Politica

Tagliacozzo, I consiglieri Gargano e Giovagnorio sollecitano il rinnovo dei parchi gioco per bambini

Realizzare nuovi spazi verdi per i più piccoli e soprattutto rinnovare quelli esistenti: questo l’invito dei consiglieri comunali Alfonso Gargano e Roberto Giovagnorio al sindaco di Tagliacozzo, Maurizio Di Marco Testa.
La bella stagione, come prevedibile, obbliga i genitori a svariate “puntatine” nei parchi gioco del territorio. E questo periodo è quello che svela tutte le falle delle aree verdi: giochi assenti o obsoleti, erbacce, panchine mal messe, eccetera. Ed è proprio su punto che i consiglieri comunali di Tagliacozzo puntano il dito, ricordando al primo cittadino il valore sociale di tali angoli cittadini. Vediamo, quindi, i dettagli della loro proposta.
«Visto il perdurare della paralisi amministrativa del Comune di Tagliacozzo, proponiamo alla Giunta comunale di valutare la possibilità di ricavare dal bilancio comunale, economie da destinare alla realizzazione di spazi idonei per il gioco dei bambini. Basterebbe, ad esempio, sistemare il parco giochi ubicato in località “Giorgina” a Tagliacozzo – zona molto popolosa della cittadina – con nuove attrezzature: per mettere a disposizione delle famiglie residenti in quell’area un centro di aggregazione. Sarebbe sufficiente, inoltre, sistemare quelli già presenti in alcune frazioni e dotare quelle sprovviste almeno di scivoli ed altalene.
Ricordiamo al sindaco, che nel suo programma di governo, approvato nel Consiglio comunale dello scorso 7 luglio 2011, è scritto: “Aree verdi e parchi gioco: il capoluogo in via principale, così come le frazioni comunali, sono scarsamente attrezzate per garantire l’aggregazione, la socializzazione e il gioco della parte più giovane della nostra comunità. Rinascita (questo è il nome della lista del sindaco) si adopererà per sanare questa grave mancanza, realizzando aree e spazi idonei”.
Non ce ne voglia l’Amministrazione comunale, ma anche questa – ad oggi – è solo una barzelletta, in quanto nemmeno questo punto è stato realizzato. Chiediamo e speriamo, che almeno questa nostra proposta venga presa in considerazione».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top