Attualità

Il sindaco De Angelis: “Il Crab finalmente avviato sul terreno dello sviluppo al servizio del settore agroalimentare della Marsica”

Avezzano – “Esprimo grande soddisfazione per l’uscita del Consorzio di Ricerche Applicate alla Biotecnologia (CRAB) dal lungo percorso di liquidazione, durato oltre due anni, con l’emanazione degli opportuni atti da parte della Regione Abruzzo, socio di maggioranza del Centro”. Questa è la dichiarazione del Sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, dopo l’Assemblea degli azionisti che ha portato alla revoca della liquidazione del CRAB ed al ritorno alla gestione ordinaria.

“Pochi giorni orsono sono intervenuto con decisione sulla grave situazione del Centro – continua De Angelis – chiedendo al Presidente della Regione di accelerare sul processo di ristrutturazione dei Centri di Ricerca in agricoltura, in considerazione del fatto che il CRAB è una risorsa strategica che svolge servizi di interesse generale per il sistema agroalimentare marsicano e non solo”.

Con l’Assemblea tenutasi ieri ad Avezzano, la Regione ha finalmente ricostituito il Capitale sociale del Centro di Ricerca mediante conferimento immobiliare del valore di circa 4 milioni di euro con contestuale ridefinizione delle quote societarie. La Provincia è uscita definitivamente mentre la Regione arriva oggi ad avere la quasi totalità della proprietà del consorzio, il Comune di Avezzano mantiene una quota minoritaria ma significativa dell’attenzione dell’Amministrazione nei confronti di questa importante realtà.

“Il settore agroalimentare abruzzese ha bisogno di ricerca e di diffusione dell’innovazione” conclude il Sindaco, “ed il nuovo CRAB potrà contribuire a sostenere la competitività del settore primario regionale. Ora saremo vigili. L’obiettivo finale del Comune di Avezzano è quello di permettere al CRAB di inserirsi in un percorso virtuoso e solido di sviluppo, e questo significa che il Centro dovrà essere parte attiva nelle politiche regionali in favore dell’agroalimentare nonché beneficiare di un Fondo di dotazione annuale che gli permetta di accedere, in cofinanziamento, a bandi e concorsi europei”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top