Altri articoli

Tagliacozzo, Al via il corso di “computer di base” per gli over 65

Ieri mattina presso l’Istituto Onnicomprensivo “Andrea Argoli” alle ore 10,30 si è tenuta la presentazione del progetto di alfabetizzazione digitale per gli over 65, denominato “Da Grande”.

Presenti il sindaco Maurizio Di Marco Testa, la dirigente scolastica Marina Novelli, la consigliera con delega al Sociale Maria Antenucci, la presidente della “Cooperativa Prometeo” di Avezzano, Sabrina Degni. Era prevista la presenza dell’assessore regionale al Sociale Paolo Gatti, ma per impegni istituzionali urgenti ha dovuto declinare l’invito, inviando un messaggio e un augurio di buon lavoro.

La professoressa Novelli ha aperto i lavori, facendo i complimenti all’Amministrazione comunale e al sindaco per il clima cordiale e collaborativo che si è instaurato e concretizzato per diversi progetti, tra scuola e Comune.

Grazie a tale sinergia, il sindaco ha ringraziato la dirigente per l’ospitalità, considerando che il corso si svolgerà proprio nei locali della scuola in giorni e orari che ovviamente non intralcino le lezioni. Un plauso è andato anche al suo staff, vale a dire alla consigliera Antenucci, per aver portato avanti il progetto insieme all’associazione Prometeo, che tutti conoscono per l’impegno sociale, portato avanti su tutto il territorio marsicano e, in questo progetto, anche con il ruolo di Ente di formazione, accreditato dalla Regione.

Ma sentiamo dalla voce della consigliera al Sociale quali sono le finalità del progetto:

«Tagliacozzo è risultato 10° nella graduatoria dei comuni d’Abruzzo finanziati,  su 170 comuni che hanno risposto all’invito della Regione» sottolinea Maria Antenucci. «Tale iniziativa – prosegue – ha lo scopo di contrastare il divario digitale degli over 65, attraverso appositi corsi di alfabetizzazione, atti a fornire le conoscenze delle tecnologie, collegate all’utilizzo del personal computer. Questa Amministrazione, e nello specifico l’assessore allo Sviluppo economico Antonio Stipano, ha provveduto a portare la connessione wi-fi nel capoluogo e nelle frazioni, proprio per ridurre il divario del nostro comune, in una realtà che cambia rapidamente. Proprio la crescente digitalizzazione della società, che ha cambiato la comunicazione, il lavoro e il tempo libero, ciò è naturale per i giovani. Al contrario, per “le teste bianche” ciò può rappresentare un problema. Ad esempio, il CUD non viene più spedito a casa, ma può essere prelevato solo on line dal sito Inps. Oppure, il risultato delle analisi cliniche, può essere prelevato dal sito della Asl e, volendo, può essere girato direttamente al proprio medico: in questo modo si evitano file stancanti e costi di stampa».

Con questo corso, quindi si mira a ridurre tale disparità, oltre a permettere agli anziani di essere informati e meno soggetti al rischio di incorrere in truffe e raggiri.

«Acquisire la competenza di base – ha aggiunto la consigliera –  anche solo per una semplice trasmissione di una “e-mail”, per un anziano significa comunicare in tempo reale un bisogno, oppure curare in modo diretto e immediato la sfera dei propri affetti».

Sabrina Degni, invece, ha posto l’attenzione alla parte tecnica del corso e, considerando la larga adesione al progetto, ha suggerito la formazione di due gruppi. Prossimo incontro: mercoledì 23 gennaio 2014.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top