Attualità

Taglio del nastro per la scuola Vivenza, fiore all’occhiello della città/Foto

Avezzano – Una scuola bella, sicura e confortevole, all’avanguardia anche per quanto riguarda l’efficientamento energetico. È la nuova scuola Vivenza, inaugurata ieri nel corso di una cerimonia trasformatasi in un’autentica festa per i bambini, i genitori e i rappresentanti della scuola e delle istituzioni. Per la realizzazione della struttura sono stati impiegati 1,4 milioni di euro, erogati dall’ufficio speciale per la ricostruzione. Gli ambienti sono grandi e luminosi, caratterizzati dal verde tenue e dal legno dei soffitti. All’esterno vi è anche un piccolo anfiteatro; sul retro dell’edificio sorgerà un altra costruzione – che ospiterà un istituto superiore – e che andrà ad aggiungersi alla grande palestra, anch’essa rifinita con dettagli che la collocano ai livelli dei più rinomati palazzetti dello sport, inaugurata qualche tempo fa. La nuova struttura della Vivenza è dotata di un impianto di riscaldamento a pavimento, luci al led e pareti scorrevoli che permettono di gestire gli spazi più ampi in maniera ottimale. Gli impianti sono governati attraverso un computer al quale è collegato anche il sistema di videosorveglianza.

“È un edificio all’avanguardia su tutta la linea, che permetterà ai ragazzi di svolgere le attività in ambienti sicuri ma anche estremamente confortevoli”, ha spiegato il sindaco Giovanni Di Pangrazio, che si è detto orgoglioso di questa realizzazione, “La struttura è stata pensata e costruita nel rispetto delle norme antisismiche ma anche con l’attenzione all’ambiente, per quanto riguarda consumi e materiali, in linea con l’indirizzo che abbiamo dato”. Il risultato è una scuola magnifica, che da gennaio accoglierà gli studenti attualmente dislocati al centro Noesis. Entusiasmo alle stelle e contagioso per gli alunni presenti, che, dopo la benedizione impartita da don Adriano Principe, sulle belle note suonate dagli allievi della scuola Don Bosco, scuola primaria dell’I.C. “Vivenza – Giovanni XXIII”, hanno intonato i canti classici del Natale e un allegro repertorio che ha spaziato dai Beatles ad Alvaro Soler. Soddisfazione è stata espressa dal dirigente scolastico, Roberto Puliti: “È un edificio magnifico, ringrazio il Sindaco e i tecnici che si sono spesi per realizzare questo progetto, un bene restituito alla città e che l’arricchisce di una struttura sicura e innovativa, un vero fiore all’occhiello”. Presenti al taglio del nastro con il sindaco Giovanni Di Pangrazio, il vicesindaco Ferdinando Boccia, gli assessori, tra i quali anche l’ex assessore Patrizia Petricola, che aveva curato il progetto nelle prime fasi, i dirigenti comunali, Paolo Esposito e Alessia Placidi in rappresentanza dell’Ufficio speciale della ricostruzione.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top