Cronaca e Giudiziaria

Sequestro strada Villavallelonga-Prati d’Angro: “Residenti reagiscono con violenza”

Su ordine della Procura della Repubblica di Avezzano, nella figura del sostituto Procuratore Roberto Savelli, a seguito della notizia di reato trasmessa nei giorni scorsi dal Parco Nazionale d’Abruzzo, ieri mattina le Guardie del Parco coadiuvati dagli Agenti del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato hanno proceduto al sequestro del cantiere di lavoro della strada Villavallelonga – Prati D’Angro. I lavori, ancora in corso, erano stati sospesi con un’ordinanza dello stesso Parco il 13 luglio scorso perché realizzati in contrasto con le prescrizioni impartite dal Parco, che consistevano, in particolare, nel divieto di realizzazione dell’ultimo tratto, quello tra il bivio della Val Cervara ed il fontanile dell’Aceretta.

“All’arrivo delle Guardie del Parco e dei Forestali – si legge nella nota – un gruppo di residenti ha impedito fisicamente e con le proprie auto l’accesso alla strada per l’esecuzione del provvedimento di sequestro, anche insultando le Guardie del Parco, il Responsabile del Servizio di Sorveglianza ed il Direttore del Parco. L’atmosfera si è andata via via surriscaldando, nonostante l’intervento dei carabinieri di Trasacco e dei funzionari del Commissariato di Pubblica sicurezza di Avezzano, chiamati sul posto per evitare che la situazione precipitasse, quando con i mezzi si stava accedendo all’area per eseguire il provvedimento giudiziario, con ingiurie, offese e minacce di ogni tipo, addirittura con pugni e calci alla macchina di servizio del Parco”.

Il sequestro è stato attuato con l’apposizione di transenne all’altezza della Val Cervara, per impedire l’accesso all’ultimo tratto della strada, che finisce in località Aceretta; sulle transenne sono stati apposti i cartelli segnalanti il sequestro d’urgenza disposto dalla Magistratura. Il Direttore del Parco Dario Febbo ha dichiarato: “Abbiamo sequestrato il cantiere dove è stato perpetrato un grave abuso, per eseguire un ordine del Magistrato, ribadendo che in un Parco Nazionale lo sviluppo sostenibile deve necessariamente andare di pari passo con la conservazione della Natura e la tutela della biodiversità”. Il presidente Antonio Carrara esprime soddisfazione per questo provvedimento, affermando che “E’ stata riportata la legalità all’interno del Parco, convinti come siamo che solamente col rispetto delle regole è possibile una tutela partecipata e, nel caso della strada in questione, solo la chiusura al traffico ordinario può garantire il rispetto dei diritti dei locali e la tutela della natura della valle”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top