Cronaca e Giudiziaria

TBC bovina: la Regione chiude i pascoli. Iampieri: “Della delibera ancora nessuna traccia”

La Giunta regionale d’Abruzzo, il 29 aprile scorso, ha deliberato sulla chiusura dei pascoli alti localizzati nel territorio del Comune di Gioia dei Marsi e nelle aree contigue di Lecce dei Marsi e Bisegna, per le stagioni pascolive 2015 e 2016, per motivi di salute pubblica oltre che di sanità animale, e minaccia altresì di sostituirsi con propria ordinanza ai sindaci che non ottemperino entro 15 giorni dalla pubblicazione della delibera. Ma… la delibera non è stata ancora pubblicata. Perché?”. Lo chiede Emilio Iampieri, consigliere regionale di Forza Italia, in un’interpellanza urgente al presidente D’Alfonso per sapere se e in quale modo la delibera sia stata portata a conoscenza dei Comuni interessati.

“L’iniziativa della Giunta – spiega Iampieri – si è resa indispensabile dopo l’accertamento di focolai di TBC bovina che potrebbero aver determinato il decesso di almeno un orso che, nel marzo 2014, ha confermato i segni della malattia. Parrebbe trattarsi di una vera emergenza – sottolinea il consigliere – tanto che i Ministeri di Ambiente e Salute hanno costituito un tavolo denominato ‘Gruppo di Lavoro interministeriale per la gestione del rischio sanitario dell’orso bruno marsicano’, al fine di scongiurare ogni possibilità che l’infezione provochi l’estinzione degli ultimi esemplari di questa specie, oltre che compromettere la sanità degli allevamenti.

La chiusura dei pascoli è stata ritenuta da D’Alfonso talmente improrogabile che egli, nella stessa delibera, si è riservato la facoltà, in caso di mancata emanazione delle ordinanze da parte dei Comuni entro 15 giorni dalla pubblicazione, di emettere lui stesso un’ordinanza sostitutiva urgente. Il paradosso, però, – fa notare Iampieri – è che tale delibera ad oggi non è stata ancora pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione. Per questo ho rivolto al Presidente un’interpellanza per chiedere se e come tale delibera sia stata portata a conoscenza delle amministrazioni comunali, al fine di evitare confusioni e allarmismi tra amministratori e allevatori, e quali iniziative la Giunta e il Presidente intendano assumere al riguardo”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top