Cronaca e Giudiziaria

Taglio tribunali, riparte il confronto

«Nel settembre del 2015 scadranno i termini per presentare i decreti correttivi della riforma delle circoscrizioni giudiziarie che ha portato alla soppressione dei tribunali minori tra cui Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto: o si proroga quella scadenza o si rischia di restare fuori dai giochi».

Lo ha detto il presidente dell’ordine forense del tribunale di Sulmona, Gabriele Tedeschi, nel corso del convegno sul processo civile telematico in corso a Sulmona, «bisogna lavorare da subito per il decreto correttivo ponendo in risalto le specificità del tribunale di Sulmona che gli altri tribunali non hanno».

«Vi è uno squilibrio tra tutte le aree interne e il resto della regione in termini di presidi giudiziari di tribunali e di presenza di forze di polizia». Lo ha detto il sottosegretario all’Economia Giovanni Legnini nel corso del convegno sul processo civile telematico in corso a Sulmona nella sala riunioni dell’Abbazia Celestiniana. «Noi dobbiamo affrontare questo tema guardando avanti e non indietro e assumere decisioni. Abbiamo tempo per farlo e lo faremo. Se noi insistiamo per ripristinare pienamente i tribunali di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto – ha spiegato Legnini – gli altri territori faranno altrettanto e si rischia di non fare nulla. Allontanarci dalle ferite prodotte dalla riforma delle circoscrizioni della giustizia aiuta a risolvere il problema. Tanto più che abbiamo una proroga fino al 2018».

Sull’argomento interviene anche D’Alfonso «Siamo titolari di un protagonismo istituzionale che vale anche nei rapporti con le amministrazioni dello Stato. Faremo valere questa funzione sia come rappresentanza politica che come sottolineatura istituzionale. Recuperiamo il lavoro importante svolto in questi mesi passati e lo utilizzeremo con intelligenza e progetto».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top