Cronaca e Giudiziaria

Tangenti, Stati ‘Sono estranea, se rinviata a giudizio mi dimetto’

«Ribadisco la mia estraneità ai fatti contestati e il diritto dovere di difendermi dinanzi al Giudice e, qualora il Giudice per l’udienza preliminare dovesse decidere per il mio rinvio a giudizio, mi impegno a ritirare la mia candidatura e, in caso di elezioni, a dimettermi da consigliere regionale».

Così la ex assessore ai Rifiuti e alla Protezione Civile della Giunta Chiodi Daniela Stati commenta la nuova formulazione del capo di imputazione disposta dal Pm di Avezzano Savelli. La Stati, candidata con Abruzzo Civico e sostenitrice di Luciano D’Alfonso, spiega di essersi candidata perchè «Al momento dell’accettazione della candidatura regionale nella lista di Abruzzo Civico non ero a conoscenza delle successive determinazioni del Pubblico Ministero e sulla scorta di queste conoscenze ho rassicurato i dirigenti di Abruzzo Civico sul fatto che le indagini a mio carico non avevano avuto seguito.

Tanto è vero che nel documento del casellario giudiziale consegnato ad Abruzzo Civico non risultano carichi pendentì. Ma ora, con mia sorpresa sono venuta adesso a conoscenza del fatto che il Pubblico Ministero ha disposto la conclusione delle indagini riformulando le accuse a mio carico.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top