Abruzzo

Scuola: rientra caso alunni divisi per nazionalita’ a Pratola

Rientra il caso delle classi scolastiche di prima elementare assegnate in base alla nazionalita’. Il fatto si era verificato nelle prime classi elementari delle scuole dell’istituto comprensivo ‘Tedeschi’ di Pratola Peligna, comune dell’Aquilano che conta circa seimila abitanti. In sostanza alcuni genitori avrebbero fatto pressioni al corpo docente affinche’ si creasse almeno una classe di soli italiani. Non si sarebbe trattato, tuttavia, di una questione di razzismo quanto piuttosto di una vicenda elitaria. A riequilibrare le presenze degli alunni – pochi tuttavia quelli stranieri – ci ha pensato stamani il nuovo preside Raffaele Santini, che non ne sapeva nulla visto il suo recentissimo insediamento, ed il cambiamento e’ stato accettato da tutti nel corso di una riunione che ha posticipato di poco il suono della campanella. Dunque classi miste senza problemi. Il preside, intanto, ha anticipato che nelle scuole – gli istituiti del ‘Tedeschi’ sono due – ci saranno progetti finalizzati all’integrazione culturale. L’episodio, comunque, ha destato scalpore a Pratola Peligna. Per il sindaco Antonio De Crescentis cio’ che e’ accaduto “non rientra nella cultura del nostro paese che ha sempre favorito l’integrazione razziale”. Dai 391 immigrati del 2005 il tessuto sociale di Pratola oggi ne ospita 600 di cittadini di altre nazionalita’. La comunita’ piu’ numerosa e’ composta da albanesi seguiti da romeni, macedoni, sudamericani e marocchini.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top