Cultura

Settimana Marsicana: serata di comicità e riflessione con Giobbe Covatta (Video)


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Una serata di comicità e riflessione quella vissuta ieri sera, mercoledì 3 agosto, dagli spettatori della Settimana Marsicana. Il grande Giobbe Covatta, protagonista ed autore dello spettacolo “La Commediola”, ha traghettato il pubblico marsicano del parco ex Arssa in un viaggio attraverso la sua personale versione della Divina Commedia totalmente dedicata ai diritti dei minori, tema da sempre caro all’artista partenopeo. Una lavagna, una tunica da profeta accanto ad un leggio, con la sua barba da saggio eremita, Covatta ha dato vita ad uno spettacolo esilarante e spassoso, ma come accade nelle performance del comico napoletano, i temi sono seri e spesso drammatici. La ricostruzione storica dell’artista si basa sul ritrovamento di un manoscritto apocrifo dell’inferno dantesco, ovvero La Commediola scritta da Ciro Alighieri.

<<L’Inferno di Dante diventa un luogo di dannazione eterna non per i peccatori, ma, paradossalmente, per le loro vittime, ossia i bambini, i più deboli, che non possono difendersi da abusi e violenze. Così mentre resterà impunito chi ha colpito con le sue nefande azioni dei piccoli innocenti del terzo mondo, il Virgilio immaginato dall’antico poeta lo accompagna per bolge popolate da bambini depauperati per sempre di un loro diritto, di qualcosa che nessuno potrà mai restituirgli. Ne La Commediola, scritta non in volgare toscano ma in napoletano, emerge così l’urgenza di apprendere e promuovere i valori riconosciuti dalla Convenzione Internazionale per l’infanzia e dell’adolescenza. Solo conoscendo come tali diritti vengono ripetutamente calpestati, si potrà arrivare a diffondere una cultura di pace e rispetto per tutte le nuove generazioni>>.   

Il comico ha inoltre spaziato dal reading de La Commediola alle piaghe del mondo moderno, dalle esperienze vissute nella sua amata Africa alle differenze tra il cervello della donna, dell’uomo e… di Salvini. Insomma, uno spettacolo che ha regalato ai marsicani due ore di show in grande stile targato Covatta! Per concludere in bellezza uno degli eventi più attesi nell’ambito della manifestazione, raggiunto sul palco dai presentatori della serata Gioia Chiostri e Pierluigi Oddi, Covatta è stato omaggiato dalla Pro loco di Avezzano con un attestato, consegnato da Rossana Petricola, raffigurante il Castello Orsini-Colonna, uno dei principali luoghi di interesse cittadini nonché simbolo della storia marsicana.

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top