”.

Progetto “ mondi racconti” per l’integrazione culturale. Testo, regia: Valentina Ciaccia. Con Andrea Palladino, Valentina Franciosi, Andrea Tufo. Spazio, voce narrante: Gabriele Ciaccia. Tecnica: Mario Serchia, Boris Granieri. Musiche e video da documentazioni etniche africane e dal repertorio jazz contemporaneo. Figure: Bartolomeo Giusti, Roberto Santavicca Organizzazione: Gabriella Montuori. Tecniche: Teatro d’attore e di figura.

Come in una grande pittura di Henri Rousseau: capanne, alberi, fiori, animali vivono in una scena “selvaggia”. Ma gli uomini abitano ogni luogo del nostro pianeta, anche ai confini di foreste e savane, dove vivono tutti gli animali, quelli amici dell’uomo e quelli da conoscere, rispettare e addomesticare. Come vengono allevati, cosa producono gli animali in un villaggio africano? In una civiltà agro pastorale segnata dal ritmo e dai canti del tempo, e quali sono i racconti di quelli che vivono nelle foreste e nelle savane? Lo scopriremo con il piccolo grande Kirikù.

Trama
Il piccolo e furbo Kirikù, ha scoperto che l’acqua si è fermata dentro un grotta e che un grosso animale ostruiva il canale, riuscirà a liberare la fonte e l’acqua tornerà al villaggio, per dissetare gli esseri umani, gli animali domestici e le piante coltivate negli orti. Ma di notte il feticcio della strega Karabà va a spiare, al mattino delle strane tracce si vedono sulla terra bagnata, ma che strane impronte, saranno quelle di un uccello o di quale altro strano animale?

Negli orti sono cresciute le piante, è un giorno di festa, tutti bevono la birra, ma poi si ammalano, perché qualcuno ha messo nella bevanda uno strano fiore avvelenato, la mamma racconta a Kirikù che solo il fiore della vita e della gioia può far guarire gli abitanti del villaggio, così si traveste, inseguendo il feticcio inizia la ricerca che porterà il piccolo alle soglia della terra del silenzio, dove Karabà controlla tutto e, con l’aiuto degli animali, si nasconde, sfugge al controllo del feticcio prende e porta il fiore curativo. Ma Karabà di lontano osserva ogni cosa.

Per fuggire il piccolo deve diventare alto e grande, un animale dal collo lungo e sottile lo aiuterà, a cavallo della giraffa, il piccolo corre lontano e finalmente vede un mondo grande, vasto e pieno di colori , di frutti, di fiori. I leoni dormono, le gazzelle saltellano, il ritmo della savana è come il passo lento dell’elefante, lontano e notturno il fischio degli uccelli sale fino alle stelle, un ghepardo corre come il vento, nel fiume di fango un rospo respira sonnacchioso, ed un ippopotamo dorme con un occhio aperto e vigile.

Con l’acqua che riempie i solchi dell’orto e disseta ogni cosa, Kirikù scopre che una strana terra si è formata: è l’argilla, idea e se imparassimo a fare del magnifici vasi? Gli anziani del villaggio insegnano a lavorare le terra bagnata che diventerà terracotta, nella notte davanti al forno la mamma aspetta la cottura dei vasi, Kirikù resta a dormire accanto a lei, il giorno seguente si parte per il mercato del villaggio grande. Ma sotto un grande albero, un bellissimo bufalo dalle corna dorate se ne sta all’ombra.

Carichiamo i sacchi dei nostri vasi sulla groppa del bufalo? Faremo prima ad arrivare al mercato, solo Kirikù non vuole, e porta monili e vasetti sulle sue spalle. Giunti alle soglie del mercato il bufalo stregato da Karabà inizia a correre, tutti i vasi cadono, tranne quelli che Kirikù ha salvato nel suo sacco, sono piccoli ma belli, riuscirà a venderli. È festa nel villaggio. Tra suoni e ritmi di tamburi alla luce del fuoco, appaiono ombre sulle capanne, i bambini scoprono che le ombre sono un magnifico “gioco”, costruiscono profili di figure, animali, personaggi ed inizia un nuovo grande racconto… Un teatro d’Africa.

In collaborazione con Associazione Pietraluna. Informazioni: Associazione Teatro dei Colori Onlus, Via dei Gerani, 45 – 67051 Avezzano (Aq) Tel. 0863.411900 – 347.3360029 – e-mail: info@teatrodeicolori.it . Prevendita: Punto informativo di Largo “Mario Pomilio” – Corso della Libertà, Avezzano. Da Martedì a Venerdì e il sabato precedente lo spettacolo ore 18,00 -19,30. Teatro dei Marsi – Via dei Cavalieri di Vittorio Veneto 3, Avezzano tel. 0863.412909. Nei giorni di spettacolo la biglietteria del teatro apre alle ore 15,30.

Ambiente

ALLERTA METEO: APERTURA COC AD AVEZZANO

Pubblicato

on

https://www.comune.avezzano.aq.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_2357.html

Il sindaco di Avezzano Gabriele De Angelis tenuto conto dell’allerta meteo
emanata dalla protezione civile regionale annuncia l’apertura del Centro operativo comunale nella sede del Comando di Polizia locale.

Il numero da contattare in caso di emergenza è 0863 43141.

Continua a leggere

Ambiente

CADE A CAUSA DEI FORTI VENTI IL PINO SECOLARE SIMBOLO DI MASSA D’ALBE

Pubblicato

on

A Massa D’Albe cade il simbolo della comunità.

Il fortissimo vento che sta soffiando nel centro Italia miete una “vittima” storica. Il pino secolare che maestoso spiccava nel paese.

I cittadini di Massa D’Albe sono costretti a dire addio a quello che per loro era un simbolo. Anzi il simbolo.

Tanti i post e i commenti di dispiacere assoluto sui social di chi è cresciuto li.

Continua a leggere

Cultura

ALGERI: AUGUSTO CICCHINELLI TROVA COPIA RARA DE “IL PIACERE” DI GABRIELE D’ANNUNZIO SCOVATO ED ACQUISTATO PER UN EURO TRA I MERCATINI DELLA CASBAH DI ALGERI

Pubblicato

on

Augusto Cicchinelli trova dunque la prima edizione tradotta in francese de “Il Piacere”, primo romanzo di Gabriele D’Annunzio edito nel 1889 da Treves e facente parte della trilogia “I Romanzi della Rosa”.
L’edizione, molto rara, è proprio quella tradotta e pubblicata nel 1895 da Georges Hérelle con il titolo “L’Enfant de Volupté”
“Quando ho un po’ di tempo – dichiara Augusto Cicchinelli – mi piace molto passeggiare per le stradine della Casbah di Algeri, dove Gillo Pontecorvo girò il film La Battaglia di Algeri: c’è un piccolo mercatino di libri usati dove spesso compro libri, di almeno un secolo fa, di ogni genere, per mio figlio Giuliano, ora ne ho circa 200: e non è la prima volta che mi imbatto in autentiche sorprese: mi ricordo di aver trovato ed acquistato lì il libro di Angelo Montonati “Dario Spallone: un comunista anomalo” (di cui la stampa si è già occupata all’epoca), che ovviamente custodisco preziosamente. Ora è toccato a “Il Piacere” Gabriele D’Annunzio, una edizione particolarmente rara, la prima tradotta in francese in numero limitato di copie; è bellissimo leggere libri antichi – conclude Cicchinelli – perché non ha prezzo quel momento affascinante del profumo di vecchia soffitta che ti arriva mentre leggi; tornerò presto in quel mercatino, sognando di incontrare un’edizione rara di qualche bel libro di Ignazio Silone. Certo è incredibile il viaggio che fanno i libri e non avrei mai immaginato di trovare certe cose ad Algeri in uno sperduto mercatino”.
Chissà cosa avrebbe pensato il Conte Andrea Sperelli, protagonista del Il Piacere da Palazzo Zuccari fino alla Casbah di Algeri!

Continua a leggere

Abruzzo

NUOVA ALLERTA METEO PER DOMANI DOMENICA 24 FEBBRAIO

Pubblicato

on

Nuova #ALLERTAMETEO. Il Centro Funzionale d’Abruzzo comunica che è stato
emesso dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale l’Avviso di
condizioni meteorologiche avverse N. 19023 PROT. PRE/0010232 del 23/02/2019
recante:

“DALLA TARDA MATTINATA DI DOMANI, DOMENICA 24 FEBBRAIO 2019, E PER LE
SUCCESSIVE 24-36 ORE, SI PREVEDE IL PERSISTERE DI VENTI FORTI O DI BURRASCA
NORD-ORIENTALI, CON RAFFICHE FINO A BURRASCA FORTE, SU TOSCANA, UMBRIA,
LAZIO, ABRUZZO, MOLISE, CAMPANIA, PUGLIA, BASILICATA, CALABRIA E SICILIA.
POSSIBILI MAREGGIATE LUNGO LE COSTE ESPOSTE”.

Ricordiamo ai cittadini di prendere visione delle regole di autoprotezione
in caso di vento molto forte. L’amministrazione comunale raccomanda di
prestare particolare attenzione nelle zone in cui ci sono alberi, nello
specifico alla Pineta e in tutta l’area del Monte Salviano.

Evitare le zone esposte, guadagnando una posizione riparata rispetto al
possibile distacco di oggetti esposti o sospesi e alla conseguente caduta
di oggetti anche di piccole dimensioni e relativamente leggeri, come un
vaso o una tegola; evitare con particolare attenzione le aree verdi e le
strade alberate. L’infortunio più frequente associato alle raffiche di
vento riguarda proprio la rottura di rami, anche di grandi dimensioni, che
possono sia colpire direttamente la popolazione che cadere ed occupare
pericolosamente le strade, creando un serio rischio anche per motociclisti
ed automobilisti.

Norme di comportamento in ambiente urbano

Se ci si trova alla guida di un’automobile o di un motoveicolo si presti
particolare attenzione perchè le raffiche tendono a far sbandare il
veicolo, e rendono quindi indispensabile moderare la velocità o fare una
sosta; prestare particolare attenzione nei tratti stradali esposti, come
quelli all’uscita dalle gallerie e nei viadotti; i mezzi più soggetti al
pericolo sono i furgoni, mezzi telonati e caravan, che espongono alle
raffiche una grande superficie e possono essere letteralmente spostati dal
vento, anche quando l’intensità non raggiunge punte molte elevate. In
generale, sono particolarmente a rischio tutte le strutture mobili, specie
quelle che prevedono la presenza di teli o tendoni, come impalcature,
gazebo, strutture espositive o commerciali temporanee all’aperto, delle
quali devono essere testate la tenuta e le assicurazioni.

Norme di comportamento in casa

Sistemare e fissare opportunamente tutti gli oggetti che nella tua
abitazione o luogo di lavoro si trovino nelle aree aperte esposte agli
effetti del vento e rischiano di essere trasportati dalle raffiche (vasi ed
altri oggetti su davanzali o balconi, antenne o coperture/rivestimenti di
tetti sistemati in modo precario, ecc.).

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU: http://allarmeteo.regione.abruzzo.it/

COMUNICATO stampa del comune di Avezzano.

Continua a leggere

Abruzzo

BUFERA DI VENTO AD AVEZZANO. ALBERI CADUTI. PRESTARE MASSIMA ATTENZIONE

Pubblicato

on

Da ieri sera ad Avezzano si è alzato un forte vento che continua a soffiare con veemenza. Alberi sradicati caduti in strada, pensiline delle fermate autobus ribaltate.

Un albero di grandi dimensioni ha bloccato il sottopasso della panoramica. Ora è stato rimosso dalla protezione civile e dagli operai del Comune.

Via Cavalieri di Vittorio Veneto chiusa al traffico al momento (ore 7.30).

Queste le prime immagini.

Si invita a prestare la massima attenzione.

Continua a leggere

Abruzzo

SALVINI ANNUNCIA CHE ANDRÀ AL PROCESSO INSIEME AD ALESSIO FENIELLO

Pubblicato

on

Sulla sua pagina di Facebook il Ministro Matteo Salvini annuncia che andrà al processo insieme ad Alessio Feniello.

Alessio Feniello, il padre di una delle 29 vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano, andrà a processo. A inizio gennaio il 57enne era stato condannato a pagare una multa di 4.500,00 euro per aver violato i sigilli ed essere entrato nella zona sotto sequestro del resort di Farindola per portare un fiore al figlio. Feniello, tramite il suo avvocato, aveva depositato un’opposizione alla condanna pecuniaria e ora ha ricevuto il decreto di giudizio immediato. Il papà di Rigopiano sarà processato il prossimo 26 settembre per aver violato i sigilli della zona rossa.

Intanto il 16 luglio è stata fissata l‘udienza preliminare davanti al Gup del tribunale di Pescara per gli indagati nell’ambito dell’inchiesta su quanto accaduto a Rigopiano. “Non è possibile che queste persone dopo due anni, con tutte le accuse nei loro confronti, siano ancora lì. Già questa è una vergogna. Poi condannano me perché ho portato i fiori dov’è stato ucciso mio figlio. Ridicolo“, conclude papà Feniello.

Continua a leggere

Abruzzo

LFoundry – E se stessimo guardando il dito invece della luna?

Pubblicato

on

“Poiché ormai siamo tutti allenati a riconoscere le armi di distrazione di massa, lasciamo da parte le voci di corridoio, che peraltro rappresentano l’unico argomento da poter discutere visto il silenzio inquietante del management sul futuro e sulle prospettive industriali e occupazionali della più grande realtà produttiva del nostro territorio e la seconda a livello regionale, e STIAMO AI FATTI! E’ ufficiale che: 1. lo stabilimento perde ben oltre 1.000.000 di euro al mese 2. si produce in perdita 3. da tempo non c’è la possibilità di programmare la produzione per un periodo che vada oltre i 3 mesi 4. mai prima d’ora si erano rese necessarie fermate tecniche, mentre nel solo mese di febbraio ne sono state programmate ben 2 5. la sostituzione del MES è al palo 6. i lavoratori stanno subendo sulla propria pelle gli effetti economici di un CDS miope, a partire dal taglio dalle maggiorazioni Se fino ad oggi ha prevalso la convinzione che “sarebbero arrivati i nostri”, ormai tutti i segnali fanno pensare che i ritardi nei piani di vendita, le riduzioni delle commesse, il mancato passaggio al nuovo sistema operativo, non siano semplici episodi, ma piuttosto precursori di un declino a cui sembra si stia andando incontro. E se poi venisse fuori che quel management che in perfetta solitudine si sta arrogando il diritto di determinare e condizionare il futuro di quasi 1500 persone e di un territorio intero, ha deciso si sfilarsi e quindi di prendere le distanze dalle sorti di questo stabilimento, magari ricorrendo a “efficaci” dichiarazioni di atti di responsabilità o “rassicuranti” prospettive per il futuro? …tanto poi sono cavoli di chi rimane! La FIOM continua a ritenere che quando la situazione è complessa c’è poco da sperare nei salvatori della Patria, piuttosto occorre mettere insieme tutte le forze e, con un progetto industriale serio, costruire insieme percorsi che offrano ai lavoratori le dovute garanzie. La FIOM si fa promotrice di un’azione di coinvolgimento dell’intero territorio, a partire dal Sindaco di Avezzano, al quale è stata inviata una richiesta di incontro urgente”

FIOM-CGIL Provincia di L’Aquila FIOM-CGIL Abruzzo e Molise RSU FIOM LFoundry

Continua a leggere

In Evidenza