Cultura

Starbucks sbarca in Italia: andrà di moda il ‘frappuccino’ nel 2016

Dopo varie griffe estere, mode del momento e fenomeni da baraccone, ora tocca a lei: alla marca del ‘frappuccino’ in versione americana, solitamente accompagnato dalla lettura di un buon libro, più famoso al mondo. Dopo la ‘M’ del McDonald’s, è arrivata l’ora dello Star, insomma. Sembra essere arrivato il momento dello sbarco di Starbucks in Italia. La ‘multinazionale’ delle colazioni a base di ‘frappuccini’ avrebbe infatti stretto un accordo con il gruppo guidato dal bergamasco Antonio Percassi, 62 anni, già artefice dell’espansione nel nostro Paese di Benetton e Zara.

C_4_articolo_2138556__ImageGallery__imageGalleryItem_4_imageSecondo quanto riportato dal ‘Corriere della sera’, gli accordi fra il colosso statunitense e l’imprenditore dovrebbero essere firmati entro Natale 2015. Il primo caffè ‘american style’ potrebbe essere servito a Milano già a partire dal 2016.

La nota marca di caffetteria è nata circa vent’ anni e fattura circa 9 miliardi di dollari. Il fondatore, Howard Schultz, ha, cioè, amalgamato l’aroma del caffè, servito in contenitori extralarge in carta d’asporto per bevande liquide e abbondanti, con un locale a prova di free wifi.

L’imprenditore sta ora studiando il percorso che dovrà adottare nella Penisola italiana, dove il caffè, più che un’abitudine, figura come una presa di posizione. L’Italia è pronta per la nuova miscela versata nel famoso ‘bicchierone’?

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top