Politica

Tagliacozzo, Montelisciani: “il sindaco non dice tutta la verità”

Dopo le rassicurazioni del sindaco Vincenzo Giovagnorio, non si spengono i riflettori sulla situazione delle scuole di Tagliacozzo. Ad intervenire è il consigliere Vincenzo Montelisciani, capogruppo di Tagliacozzo Unita: “È tempo che ci occupiamo con attenzione della sicurezza degli studenti e dei lavoratori che frequentano le nostre scuole. Il tema della sicurezza dei propri figli, sollevato giustamente dalle famiglie, è un tema serio che va affrontato con la massima attenzione e senza atteggiamenti liquidatori, ma soprattutto non è un problema inedito, non è una tegola che cade improvvisamente tra il capo e il collo di questa amministrazione. Non ci si doveva far trovare impreparati.” Prosegue il capogruppo di Tagliacozzo Unita: “Le prove di vulnerabilità sismica dicono che tutti gli edifici scolastici, seppure con diverse gradazioni, non sono sicuri. Alla luce di questi dati, le famiglie chiedono di spostare le lezioni in strutture in grado di garantire la sicurezza dei propri figli, chiedendo che avvenga in tempi rapidi, non tra qualche anno. Non capisco come questi genitori possano essere liquidati come dei facinorosi. Quello che ci preme è, innanzitutto, raggiungere il risultato più utile e d’interesse generale”.

“Bisogna analizzare le questioni per quello che sono, senza creare inutili allarmismi, ma nemmeno distorcendo la realtà secondo ciò che fa più comodo”. Montelisciani continua affermando che: “in questi giorni sono circolate molte informazioni sbagliate. Non è vero che il comune di Tagliacozzo non ha possibilità di accendere un mutuo per l’installazione dei MUSP. Non è vero che la legge obbliga alla riapertura degli edifici scolastici. È vero che sono agibili, ma agibilità è un termine ambiguo che non significa sicurezza. Tre scuole del nostro comune non rispettano i parametri minimi delle norme sulla prevenzione sismica. Questo fatto non può essere sminuito o alleggerito da un certificato d’agibilità. La legge dice che se vuoi spostare le lezioni in un luogo più sicuro, puoi farlo se hai un’alternativa. Ma l’alternativa devi prepararla, non la puoi improvvisare. Si sarebbe potuto lavorare per tempo per sistemare gli alunni proprio dentro i MUSP, se solo si fosse prestata maggiore attenzione al tema.”

“C’è un’altra informazione che è stata riportata dai quotidiani e che sarebbe stata detta nel corso della conferenza stampa che ha tenuto il sindaco ieri mattina. La realizzazione dei MUSP configurerebbe un danno erariale. “Danno erariale” non mi pare un reato applicabile a questa fattispecie, basta alzare lo sguardo e osservare cosa sta accadendo a Pratola Peligna, dove il sindaco De Crescentiis, in una situazione del tutto analoga a quella di Tagliacozzo, con le scuole che hanno sì il requisito dell’agibilità, ma che non rispettano i parametri prescritti dalle norme sulla vulnerabilità sismica degli edifici, ha chiesto e ottenuto dalla regione Abruzzo i finanziamenti necessari per l’installazione dei MUSP”. “Per la realizzazione dei MUSP non è necessario il finanziamento di 1,3 mln stanziato dalla provincia, né quello di 2,3 mln promesso dalla regione. Questi soldi possono comunque essere spesi interamente per la costruzione del nuovo plesso scolastico. ”

 

“La realtà è più complessa di come l’ha descritta il sindaco Giovagnorio. L’amministrazione ha il diritto di scegliere, ma ha il dovere di rispondere delle proprie scelte davanti al corpo dei cittadini, i quali devono essere consapevoli delle diverse soluzioni in campo. Non si può far passare l’idea che siamo di fronte ad una scelta obbligata, perché non è così”. “E’ giusto discutere pubblicamente di questi temi, ed è per questo che, come minoranze consiliari, convocheremo un consiglio comunale straordinario e urgente. Il massimo organo istituzionale della città, la casa dei cittadini, è il luogo più adatto per affrontare i problemi seriamente e alla luce del sole”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top