Connect with us

Abruzzo

Saldi estivi al via anche in Abruzzo, ecco i consigli del Codacons per evitare fregature

Pubblicato

on

Abruzzo – Saldi estivi in partenza anche in Abruzzo: gli sconti di fine stagione prenderanno il via il prossimo 7 luglio ma in regione le vendite non decolleranno. Lo afferma il Codacons, che ha condotto il consueto monitoraggio sulla propensione alla spesa dei consumatori durante il periodo di saldi.

Si registra anche in Abruzzo una generalizzata diffidenza da parte delle famiglie che inciderà sulla propensione all’acquisto – spiega l’associazione – Si prevede una buona affluenza nelle vie dello shopping e nei centri commerciali nei primi giorni di saldi, ma sul lungo periodo le vendite deluderanno le aspettative dei commercianti, nonostante quest’anno la percentuale media di sconto sarà più elevata rispetto al 2017.

“Oramai i saldi non sono più un appuntamento atteso dalle famiglie e hanno del tutto perso il loro valore – spiega il presidente Carlo Rienzi – Oggi infatti i consumatori, grazie all’e-commerce, possono trovare articoli scontati tutto l’anno, e per acquistarli non devono nemmeno uscire da casa, basta un clic sul PC o sullo smartphone. Anche per questo gli sconti di fine stagione non esercitano più alcun fascino sui cittadini e andrebbero del tutto aboliti”.

Come ogni anno, infine, il Codacons mette in guardia i consumatori della regione da possibili fregature, e diffonde i consigli utili per fare acquisti in sicurezza durante i saldi:

1 Conservate sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad es. perché il prodotto è finito, avete diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Avete due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

2 Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. State alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

3 Girate. Nei giorni che precedono i saldi andate nei negozi a cercare quello che vi interessa, segnandovi il prezzo; potrete così verificare l’effettività dello sconto praticato ed andrete a colpo sicuro, evitando inutili code. Non fermatevi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontate i prezzi con quelli esposti in altri esercizi. Eviterete di mangiarvi le mani. A volte basta qualche giro in più per evitare l’acquisto sbagliato o per trovare prezzi più bassi.

4 Consigli per gli acquisti. Cercate di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: sarete meno influenzabili dal negoziante e correrete meno il rischio di tornare a casa colmi di cose, magari anche a buon prezzo, ma delle quali non avevate alcun bisogno e che non userete mai. Valutate la bontà dell’articolo guardando l’etichetta che descrive la composizione del capo d’abbigliamento (le fibre naturali ad esempio costano di più delle sintetiche). Pagare un prezzo alto non significa comprare un prodotto di qualità. Diffidate dei marchi molto simili a quelli noti.

5 Diffidate degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto). Un commerciante, salvo nell’Alta moda, non può avere, infatti, ricarichi così alti e dovrebbe vendere sottocosto.

6 Servitevi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistate merce della quale conoscete già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell’acquisto.

Abruzzo

Gestione grandi emergenze: gli alpini dell’Aquila e l’Abruzzo scelti per la maxi esercitazione Vardirex

Pubblicato

on

L’Aquila – Gli Alpini del 9° Reggimento di stanza all’Aquila sono stati scelti per un’esercitazione di protezione civile su scala nazionale per la gestione della grandi emergenze. Vardirex, Various Disaster Relief Management Exercise, è stata presentata a Verona. Per la prima volta saranno schierati in campo circa 800 uomini espressione delle professionalità di Forze Armate e Associazione Nazionale Alpini con il supporto del Dipartimento di Protezione Civile.
Le aree operative in tre Regioni, Veneto, Piemonte e Abruzzo, prevedono un intervento all’unisono in situazioni di emergenza diverse, con l’intento di verificare le procedure e l’interoperabilità tra le componenti coinvolte nelle operazioni di soccorso in occasione di pubbliche calamità. Nel corso dell’esercitazione, che si svolgerà dal 18 al 21 ottobre, sarà testato il sistema operativo di una organizzazione complessa dove opera personale sia militare, sia civile, in relazione alle esigenze di coordinamento a livello locale e nazionale, al fine di rendere sempre più efficienti le capacità di intervento in emergenza.
In Abruzzo, a Coppito in prossimità dell’Aquila, personale del 9° reggimento alpini, del battaglione “Vicenza” opererà con il personale dell’ANA nell’intervento per un sisma che porterà alla gestione di sfollati. Parteciperanno all’esercitazione oltre al Dipartimento di Protezione Civile, aliquote delle organizzazioni di Protezione Civile territoriali e delle Prefetture assieme alle amministrazioni comunali interessate dall’evento. In Abruzzo sarà allestito un campo di prima accoglienza con un posto medico e le squadre soccorso civili e militari gestiranno il supporto all’evacuazione di una scuola. Nell’area di Coppito saranno impiegati anche assetti antincendio con l’impiego di aeromobili dell’Aeronautica Militare. La Protezione Civile regionale, le Prefetture, le Province e i Comuni interessati saranno parte dell’emergenza con l’attivazione dei Centri Operativi Comunali e dei Centri di Soccorso con l’apertura delle Sale Operative locali.
Sarà simulato l’intervento e la gestione delle emergenze conseguenti in occasione di un’alluvione nella zona di Fossano, dove, assetti del 32° reggimento genio guastatori, del reggimento logistico “Taurinense”, del 2° reggimento alpini e del 34° gruppo Squadroni “Toro” interverranno sul terreno accanto a squadre espresse dalla ANA e gestite dalla locale struttura di protezione civile.
In Veneto, nella zona del Monte Baldo, si interverrà in occasione di un evento sismico. L’esercito con personale del 2° reggimento genio guastatori e del reggimento logistico “Julia”; l’Associazione Nazionale Alpini con una squadra alpinistica e con il suo ospedale da campo. Il Field Hospital sarà in loco trasportato da assetti aeronautici. In Veneto verrà installata anche la sala operativa che gestirà, simultaneamente i tre scenari emergenziali e le decine di interventi sul terreno.
Il verificarsi di tre diversi eventi calamitosi, in tre aree e quasi simultaneamente, accrescerà enormemente le difficoltà di gestione rappresentando, se non un unicum, una rarità.
Continua a leggere

Abruzzo

Sanitopoli: Del Turco condannato per induzione indebita. Difesa: è rimasto un pugno di fango

Pubblicato

on

Avezzano – È stata confermata dalla Cassazione la condanna a 3 anni e 11 mesi di reclusione per l’ex governatore dell’Abruzzo Ottaviano Del Turco nel processo per la ‘Sanitopoli abruzzese’. In primo grado Del Turco era stato condannato a 9 anni e 6 mesi per associazione a delinquere e altri reati, in appello la pena era scesa a 4 anni e 2 mesi e per una precedente decisione della Suprema Corte era stata esclusa l’associazione e nell’appello bis, svoltosi davanti alla Corte d’appello di Perugia nel 2017, la pena era stata ricalcolata in 3 anni e 11 mesi. Ad accusare Del Turco di essersi fatto dare 850 mila euro, era stato l’imprenditore Vincenzo Angelini titolare di Villa Pini a Chieti. Con Del Turco è stato condannato in via definitiva anche Camillo Cesarone, a 3 anni e 9 mesi, ex capogruppo della Margherita nella Regione Abruzzo. In sostanza dell’iniziale insieme di accuse sono state confermate quelle di induzione indebita per fatti avvenuti
tra il 2006 e il 2007. Del Turco era stato arrestato nel 2008 ed era rimasto in carcere per 28 giorni, poi 2 mesi ai
domiciliari.

All’indomani della conclusione del processo a carico di Ottaviano del Turco, dieci anni dopo l’arresto suo e di molti componenti della sua Giunta Regionale d’Abruzzo, il suo difensore, l’avvocato Gian Domenico Caiazza, ha dichiarato: “Dieci anni dopo, di quella “montagna di prove” della quale vaneggiava il Procuratore di Pescara è rimasto un pugno di fango. Assolto dalla associazione per delinquere, dalla miriade di abusi e falsi, da 20 delle 25 dazioni di denaro contestate, Ottaviano Del Turco avrebbe dunque ricevuto illecitamente –dei 6 milioni e mezzo originariamente contestati-  850mila euro, non si sa più come, non si sa più perché. Non essendogli stato trovato indosso un solo euro di quel fantomatico denaro, si è ritenuto sufficiente poter desumere il reato dalle foto sfocate e sospette non della dazione del denaro, ma della presunta visita in casa sua dell’imprenditore Angelini. Un galantuomo innocente non può accontentarsi del crollo rovinoso dell’impianto accusatorio: quel pugno di fango è una infamia, una ingiustizia alla quale non possiamo arrenderci. Abbiamo lavorato duramente in questi ultimi mesi, e tra poche settimane depositeremo l’istanza di revisione di questa sentenza ingiusta, alla luce di fatti documentali e testimoniali incontrovertibili. Un pugno di fango è purtroppo sufficiente a distruggere la vita di una persona per bene, che ha onorato e servito da galantuomo le istituzioni della Repubblica; ma noi spazzeremo via anche quello”.

Continua a leggere

Abruzzo

Visite oculistiche per bambini con autismo non collaboranti, ecco come prenotare

Pubblicato

on

L’Aquila – Il 10 ottobre è la giornata mondiale per la vista e per la salute mentale. L’Aquila ha onorato questa data con l’avvio della campagna di screening visivo destinata a bambini e ragazzi con autismo e persone non collaboranti. Per la prima volta quindi nella nostra regione è stato possibile assicurare una visita oculistica a bambini con autismo con una strumento che dovrebbe essere in dotazione di tutti gli ambulatori del sistema sanitario; uno strumento fondamentale per coloro che appartengono alla fascia più debole della nostra società. Per la prima volta bambini con autismo non collaboranti hanno potuto verificare la qualità della vista. Per alcuni di loro, grazie alla valutazione effettuata dallo strumento, saranno necessari ulteriori accertamenti e si dovrà intervenire con occhiali e attività specifiche. Lo screening precoce ha dunque permesso di evidenziare anomalie che, se prontamente affrontate, potranno essere definitivamente risolte. Tale risultato è stato possibile grazie alla disponibilità di tanti amici e sostenitori che hanno raccolto l’appello a contribuire alla raccolta fondi per l’acquisto dell’autorefrattore Vision Screener binoculare portatile che, in pochi istanti, è in grado di valutare la qualità della vista di utenti non collaboranti. Lo strumento, concesso in uso alla Associazione “Una vista da aquilotto” e al Professor Lelio Sabetti, sarà a disposizione di tutti coloro che avranno necessità di uno screening accurato.

La prossima data è fissata al 14 novembre. Le modalità per la prenotazione sono indicate nel sito della nostra associazione al seguente link: https://www.autismoabruzzo.it/oculista-autismo/
Alle famiglie con autismo diciamo di approfittare di questa opportunità: un bambino su cinque ha un deficit visivo, e i deficit visivi non diagnosticati rappresentano la maggiore condizione di disabilità nei bambini (Fonte: CDC USA). Grazie alla disponibilità di Roberta Galli (madre di Marco, dodicenne autistico e nostra volontaria), assicuriamo alle famiglie
assistenza e consigli per rendere la permanenza a L’Aquila per la visita la più agevole possibile. Le attività del professor Lelio Sabetti e del suo staff sono garantite senza costi. Il contributo richiesto pari a 60€ verrà utilizzato per recuperare la somma spesa per l’acquisto dello strumento e per la quota di gestione delle spese fisse (ambulatorio, spese viaggio, ecc.).
Autismo Abruzzo Onlus sosterrà ogni iniziativa volta a replicare questa positiva esperienza.

Continua a leggere

Abruzzo

Studentessa universitaria e la figlioletta di 4 mesi cacciate dall’aula da un docente

Pubblicato

on

L’Aquila – Una giovane studentessa universitaria viene allontanata dall’aula perché in compagnia della figlioletta di soli 4 mesi. E’ quanto denunciato da Alessandro Maccarone, responsabile regionale Lega Giovani per l’università. Il fatto sarebbe accaduto presso il Dipartimento di Scienze Umana dell’Università dell’Aquila. “Giovane madre cacciata dall’aula universitaria presso il Dipartimento di Scienze Umane solo perché colpevole di avere con sé una bambina di 4 mesi, che per di più dormiva – riferisce Maccarone – Che un docente, aggravante: di Scienze della Formazione, si ponga nei confronti di uno studente da tutelare con questo atteggiamento è sintomo di un grave atto di inciviltà – sottolinea l’esponente della Lega – Confidiamo che la Governance di Ateneo si distacchi anche con i fatti dalle posizioni di intolleranza di qualche dipendente. Già dal prossimo Anno Accademico si applichi un principio di buonsenso e si prenda in considerazione l’ipotesi di agevolare le giovani madri con la realizzazione di servizi ad hoc sul modello di molte altre Università italiane – parcheggi per donne incinta, aree dedicate, fasciatoi nei bagni – e di una tassazione ridotta per una categoria fin troppo dimenticata dalle istituzioni. Massima solidarietà da parte della Lega Giovani ad una ragazza che non ha fatto altro che esercitare il proprio diritto allo studio” conclude la nota.

Continua a leggere

Abruzzo

Maurizio Di Nicola incontra i 55 lavoratori Tua vittime del decreto dignità

Pubblicato

on

Regione“Presso gli Uffici del Dipartimento trasporti, a Pescara, ho incontrato una delegazione dei lavoratori interinali della TUA S.p.A. che, a causa delle ambiguità normative del decreto dignità, hanno visto non rinnovato il loro rapporto di lavoro. Con me erano presenti anche il Direttore generale di TUA Spa, Alfonso Cassino, l’On. Camillo D’Alessandro ed il Dott. Tobia Monaco per il Dipartimento trasporti della Regione Abruzzo – lo ha dichiarato in una nota il consigliere regionale delegato ai Trasporti, Mobilità e Infrastrutture, Maurizio Di Nicola – L’azienda ha ribadito la volontà di proseguire i rapporti contrattuali con la società di somministrazione di lavoro, auspicando che i lavoratori, che bene hanno operato in questi anni, possano vedere garantite le loro opportunità di reddito, almeno fino all’espletamento del concorso già bandito dall’azienda di trasporto per reperire le medesime figure professionali. Preso atto che l’Associazione delle imprese del settore trasporti ASSTRA, lo scorso 3 ottobre – continua Di Nicola – ha voluto attivare un interpello nei confronti del Ministero del lavoro per conoscere la autentica interpretazione di talune norme del decreto dignità che disciplinano il cosiddetto periodo transitorio e che impattano sulla decisione che TUA Spa ha assunto, ho inteso supportare questa iniziativa con una nota aggiuntiva che dagli uffici regionali verrà indirizzata all’attenzione del Ministero del lavoro per sostenere la richiesta di ASSTRA e per sollecitare la massima premura. La riunione è stata aggiornata, per le possibili valutazioni, ad una data successiva alla risposta del Ministero e, comunque, ad una data che preceda la fine del mese di ottobre, termine entro il quale la vicenda dovrà necessariamente essere chiarita, per il migliore interesse dell’azienda e dei lavoratori interessati”.

Continua a leggere

Abruzzo

Abbattimento barriere architettoniche: dalla Regione fondi per le abitazioni private

Pubblicato

on

Regione – Circa due milioni di euro disponibili per l’abbattimento delle barriere architettoniche per un totale di circa 360 interventi negli edifici privati utilizzando da subito 758mila euro delle nuove risorse per lo scorrimento della vecchia graduatoria. L’assessore regionale ai lavori pubblici, Lorenzo Berardinetti, ha illustrato, in conferenza stampa, a L’Aquila, i dati relativi alla concessione di contributi statali per interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati come previsto dalla Legge n. 13/1989. Presente anche Armando Rampini, responsabile regionale dell’Ufficio Programmi, Norme e Programmi Integrati. La normativa prevede, infatti, che ai cittadini sia data la possibilità di accedere ai contributi, per eliminare le barriere architettoniche nelle loro abitazioni. I contributi sono concessi su immobili già esistenti dove risiedano persone disabili con menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, ma anche su immobili adibiti  a centri o istituti residenziali per assistenza ai disabili. I contributi possono essere richiesti per diversi interventi, che contemplano anche opere in parti comuni di un edificio (es. ingresso di un condominio) o installazione di rampe,  acquisto di attrezzature come montascale o servoscala, allargamento porte e adeguamento dei servizi igienici etc.

Da parecchi anni i fondi destinati all’abbattimento delle barriere architettoniche non venivano stanziati. Con questo finanziamento, pertanto, si intende coprire anche i fabbisogni inevasi degli scorsi anni. a Regione Abruzzo che, in questi anni, ha comunque provveduto ad effettuare delle ripartizioni dei contributi ai Comuni che hanno inviato le richieste dei privati ai sensi della L.13/89,  con fondi propri di bilancio, tuttora ha ancora una graduatoria aperta. Con Decreto Ministeriale n. 67 del 27/02/2018 ‘Riparto fondo speciale per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati’ sono state assegnate risorse pari ad € 4.439.610,51. Ad oggi quelle effettivamente accreditate alla Regione sono pari ad € 1.973.160,23 che saranno utilizzate in parte per lo scorrimento della graduatoria vecchia e la restante quota per soddisfare i fabbisogni per le annualità dal 2014 al 2017.

“Utilizzeremo così – ha commentato l’assessore Berardinetti – circa 758 mila euro delle nuove risorse per lo scorrimento della vecchia graduatoria, riuscendo a soddisfare ulteriori 157 beneficiari. Ma potremmo riuscire a finanziare oltre 200 ulteriori beneficiari. Poi con le erogazioni delle successive annualità, 2019 e 2020, avremmo ulteriori due milioni e 500mila euro. Abbiamo voluto invitare oggi  le associazioni che in Abruzzo si occupano dei bisogni delle persone diversamente abili. La Regione provvederà a scrivere ai Comuni, ai quali per legge andavano indirizzate le domande di contributo, al fine di conoscere il numero delle domande pervenute e poter determinare il fabbisogno complessivo regionale. I Comuni stessi, così come prevede la legge, dovranno effettuare gli accertamenti sull’ammissibilità delle domande e comunicare alla Regione l’elenco di quelle  ritenute ammissibili”.

Continua a leggere

Abruzzo

I viadotti di Strada dei Parchi sono a rischio crollo? Arrivano Le Iene [VIDEO]

Pubblicato

on

Regione – Le Iene tornano in Abruzzo per denunciare il pericoloso degrado in cui versano le infrastrutture autostradali che attraversano la Marsica e l’Abruzzo collegando la regione con il Lazio. E’ stata la iena Filippo Roma ad indagare sulle condizioni dei viadotti di A24 e A25, “trovando le strutture in condizioni allarmanti!”
Il giornalista ha esaminato lo stato dei piloni dei ponti con un ingegnere, che ha mostrato come il ferro e il calcestruzzo siano a “rischio di deterioramento”. “Basta la pioggia e il vento per staccarli – ha dichiarato l’esperto – a mani nude è possibile staccare il ferro dal pilone e spezzarlo”. 
“Come fai a non aver paura?”, dicono alla Iena gli abitanti che quei pilastri deteriorati li vedono dalle finestre delle loro case, come a Genova. Nel servizio viene ricordato da Augusto De Sanctis, del coordinamento No Toto, che Strada dei Parchi è la seconda autostrada più cara d’Italia.
Filippo Roma è andato a chiedere spiegazioni sulle allarmanti condizioni dei ponti al patron di Strada dei parchi, Carlo Toto mentre era dal suo barbiere di fiducia. “E la sua reazione non è certo conciliante”. Così la Iena ha deciso di chiedere ulteriori spiegazioni a chi dovrebbe vigilare interrogando prima l’ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e poi il ministro Danilo Toninelli che ha dichiarato lo stanziamento di fondi già nel 2019 per la manutenzione di A24 e A25 oltre ad una rinegoziazione della concessione con Toto e l’invio immediato di ispettori. VIDEO Federica Di Marzio 
Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com