Attualità

Rifondazione Comunista L’Aquila: “E’ora di fare chiarezza sulla gestione del Cam”

Avezzano – “Il Consorzio Acquedottistico Marsicano è sull’orlo del fallimento. I 30 Comuni Marsicani gestiti dal CAM (gestione del ciclo idrico e del sistema di depurazione e fognario) rischiano di subire gravissime ripercussioni sulla funzionalità del servizio idrico comunale con enormi disagi per i cittadini e per il sistema produttivo locale”. E’quanto si legge in una nota della segreteria provinciale di Rifondazione Comunista.

“Tutto questo – continua la nota – a causa di una gestione dissennata del CAM invaso e controllato dalla politica con il suo carico di clientele e di inefficienza. La gestione di questo consorzio negli anni passati è stata sempre aspramente criticata per poca trasparenza nei bilanci e per inefficienza nelle gestioni tecniche delle reti e delle utenze.

Consulenze esterne astronomiche e costo esorbitante dell’apparato burocratico e politico hanno determinato questa situazione di criticità che sta affossando l’ente. In tutto questo dissesto tecnico e finanziario la politica o meglio la mala politica ha svolto un ruolo determinante e negativo, invadendo e occupando il CAM con assunzioni gonfiate e clientelari (elettorali) e con la nomina di manager super pagati.

Questa stessa politica che ha contribuito a creare il disastro CAM ora cerca di intimidire il Sindaco di Luco dei Marsi che non fa altro che tutelare il suo Comune e difendere i suoi concittadini. A lei e alla sua azione coraggiosa va tutta la nostra solidarietà e la nostra vicinanza.

E’ giunto il momento di fare chiarezza sulla gestione del CAM, di individuare i responsabili che hanno prodotto questo disastro e di impedire che, ancora una volta, siano i cittadini a pagare le scelte sbagliate e gli errori della politica”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top