Altri articoli

Scuola contributi; M5S,da ministero risposte insoddisfacenti

«La risposta data oggi dal ministero dell’Istruzione sulla vicenda dei contributi delle famiglie alle scuole è del tutto insoddisfacente perchè i controlli che vengono effettuati sono insufficienti e superficiali. Soprattutto, il sottosegretario Reggi ha omesso il nodo centrale, quello dei tagli alla scuola che hanno ridotto il comparto in ginocchio, dando luogo anche ad abusi».

Lo affermano i deputati del Movimento 5 Stelle in Commissione Cultura, commentando la replica del sottosegretario del ministero dell’Istruzione, Roberto Reggi alle interrogazioni presentate da deputati pentastellati, Gianluca Vacca e Danilo Toninelli. «Le due interrogazioni facevano riferimenti a episodi avvenuti in istituti scolastici di Pescara e nel cremonese, ma il problema dei contributi delle famiglie – che dovrebbero essere volontari e non, come a volte accade, estorti con l’inganno – ha carattere nazionale. Sono ormai anni che tali episodi si ripetono il Governo si è dimostrato incapace di trovare una soluzione».

«Succede infatti – proseguono i deputati del M5S – che troppi dirigenti scolastici richiedono ai genitori degli alunni contributi, senza specificarne il carattere assolutamente volontario, ma, anzi, facendo loro credere che si tratterebbe di un versamento obbligatorio. Talvolta, questa contribuzione viene addirittura presentata come tassa d’iscrizione. In altri casi è stato invece denunciato come, il mancato versamento di tale contributo da parte dei genitori, abbia causato all’interno delle scuole discriminazioni e vessazioni nei confronti dei loro figli».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top