Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Politica

San Benedetto dei Marsi, impianti fotovoltaici: in arrivo i primi 150 mila euro


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“Dopo due anni e mezzo passati ad inseguire le società che avevano realizzato all’interno del territorio di San Benedetto dei Marsi alcuni parchi fotovoltaici, arrivano i primi frutti”. Lo afferma il presidente del consiglio comunale con delega all’Ambiente, Francesco Raglione. “Sono state sottoscritte ieri, 29 dicembre 2015, presso la sala consiliare, due convenzioni tra il comune di San Benedetto e la Società Sonnedix s.r.l. proprietaria di due parchi fotovoltaici costruiti nel 2010, in seguito al rilascio di specifiche autorizzazioni regionali, che imponevano alla società di stipulare prima dell’inizio dei lavori, una convenzione per il ripristino del sito una volta dismesso l’impianto e un’altra per la compensazione ambientale a pena di decadenza della stessa autorizzazione; due obblighi che avevano il compito di garantire sia il ripristino dello stato dei luoghi, evitando costi di smaltimento degli eventuali materiali abbandonati e soprattutto, garantire un ristoro economico per il danno ambientale procurato al paesaggio.

Nonostante il mancato adempimento di questi obblighi – spiega Raglione – il comune nel 2010 ha lasciato costruire tali impianti senza richiedere quanto per legge era dovuto. In poche parole si è consentito alla società di fare profitti milionari, senza che l’Ente ottenesse in cambio nemmeno un centesimo e, cosa più grave, tutto ciò è avvenuto nel totale silenzio sia nei confronti della cittadinanza, sia nei confronti della Regione, che ha rilasciato l’autorizzazione senza attivarsi per porvi rimedio per ben 3 anni! Tutto ciò è proseguito fino al cambio di amministrazione avvenuta il 27 maggio 2013, quando ci siamo accorti che la passata amministrazione si era resa protagonista di negligenze ed omissioni nella gestione della vicenda. Mentre tra il 2010 ed il 2013 si assisteva a questi virtuosismi amministrativi che andavano a vantaggio esclusivo dei privati ed a scapito della comunità Marruviana, nei paesi limitrofi, come ad esempio Collarmele, Cerchio e Villavallelonga le cose andavano diversamente: con i soldi delle convenzioni i comuni hanno incassato ingenti proventi, grazie ai quali hanno realizzato opere pubbliche, senza ricorrere ad indebitamenti.

Scoperta questa situazione – conclude Raglione – abbiamo preso contatto con la Regione e con la Società Sonnedix, la nomina di un legale e, dopo due anni e mezzo, si è riusciti a far sottoscrivere sia una polizza fidejussoria del valore di 280.000 euro a garanzia del ripristino dei luoghi una volta dismesso l’impianto, sia due convenzioni del valore di 150.000 euro per compensazione ambientale, che saranno utilizzati per realizzare opere pubbliche sul territorio comunale senza gravare sulle tasche dei cittadini. C’è da dire, inoltre, che l’iter attivato dalla nostra amministrazione per risolvere il caso Sonnedix è stato posto in essere anche nei confronti di altri 4 parchi fotovoltaici, che prima del nostro insediamento hanno seguito lo stesso negligente iter burocratico. A tutti i cittadini – conclude Raglione – ed anche a chi diceva che nulla era dovuto, auguriamo una buona fine e un buon inizio anno”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top