Politica

Studenti protestano per soppressione bus, Mazzocchi e Alfonsi bacchettano TUA

Si sono ritrovati a piedi gli studenti e i lavoratori che, abitualmente, percorrevano in bus la tratta che dalla Valle del Giovenco e dal Fucino era diretta ad Avezzano. L’episodio si è verificato in mattinata a causa della soppressione di un autobus dell’ex Arpa, ora TUA spa, che ha portato i pendolari ad invadere, in segno di protesta, la sede del servizio di trasporti situata nel Piazzale Kennedy.

“Massima solidarietà agli sventurati studenti e lavoratori che non hanno potuto raggiungere i luoghi di destinazione per via della mancanza dell’autobus – dichiarano i consiglieri provinciali di minoranza Felicia Mazzocchi e Gianluca Alfonsi -. Già dai primi cambiamenti nel sistema di trasporti pubblici, ci eravamo preoccupati di chiedere quali fossero le intenzioni di TUA. Scoprendo via via i tagli del numero delle corse, il piano industriale, gli aumenti delle tariffe e la mancanza di idonea manutenzione – continuano i consiglieri – abbiamo richiesto, in sede di Consiglio provinciale di L’Aquila, il preciso interessamento dell’Ente e l’audizione di D’Alessandro; ma, a tal proposito, ci consta rilevare un incontro in pompa magna in comune ad Avezzano, voluto lo  scorso mese dal sindaco Di Pangrazio e nel quale nulla è emerso tranne il titolo del comunicato stampa.

Ripetiamo che il copione è sempre lo stesso: rotture frequenti dei mezzi, degrado degli interni, sostituzioni in corsa, certamente non per negligenza degli operatori. Ci chiediamo se sono stati operati tagli di dirigenti e sia stata fatta un’obiettiva riorganizzazione del personale, come ci si aspetterebbe da una fusione di società. Certamente  – concludono Mazzocchi e Alfonsi – le ‘sacche’ di inefficienza non possono continuare a pagarle i cittadini, e per giunta a caro prezzo. E’ urgente, dunque, prendere adeguati provvedimenti atti a scongiurare i gravi problemi accorsi in tutto il territorio provinciale, oltretutto ai danni di minorenni”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top