Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Rischio sismico: 4,2 milioni da regione ad Avezzano e Sulmona


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Crepe terremotoLa Regione Abruzzo ha messo a disposizione 4 milioni 200 mila euro per la prevenzione del rischio sismico nei Comuni di Sulmona e Avezzano. I contributi, riservati ai residenti, vanno dai 100 euro al metro quadro per il rinforzo (massimo 20 mila euro a richiesta) ai 150 euro a metro quadrato per il miglioramento (massimo 30 mila euro), fino ai 200 euro a metro quadrato per demolizione e ricostruzione (per un massimo di 40 mila euro). Lo hanno annunciato in conferenza stampa a Sulmona l’assessore regionale Gianfranco Giuliante e il sindaco del capoluogo peligno, Peppino Ranalli. I criteri di accesso saranno specificati in un bando. Si darà la priorità al grado di danneggiamento, alla vetustà e alla vicinanza dell’immobile alle vie di fuga indicate nel piano di evacuazione della protezione civile. «Abbiamo cominciato dai due Comuni con il più alto indice di sismicità – ha spiegato Giuliante – i soldi non sono tanti, ma è già qualcosa».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top