Cronaca e Giudiziaria

Sacchi pieni di caramelle: più della semplice presentazione di un libro

Il pomeriggio di sabato 27 settembre è stato ricco di emozioni e di divertimento per quanti hanno preso parte alla presentazione del libro “Sacchi pieni di caramelle” di Fernanda Tabellione. Infatti, si è andati oltre la classica presentazione a cui tutti siamo abituati: il pubblico ha assistito ad un vero e proprio e spettacolo, venuto fuori dalle idee di Mario Fracassi, e messo in scena da Natascia Pietrangeli e Gianpiero Lolli, che hanno letto e rappresentato alcune delle filastrocche contenute nel libro, cimentandosi persino in piccole acrobazie.
“Il libro” – ci racconta Fernanda – “è una raccolta di filastrocche, rigorosamente in rima, magistralmente illustrate a tutta pagina da Ronny Gazzola. Il ritmo delle filastrocche ed i disegni che le accompagnano, lo rendono adatto ad un pubblico di molto piccoli che possono ascoltare e guardare, ma allo stesso tempo, il contenuto ed il linguaggio attirano anche bambini più grandi che le leggono autonomamente. Senza escludere, poi, gli adulti che amano ancora le filastrocche! Ma mi piace pensare che il messaggio contenuto in quello che scrivo, passi soprattutto agli adulti, mentre le leggono ai bambini”. Ed infatti oltre alla componente giocosa in cui tutti, grandi e piccini, si sono divertiti, non sono mancati spunti di riflessione per i genitori.
L’ispirazione per le filastrocche contenute nel libro viene dal ricordo che l’autrice ha delle sensazioni che provava da bambina, dall’osservazione attenta del comportamento dei più piccoli e dell’influenza su di loro da parte degli adulti. “Le scrivo da quando avevo 9 anni, ma le ho sempre tenute per me. Solo ora mi sono decisa a pubblicarle, poiché sentivo il bisogno di fare qualcosa di veramente mio, che mi realizzasse come persona, attraverso qualcosa di artistico che esulasse dalla ‘normalità’ della vita. Ed ogni volta che presento il libro per me è un’emozione ed è bellissimo vedere che anche gli altri seguono queste mie sensazioni, che in qualche modo riesco a trasmettergliele”. Ne è dimostrazione la fila di persone che c’era al termine della giornata per complimentarsi con Fernanda e per farsi autografare il libro, ansiose di portarsi via qualcosa in più rispetto a dei semplici fogli di carta colorati!

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top