Abruzzo

Si fa vivo coi familiari l’uomo scomparso

Si è fatto vivo per telefono coi familiari aquilani Nunzio Bellaprima, l’artigiano di 43 anni del quale il padre aveva denunciato la scomparsa con una serie di denunce alla polizia arrivando a ipotizzare anche l’esistenza di un debito di gioco da 100 mila dollari. Del caso era stata interessata anche la prefettura. Secondo quanto si è appreso, due giorni fa, sull’onda del clamore suscitato dalle reiterate denunce del genitore, che vive all’Aquila, l’uomo ha parlato al telefono con la sorella affermando che il suo è stato un allontanamento volontario ed escludendo, pertanto, il coinvolgimento di terze persone. Di lui, come affermato dai parenti aquilani, non si avevano più notizie da circa due mesi, tanto da far ipotizzare un sequestro. Il contatto per parlare con l’uomo è stato trovato attraverso un giornalista peruviano. Il padre ha scritto, in un documento presentato alla polizia, che la motivazione del suo allontanamento è stata spiegata con aspetti legati al «disbrigo di pratiche burocratiche». Non è noto al momento se l’uomo sia intenzionato a tornare in Italia. Bellaprima sarebbe dovuto tornare all’Aquila il 10 dicembre ma non è mai salito sull’aereo.

3 Comments

3 Comments

  1. Simona Alibrandi

    30 gennaio 2015 at 17:42

    Si scrive a L’Aquila.

  2. Simona Alibrandi

    30 gennaio 2015 at 17:42

    Si scrive a L’Aquila.

  3. Simona Alibrandi

    30 gennaio 2015 at 17:42

    Si scrive a L’Aquila.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top