Altri articoli

Santa Croce, tutto secondo copione

E’ stata firmato ieri l’accordo per la proroga della cassa integrazione in deroga, che riguarda i 78 lavoratori dello stabilimento Santa Croce di Canistro.

Secondo quanto prevede il provvedimento, 34 lavoratori saranno posti in cassa integrazione a zero ore, fino al 28 febbraio, mentre 44 dipendenti opereranno in azienda con orario ridotto. A darne notizia e’ il segretario interregionale Fai-Cisl Abruzzo e Molise, Franco Pescara. All’incontro per la firma dell’accordo erano presenti anche Marcello Pagliaroli (Flai-Cgil) e Leonardo Lippa (Uila-Uil). “L’azienda” , ha dichiarato Pescara, “ha confermato i 38 esuberi annunciati alla fine dello scorso anno, di cui 15 nel settore impiegatizio e 23 in quello produttivo.

Una scelta che rigettiamo con forza, motivata dall’evidente calo di commesse, ormai strutturale, registrato negli ultimi tempi. Le organizzazioni sindacali hanno chiesto alla societa’ Santa Croce che il ricorso alla mobilita’ sia esclusivamente volontario e incentivatoa” . Le posizioni, tra azienda e sindacati, restano al momento distanti. Il tavolo della trattativa torneraa’ a riunirsi il prossimo 3 febbraio, in Prefettura.

“Chiediamo all’azienda di presentare, in quella sede, un progetto di investimento sullo stabilimento di Canistro”, sottolinea Franco Pescara, “che preveda, dopo cinque anni di immobilismo, lo stanziamento di nuove risorse, soprattutto nel settore commerciale. Rigettiamo la scelta dell’azienda di procedere, in modo unilaterale, con la mobilita’ che, a nostro avviso, dovra’ essere adottata solo in forma volontaria e incentivata”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top