Giudiziaria

Rubano 107 bombole di gas: tre arresti

La notte scorsa i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Sulmona, unitamente ai colleghi della Stazione di Castelvecchio Subequo, hanno arrestato per concorso in furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli A.R., classe ’55, E.B.R., classe ’88, Y. E., classe ’85, tutti di origine marocchina ma residenti ad Avezzano.

Questi sono stati controllati in località “La Villa” del comune di Secinaro a bordo di un furgone attese le circostanze di tempo e di luogo sospette. Infatti durante il controllo sono state rinvenute nel cassone 107 bombole di gas apparentemente vuote. I fermati non hanno saputo fornire una motivazione alla loro presenza in quel luogo a quell’ora ed il possesso di quel materiale. Mentre i militari effettuavano il controllo alla Centrale Operativa della Compagnia di Sulmona è giunta la segnalazione anonima dell’avvenuto furto proprio di quel materiale ai dannidi un noto deposito del luogo insistente proprio in località “La Villa”.

A quel punto è sembrata chiara l’illecita provenienza del materiale già intravisto durante il controllo dai militari che hanno chiesto manforte ai colleghi della Stazione di Castelvecchio Subequo che, già da due settimane, coordinano le attività di prevenzione e repressione di reati predatori in tutta la valle Subequana. I tre marocchino sono stati quindi condotti in caserma mentre si effettuava uno scrupoloso sopralluogo che ha fatto emergere violenza sulle cose da parte dei rei per appropriarsi della refurtiva. Sentita la parte offesa si è quindi proceduto all’arresto dei tre dandone tempestiva comunicazione al magistrato di turno della Procura presso il Tribunale di Sulmona, Dott. IAFOLLA. Questi disponeva la loro traduzione presso l’Istituto di Via Lamaccio ove attenderanno l’udienza di convalida che si celebrerà verosimilmente nella mattinata odierna. E.B.R. e Y.E., inoltre, sono risultati essere non in regola con il permesso di soggiorno e gravati da provvedimento di espulsione dal territorio nazionale e, pertanto, sono stati segnalati alla Questura di L’Aquila. Il mezzo e gli arnesi per lo scasso sono stati sequestrati mentre la refurtiva riconsegnata all’avente diritto.

Gli arresti operati questa notte sono il frutto di un massiccio controllo del territorio operato in tutta la Valle Subequana da parte della Compagnia Carabinieri di Sulmona a seguito dei furti verificatisi in quella zona e che hanno procurato un forte allarme sociale.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top