Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cronaca e Giudiziaria

Storia di un Erasmus molto particolare…


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

La mancanza di lavoro per i giovani, i cambiamenti antropici che hanno portato all’abbandono della montagna e le incursioni dell’Orso marsicano nei paesi limitrofi sono stati i temi affrontati da un folto gruppo di giovani ragazzi provenienti dalla Bulgaria, Romania, Italia e dalla Germania.
Giunto a Scanno, qualche giorno fa, per partecipare al progetto “Living together”, ideato dalla Associazione “Un Ponte con la Natura”, i giovani hanno avuto modo di discutere fra loro e con le persone del posto su questioni riguardanti la vita rurale in Abruzzo
Il progetto “Living together” è stato finanziato dall’Unione Europea Erasmus+, che ha permesso ai giovani partecipanti di condividere dieci giorni di vita e di lavoro al fine di trovare possibili soluzioni ai problemi in questione.
Durante il progetto i ragazzi hanno preso parte a workshop, discussioni e dibattiti sui temi in questione come il tema della mancanza di lavoro per i giovani e le sue possibili soluzioni; hanno avuto modo di intervistare le persone del posto e fare escursioni in zona. In particolare sono stati realizzati due video riguardanti l’orso e le sue possibilità di convivenza con l’uomo. Nel dettaglio vi è stato anche uno scambio di esperienze reciproche di vita riguardanti l’orso in Bulgaria e Romania. Altra esperienza fondamentale è stata quella di piantare 1200 alberi da frutta tra le montagne di Scanno e Villalago, di specie tra quelle preferite dall’orso, con lo scopo di allontanarlo dalle incursioni nei paesi.
Ilina, una partecipante, ha così descritto il progetto: “Abbiamo imparato molto sia dalle persone del posto e sia in merito alla natura, mi piaceva molto ascoltare le persone quando le intervistavo, anche se non capivo abbastanza quello che dicevano !”
Tra i ragazzi c’è stato un vero e proprio scambio culturale, grazie anche alle cene a tema che venivano organizzate e che hanno portato alla nascita anche di amicizie.

Alla fine del progetto i partecipanti hanno presentato le loro idee imprenditoriali alle Autorità locali e mostrato alle popolazioni di Scanno e Villalago i video realizzati con l’obiettivo di promuovere le loro idee e eventuali soluzioni per risolvere i problemi di vita con l’orso.
Rina, altra partecipante, ha spiegato: “Questo progetto è stato diverso dagli altri a cui ho già partecipato perché, oltre a parlare dei problemi, abbiamo realizzato qualcosa di concreto e mi è piaciuto molto. Sento di aver fatto la differenza qui e ora ho imparato come affrontare la questione uomo-orso anche dove vivo.”
La gente del posto ha visto i partecipanti al progetto come degli ambasciatori, ognuno per i propri Paesi e hanno espresso il loro apprezzamento e il loro ringraziamento per tutto il lavoro che è stato fatto.
Louise Sutherland, presidente dell’Associazione “Un Ponte con la Natura”, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti del progetto nel quale sono stati coinvolti giovani che hanno lavorato insieme e hanno imparato gli uni dagli altri. In merito sono state affrontate possibili soluzioni a varie questioni come quella dell’abbandono della montagna, la mancanza di lavoro per i giovani e il problema delle incursioni degli orsi nei paesi. I ragazzi erano pieni di energie e di idee e hanno imparato molto. Abbiamo già in mente un altro progetto da realizzare!”
Vorremmo ringraziare ufficialmente l’Amministrazione Comunale di Villalago, il Sindaco Fernando Gatta, l’Associazione Ambiente e/é Vita, Ezio Gasbarro, Mario di Bartolo, l’Amministrazione Comunale di Scanno, il Sindaco Pietro Spacone,il Presidente della Commissione Ambiente Comune di Scanno Antonio Petrocco, la Riserva Naturale del Lago di San Domenico e Lago Pio, l’Associazione Scanno Natura Doc, l’Arch. Giovanni Di Cesare, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Presidente Antonio Carrara, Daniela D’Amico, Carmelo Gentile, Roberta Latini, Massimo D’Alessandro, il Residence Lago di Scanno – Rossella, Gianni e Nino Rossicone, Tullio Gualtieri di Tours, Adriano Tarullo, il Cantautore di Scanno, Davide e Giuseppe Cetrone & l’Associazione Culturale Studium Naturae per la Mostra fotografica Natura Concentrich.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top