Altri articoli

Tagliacozzo, Gargano: ”Il sindaco chiarisca se l’isola pedonale esiste ancora”

Una giornata di sole e il piacere di fare quattro passi in piazza. Anche un desiderio semplice come questo, però, può essere compromesso. E allora a fronte di quanto rilevato, Alfonso Gargano, consigliere del Comune di Tagliacozzo, chiede chiarimenti al primo cittadino.

Cerchiamo, quindi, di saperne di più dalla voce del consigliere comunale.

«Nella bellissima giornata primaverile di domenica 16 Febbraio 2014, ancorché siamo in pieno inverno, vi era una temperatura di circa 20 gradi e si avvertiva un particolare piacere, nel passeggiare all’aria aperta per le vie del centro del nostro Comune. Intorno alle ore 11, sono andato a Tagliacozzo e su segnalazione di alcuni residenti, purtroppo ho constatato che invece in piazza Duca degli Abruzzi vi era un via-vai di automobili.

Ad oggi esiste un’ordinanza specifica del sindaco, così come riportato negli appositi segnali stradali, che inibisce il traffico su questo tratto, dal 1° settembre al 30 giugno, dalle ore 8 di domenica alle ore 8 del giorno successivo. Mi domando, quindi, se tale ordinanza sia stata revocata dal sindaco, Maurizio Di Marco Testa, dato che al Corpo di Polizia municipale non ne erano a conoscenza. E chi abbia ordinato alla Polizia municipale di non ottemperare ad un’ordinanza, con tutti i risvolti anche penali del caso e per quale motivo.

Insomma, se esiste un’ordinanza, questa va applicata. Altrimenti è meglio rimuoverla, per non creare confusione. Ma questo di recente nel nostro Comune si verifica sempre meno, tanto è vero che, ad esempio, non viene ancora adottato il “Piano anticorruzione”.

Mi auguro che questa volta il sindaco si assuma le responsabilità delle proprie scelte, evitando di tentare di scaricare sui dipendenti del Comune. Cosa, ovviamente, non corretta.

Molte sono state le lamentele dei cittadini, che speravano di fare una bella passeggiata rilassante e, invece, sembrava di essere su una tangenziale.
Basterebbe poco: decidere con un semplice sì o no. Ma da noi si preferisce sempre essere ambigui».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top